Trapani-Barcellona: scrimmage o derby vero?

Trapani-Barcellona: scrimmage o derby vero?

Un derby “atipico” a giochi ormai definiti. Saprà regalare al pubblico un clima degno da derby?

Un derby è pur sempre un derby! E la storia racconta che Trapani e Barcellona se le sono date di santa ragione in quest’ultimo decennio tra A dilettanti e serie A2! Tuttavia la classifica è ormai chiara e le posizioni delle due siciliane sono ormai definite per quest’ultima giornata di regular season che avrebbe avuto un fascino certamente maggiore a giochi ipoteticamente ancora aperti. E’ pur vero che le ambizioni di Trapani e Barcellona ai nastri di partenza del campionato erano più o meno delineate con i giallorossi di coach Trimboli (ad inizio torneo guidati da Bartocci) ad inseguire una salvezza e i granata di Ducarello (uno degli ex di turno) per un campionato da protagonista da condividere magari con Scafati e compagnia bella presso i piani alti del torneo di Serie A2. Così non è stato (almeno parzialmente) in quanto Barcellona è retrocessa e Trapani ha agguantato in extremis un posto nei play-off che in ogni caso la consacreranno come vera e propria “mina vagante” della post-season date le enormi potenzialità del roster allestito da patron Basciano. Barcellona avrà comunque il compito di onorare fino all’ultimo questo torneo e, trattandosi pur sempre di un derby molto sentito, Trapani non starà di certo a guardare galvanizzata dal buon momento che ha visto i granata violare il difficile parquet di Agrigento in occasione dello scorso turno di campionato. Roster di altissimo livello quello di coach Ugo Ducarello che può permettersi di schierare tra gli esterni un fuori-categoria come Keddric Mays, incubo dei giallorossi ai tempi dei derby con Capo D’Orlando, Kennet Viglianisi (calabrese di Scilla, scuola Viola e Reggio Emilia ex Torino), il rientrante Claudio Tommasini, l’ex Sassari (e campione d’Italia) Massimo Chessa e l’ex giallorosso Gabriele Ganeto il quale, pur disputando una sola stagione a Barcellona, ha lasciato da quelle parti un ricordo indelebile meritandosi l’appellativo di “Mito Ganeto”! Sotto le plance la qualità non cambia! Ecco un altro illustre ex come Demian Filloy capace di spaziare su tutto il perimetro e dotato di un buon tiro oltre l’arco. Centro titolare è l’immenso Andrea Renzi giocatore che per tecnica e potenzialità è da “piano di sopra”. Il nuovo innesto Stanley Okoye (statunitense con passaporto nigeriano che ha iniziato la stagione a Matera) che è arrivato a Trapani per sostituire l’infortunato Taylor Griffin, fratello del più celebre fratello Blake dei L.A. Clippers, ha compensato il vuoto lasciato dalla forte ala operata al quadricipite femorale. Completano il roster i giovani Mirko Gloria, Giorgio Costadura e Mattia Molteni.

Appuntamento questa sera, sabato 23 aprile 2016, alle ore 21.00 per la 30^ e ultima giornata di regular season presso il PalaConad di Trapani dove Barcellona saluterà la serie A2 dopo 6 anni di gioie e dolori e Trapani preparerà la post-season cercando di evitare cali di tensione. Una cosa è comunque certa nonchè piccola soddisfazione per Barcellona che anche in caso di sconfitta i giallorossi conserveranno la superiorità nei derby vinti contro Trapani con un attivo di 6 vittorie contro le 4 dei granata.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy