Torneo Città di Ragusa: Trapani batte Massagno e conquista la finale

Ottima prestazione dei granata che conquistano un posto nella finale del 2° Torneo Città di Ragusa battendo il Sam Basket Massagno 79-54.

Commenta per primo!

Pallacanestro Trapani – Sam Basket Massagno: 79-54

Parziali: (24-8; 15-16; 22-15; 18-15)

Pallacanestro Trapani: Mays 16, Renzi 6, Filloy, Scott 20, Costadura, Tavernelli, Viglianisi 7, Cusenza, Ondo Mengue 5, Simic 6, Tommasini 5, Ganeto 14.

All.: Ugo Ducarello; Ass.: Matteo Jemoli, Daniele Parente.

Sam Basket Massagno: Evans 13, Ishiodu, Martino 5, Bracelli 3, Magnani 3, Huttenmoser, Cugini 5, Solcà 7, Andjelcovic 9, Appavou 3, Bergstedt 6.

All.: Renato Pasquali; Ass: Tommaso Gergati

Arbitri:Cappello di Porto Empedocle, Attard di Priolo, Raimondo di Scicli

Spettatori: 400 circa

Ragusa. Ottima prestazione dei granata che conquistano un posto nella finale del 2° Torneo Città di Ragusa battendo il Sam Basket Massagno 79-54. A prescindere dal risultato, si possono certamente trarre buone indicazioni da questa partita. Prima fra tutte, l’impatto di Carleton Scott che, in 22’ di utilizzo, realizza 20 punti e conquista ben 8 rimbalzi. Altra buona notizia, il fatto che finalmente coach Ducarello abbia avuto a disposizione tutti i suoi effettivi compresi Tommasini (già visto per qualche minuto a Montecatini) e Ganeto alla prima partita dopo l’infortunio alla caviglia. I granata sono stati sempre padroni del gioco provando ad imporre dal primo all’ultimo minuto un gran ritmo in difesa e riuscendo anche a realizzare ottime trame offensive.

1°Quarto. Partono subito forte gli uomini di coach Ducarello che imprimono un ritmo asfissiante all’incontro e, nei primi 4 minuti, si portano in vantaggio 14-2. Parziale costruito grazie alla pressione difensiva ed ai canestri di Mays e Ganeto. I due allenatori cominciano presto il valzer dei cambi ma la Pallacanestro Trapani è comunque molto brava a tenere alto il ritmo del match e conclude la frazione in vantaggio 24-8.

2°Quarto. Impatto sulla partita completamente diverso degli svizzeri in questo secondo quarto che, pronti via, piazzano un parziale di 7-0 che costringe coach Ducarello a chiamare il primo time-out della partita. La tripla di Scott ed il gioco in post basso di Renzi restituiscono però a Trapani un buon margine di vantaggio (31-16 al 5’). Filloy e compagni gestiscono bene i possessi ma Evans, prima con un alley-oop acrobatico e poi con due punti di tabella dopo un fulmineo cross-over, realizza 4 punti spettacolari che infondono coraggio ai suoi. Il Sam Basket prova a rientrare fino alla fine ma Trapani si garantisce il riposo lungo con un buon margine di vantaggio (39-24).

3°Quarto. Bell’inizio di periodo con le due squadre che si affrontano a viso aperto e realizzano con costanza (48-34 al 23’). Un parziale di 6-3 targato Scott (2 poderose schiacciate ed un arresto e tiro) regala ai granata il massimo vantaggio al 27’: 54-37. L’attacco di Trapani è fluido e la tripla di Scott (il migliore dei suoi) regala il +22 ai Siciliani che concludono la frazione in vantaggio 61-39.

4°Quarto. Continua il momento favorevole dei granata che grazie alla buona gestione di Tommasini ed ai canestri di Viglianisi si portano sul 73-44 al 35’. Gli ultimi 5 minuti servono soltanto per le statistiche. Finisce 79-54 per la Pallacanestro Trapani che conquista meritatamente la finale del memorial Matteo Ancione.

Ugo Ducarello (coach Pallacanestro Trapani): “Abbiamo fatto dei passi in avanti importanti per quanto riguarda l’aggressività. L’impatto difensivo è stato ottimo ed in attacco abbiamo provato a passarci di più la palla. Siamo ancora un po’ indietro per quanto riguarda la condizione fisica ed il programma tecnico ma questi tornei sono importanti sia per acquisire i tempi della partita che per provare qualcosa di nuovo. Sono molto contento del rientro di Tommasini e Ganeto ed anche dell’impatto di Simic e degli altri giovani che avevano bisogno di prendere fiducia e confidenza col campo”.

Renato Pasquali (coach Sam Basket Massagno): “Siamo venuti a questa competizione per imparare. Siamo una squadra molto giovane ed affrontare avversarie di questo livello ci farà capire cosa significa giocare ad un livello fisico più alto. I nostri 2 americani sono arrivati solo martedì ed avranno bisogno di un po’ di tempo per ambientarsi ma sono invece molto soddisfatto dell’impatto avuto dai ragazzi svizzeri. Pe noi l’obbiettivo di questa stagione, oltre a quello dei play-off, è sicuramente quello di far crescere e migliorare i giovani del nostro vivaio”.

FONTE: Uff. Stampa C.S. Pall. Trapani

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy