Trieste chiamata all’impresa, Torino cerca al Ruffini una nuova vittoria

Trieste chiamata all’impresa, Torino cerca al Ruffini una nuova vittoria

Commenta per primo!

Dopo l’importante vittoria di Napoli, la PMS Torino ha come obiettivo per la prossima partita casalinga il mantenimento del primo posto in classifica; la squadra di Pillastrini non può permettersi passi falsi contro una formazione che lotta per non retrocedere e in crisi di risultati e di condizione. Com’è successo in queste prime giornate sarà determinante il contributo di Valerio Amoroso, che in attesa del pieno recupero di Mancinelli dovrà far valere la sua abilità sotto canestro insieme a Wojciechowski : quinto rimbalzista di tutta la Lega Gold con 9 rimbazli di media a partita, Amoroso dovrà vedersela con il roccioso Diliegro quarto nella stessa classifica con 9,1 rimbalzi di media; Amoroso è anche il miglior realizzatore di Torino con 19 punti di media. Dietro di lui Evangelisti con 15,5 punti di media; a seguire Lorenzo Gergati con 12,8 punti di media e Chessa utilizzato più da play che da guardia in attesa del rientro di Steele con 11,8.

Trieste dal canto suo viene da un periodo nero, da cui spera di uscire il prima possibile grazie alla compattezza del gruppo e alla leadersheep di Ryan Hoover, decisivo a Imola ma in grosse difficoltà fisiche nelle ultime settimane; la squadra giuliana si affiderà ancora una volta ai freschi campioni europei u20 Ruzzier e Tonut e alla forza fisica di Diliegro miglior realizzatore biancorosso con 14,4 punti di media a partita, sperando in ulteriori passi incoraggianti da Will Harris, che viaggia a 12,8 punti di media: ovviamente sarà determinante avere un Hoover finalmente in forma campoionato, anche se sarà difficile vederlo in forma da un momento all’altro.

L’occasione per Torino sembra ghiotta per mantenere il primo posto in classifica ed acquisire ulteriore consapevolezza nei propri mezzi; l’importante sarà non sottovalutare la formazione del presidente Ghiacci che per come è strutturata deve giocare tutte le partite come fossero finali; partita nel complesso interessante e che non lascerà delusi i tifosi piemontesi.

Anche la PMS vuole aiutare concretamente la Sardegna: in occasione della partita di domenica saranno allestiti due punti informativi aperti al pubblico per raccogliere abiti e indumenti e poter sottoscrivere donazioni destinate alle popolazioni alluvionate; “Uniti per la Sardegna” è il gesto concreto organizzato anche dalla società piemontese.

Palla a due domenica alle ore 18.00 al Palaruffini.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy