Viola – Biella, una sfida nel segno di Brackins

Viola – Biella, una sfida nel segno di Brackins

Biella cavalca sogni di PlayOff grazie a dieci vittorie nelle ultime dodici partite; la Viola,invece, è tristemente ancora “infognata” nella corsa per non retrocedere all’interno di una bagarre che coinvolge maggiormente i reggini,Omegna e Rieti.

Commenta per primo!

In pochi ad inizio campionato avrebbero pronosticato l’attuale classifica per Biella e Reggio Calabria. In pochissimi, avrebbero “azzeccato” il tassello del ranking delle due compagini dopo la gara vinta dai reggini al PalaCalafiore nella sfida di andata contro una Biella in crisi. Oggi, la classifica parla chiaro.

Biella cavalca sogni di PlayOff grazie a dieci vittorie nelle ultime dodici partite; la Viola,invece, è tristemente ancora “infognata” nella corsa per non retrocedere all’interno di una bagarre che coinvolge maggiormente i reggini,Omegna e Rieti. L’”atipicità” del mercato dell’Angelico dopo l’infortunio di Hall e la cessione di Grande al Latina ha dell’incredibile; per la Viola,invece, strategie contrarie con continui cambiamenti nel roster a caccia della alchimia giusta che non è ancora mai arrivata. Le due vittorie su sei partite del nuovo corso targato Fabrizio Frates lasciano perplessi e preoccupati i tifosi. L’incubo della retrocessione in Serie B è davvero una possibilità concreta per i calabresi?

Gara dell’ex per l’uomo più in forma dei reggini Craig Lee Brackins, a Biella per una parte di stagione nel 2012 con dodici partite disputate e centoventotto punti realizzati. Il giovane Valerio Costa, regista dei regini ritroverà Coach Carrea, suo allenatore all’interno dello splendido scudetto Under 19 vinto a Casalpusterlengo due anni fa. Biella arriva alla gara in un momento di forma smagliante:tante responsabilità per l’americano Ferguson che partirà certamente in quintetto con Infante,Venuto,De Vico e Saunders,i protagonisti della vittoria in quel di Scafati nel turno pre-pasquale. Banti e Pierichi completano il roster accanto al giovane Andrea La Torre. Nel roster c’è anche Ariel Svoboda, argentino originario della costa ionica(Siderno di Reggio Calabria per la precisione) visto per tante stagioni da avversario della Viola.

La Viola “ad intermittenza” aspetta risposte importanti:il tour de force per non retrocedere inizia in Piemonte e proseguirà nella gara interna contro Agrigento, la trasferta di Barcellona ed una sfida che potrebbe risultare decisiva contro Rieti nell’ultima giornata. Dopo la più brutta gara dell’anno,quella del turno precedente contro la Orsi di Tortona, Roberto Rullo, top scorer della sfida di andata vinta dai reggini con il risultato di 82 a 69 con 19 punti è atteso al riscatto: la guardia di Lanciano in compagnia di tutto il roster dovrà mostrare carattere per evitare l’ennesimo passivo della stagione. Angelico Biella-Bermè Reggio Calabria sarà diretta dal Sig. Mauro Moretti di Marsciano (PG), dal Sig. Gianluca Capotorto di Palestrina (RM) e dal Sig. William Raimondo di Roma (RM).

QUI BIELLA

Michele Carrea (allenatore) – “In questa fase della stagione dobbiamo riuscire a spostare tutto quello che è ancora vivo in stimolo, energia e attenzione verso la partita di domenica contro Reggio Calabria. Abbiamo chiaro il film della partita che ci può portare a vincere, sappiamo esattamente quello che serve fare. Mancano quattro incontri per arrivare al traguardo della stagione regolare, bisogna essere capaci a calibrare le forze, raccogliere quello che è rimasto a livello di energie nervose e indirizzarlo nella giusta direzione. Reggio Calabria è un’avversaria molto ostica con una fame di punti che tantissime squadre non hanno. Non mi piace giudicare i calendari perchè alla fine tutti giocano contro tutti; è chiaro tuttavia che scontrarsi con avversarie bloccate nelle zone basse della classifica è un grande vantaggio se si affrontano prima che le partite diventino ‘vita o morte’. Il match di domenica per Reggio Calabria è molto simile a una sfida decisiva. Il secondo pericolo è dato dal loro talento, da atleti che nei loro percorsi professionali hanno dimostrato di avere qualità per giocare da protagonisti in questa lega, e alcuni anche in categorie superiori. Va aggiunto infine che arrivano da un cambio in corsa alla guida tecnica, e questo rende la sfida ancora più difficile. Sono convinto infatti che l’impatto di coach Frates sul lavoro della squadra dopo due settimane possa dare i suoi frutti. Sono rimasto positivamente colpito da come i ragazzi sono rientrati dopo la pausa di Pasqua e dal lavoro sviluppato in settimana. Anche per questo motivo sono molto fiducioso. Con il sempre importante supporto dei nostri tifosi, domenica possiamo superare tutti gli ostacoli che incontreremo e avvicinarci ancora di più al sogno playoff”.

Diego Banti (giocatore) – “Stiamo attraversando un periodo molto positivo. Dopo le difficoltà della prima parte di stagione siamo riusciti a restare uniti e a trovare la giusta quadratura, anche grazie al sostegno di tifosi e società che non ci hanno mai fatto troppe pressioni. Tutto questo ci ha aiutato a trovare il cambio di marcia di cui avevamo bisogno e a fare ancora più coesione. È nelle difficoltà che si creano e si vedono i grandi gruppi. Settimana dopo settimana siamo diventati una squadra consapevole delle proprie capacità. Tutti siamo protagonisti, di domenica in domenica riusciamo ad approfittare al meglio i vantaggi che ci lascia l’avversario. Vogliamo continuare a vincere e a ripeterci già contro Reggio Calabria davanti ai nostri tifosi. Abbiamo ancora tanta fame”.

Note – Mike Hall (infortunato) unico assente.

Fabrizio Frates (coach) – “La sfida di domenica è molto delicata. Biella è profondamente diversa rispetto alla gara di andata: ha cambiato assetto e modo di giocare. Il nostro avversario sta vivendo un momento positivo, di grande fiducia: ha vinto 4 partite consecutive, l’ultima delle quali contro la prima della classifica, Scafati. Ad avvio di campionato, Biella ha avuto delle difficoltà, sembrava dovesse rimanere coinvolta nella lotta per non retrocedere, invece è riuscita a togliersi dalle sabbie mobili della coda della classifica. Sarà dunque un partita particolarmente impegnativa, che noi dovremo assolutamente vincere per risalire la graduatoria e quindi evitare i playout. In settimana abbiamo fatto uno scrimmage a Capo d’Orlando per riprendere il ritmo partita dopo la pausa pasquale. È stato un test positivo. Approfitteremo degli ultimi allenamenti a nostra disposizione per arrivare pronti alla gara: vogliamo presentare il nostro volto migliore, che è quello della gara con Casalpusterlengo”.

Marco Mordente (giocatore) – “Biella sarà per noi una gara di fondamentale importanza. Domenica ci troveremo di fronte un avversario che ha nell’entusiasmo la sua arma vincente. Se oggi Biella si trova ad essere nella parte alta della classifica lo deve proprio a questo: se lo merita, perché nei momenti di difficoltà non ha perso la testa ed ha continuato a lavorare sodo. Biella è la prima delle quattro finali di questo campionato, gare che dovranno essere affrontate con cuore e grinta. Vincerà chi avrà più determinazione e cattiveria agonistica”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy