Trapani a Barcellona per un derby da vincere

Trapani a Barcellona per un derby da vincere

Commenta per primo!

Il basket nostrano non si ferma per le feste, e a cavallo del nuovo anno il campionato di A2 maschile mette in archivio il girone d’andata. Un giro di boa che vede la Pallacanestro Trapani arrivare all’ultima tappa con 8 vittorie e 6 sconfitte, portando a casa nel giro di 6 giorni la prima vittoria in trasferta a Rieti e il successivo primo ko casalingo contro Agrigento. 16 punti in classifica, piena zona  playoff, gioco a tratti altalenate, per una formazione che Ducarello sta provando a plasmare a sua immagine nel tentativo di dare smalto ai lati oscuri del talento ancora inespresso dal suo ottimo roster. La sconfitta di domenica ha dimostrato che il PalaConad resta un ottimo fortino ma di certo non inespugnabile, con la crescita e le ambizioni granata che passano inevitabilmente dalle sfide in trasferta, iniziando magari da domenica sera in quel di Barcellona per il secondo derby consecutivo. Un progetto nuovo e ridimensionato quello dei messinesi, che hanno cambiato proprietà, struttura e ambizioni, puntato adesso ad una salvezza rapida. Obiettivo al momento lontano, visto che i ragazzi di coach Bartocci segnano il passo in classifica col l’ultimo posto a quota 6 punti. Panchina poco profonda, roster limitato e tanti infortuni stanno caratterizzando la stagione dei giallorossi guidati in cabina di regia dal giovane Simone Centanni, prima esperienza in A2 ma molto volitivo e dinamico con oltre 8 punti a gara e in crescita in difesa. Il grosso dei punti arriva dal duo straniero formata dalla guardia Lenzelle Smith Jr. (1991), di Ohio State, che garantisce 15 punti e 6 rimbalzi di media e l’esperta ala piccola argentina Franco Migliori (1982),  ottimo tiratore con oltre 14 punti media a gara. Il pivot è David Loubeau (1989), reduce da una buona esperienza nella seconda lega israeliana. La sua esplosività lo rende un grande intimidatore d’area, ma  sa abilmente giocare sia spalle che fronte a canestro, affidandosi alla sua mano educata ed alla rapidità di movimenti. La stagione in corso lo vede ottimo protagonista, con 18.1 p.ti, 7.8 rimbalzi, 4.2 falli subiti ed un buon 57%  Dovrebbe tornare arruolabile invece Matteo Fallucca, che tenterà di rientrare contro i granata. Finora va a referto con 8.6 p.ti (62% da due). Sempre più spazio sta trovando il giovane playmaker Alessandro Maccaferri (1995), che si è fatto apprezzare nella passata di A2 Gold nelle fila di Mantova. Tra le altre rotazioni  il pivot classe 86 Andrea Capitanelli (4.8 pt), il quattro Corrado Bianconi classe  94′  e l’ala pivot Dario Cefarelli, classe 93′. Un squadra nel complesso giovane  ,di certo animata dal pubblico locale  e da una rivalità storica con i granata che di certo garantirà un’accoglienza particolare agli ex granata Ganeto, Filloy e il coach Ugo Ducarello.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy