Trapani, mesta chiusura in quel di Brescia

Trapani, mesta chiusura in quel di Brescia

Commenta per primo!

Accompagnati dai fischi del PalAuriga, la Lighthouse Trapani si appresta a concludere la sua pessima stagione nel campionato di A2 Gold. Il pubblico trapanese, domenica scorsa, nonostante la sudatissima vittoria contro Casalpusterlengo, ha manifestato sonoramente la propria delusione nei confronti della squadra di casa. Anche contro l’abbordabile Casalpusterlengo, Renzi e compagni hanno mostrato le proprie lacune, soprattutto mentali, che li hanno accompagnati per l’intera stagione, c’è voluto un canestro sulla sirena di Baldassarre per rimandare battuti i più meritevoli lombardi. Il presidente Basciano ha preannunciato che probabilmente coach Lardo verrà riconfermato, anche se la piazza lo gradisce come il “fumo negli occhi”, mentre ci sarà una rivoluzione nel roster, solo pochi si salveranno dalla “mannaia” del proprietario trapanese, cosa ampiamente preventivata. Anche Julio Trovato dovrebbe salvarsi, all’Amministratore Delegato, anche lui ampiamente colpevole, gli sarà data un’altra possibilità. Ancora però manca l’ultima fatica, si fa per dire…, infatti domenica Trapani chiuderà il suo “calvario” in quel di Brescia. I piemontesi ormai certi del secondo posto, sono reduci dalla debacle di Barcellona, ma certamente prima di cominciare i playoff, vorranno non fare sconti ai malcapitati granata. La Leonessa Brescia è allenata da Andrea Diana, coach che ha portato di peso i suoi in una nobile posizione di classifica e con tutte le carte in regola per contrastare Verona per l’unico posto per la serie A1. Il quintetto di Brescia vede in cabina di regia l’italo/argentino Juan Fernandez, peraltro assente nell’ultima uscita. In posizione di guardia agisce l’americano Roberto Nelson, che finalmente ha messo da parte i continui infortuni, mentre in ala gioca Federico Loschi, che durante l’anno ha dato un notevole apporto alla causa bresciana. L’altro americano è Justin Brownlee, all’andata a Trapani strepitoso (36 pt),  vero terminale lombardo, in posizione di pivot c’è l’eterno Alessandro Cittadini, che nonostante i 36 anni, prosegue con profitto la sua importante carriera. Dalla panchina escono il play tascabile Marco Passera, abile a cambiare il ritmo alla propria squadra, ottimo anche il contributo del figlio d’arte Mirza Alibegovic, l’ala, figlio del “mitico” Teo, è un sopraffino tiratore dalla lunga distanza. Decisamente positiva anche la stagione di Andrea Benevelli, anche lui molto prolifico quando viene chiamato in causa da coach Diana. Chiudono il roster lombardo Joshua Giammò e Daniele Tomasello. Domenica a Brescia ci sarà il classico ultimo giorno di scuola, però con i piemontesi proiettati verso i  playoff, mentre i trapanesi con la testa alle “immeritate” vacanze.

ARBITRI: Alessandro Tirozzi di Bologna, Angelo Valerio Bramante di San Martino Buon Albergo (VR) e Marco Scudieri di Maserada sul Piave (TV).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy