Virtus Roma-Npc Rieti, la preview

Virtus Roma-Npc Rieti, la preview

Commenta per primo!

Torna lo storico derby laziale nel basket italiano, quel Virtus Roma-Npc Rieti che andrà in scena al PalaSojourner venerdì alle 20.30 per la prima volta dopo una lunga assenza. Le due squadre si sono scontrate  in partite infuocate negli anni che furono, e si sono incontrare ancora nella serie A1  nelle stagioni 2007/08 e 2008/09. Vi ricordate? A quei tempi erano entrambe nella massima serie, Roma giocava al PalaEur (per chi ha memoria o era presente come la sottoscritta, difficile dimenticare la prima partita in A1 di Rieti sul campo romano, invaso letteralmente da migliaia di tifosi reatini in trasferta), erano altri tempi, era un altro basket. Un po’ diverso lo scenario in cui oggi le due società di trovano a rivivere lo storico derby, con Rieti che ha appena ritrovato la A2 e con Roma che, come tutti ormai sanno, dopo un’estate travagliata si è autoretrocessa.  Partita fondamentale per entrambe le squadre, Rieti arriva all’incontro  con un sospiro di sollievo in più, dopo la mirabolante vittoria al  supplementare della settimana scorsa contro Casalpusterlengo, valsa due    fondamentali punti che la allontanano dal fondo classica, dove invece la  sua rivale romana è ferma a 0 punti in compagnia di Biella e Omegna. La crisi di Roma è piuttosto evidente: le tre sconfitte consecutive sono un  segnale forte di problemi da risolvere, così come lo è la scarsa qualità  dell’attacco romano, il meno efficace del girone Ovest. La pressione di  certo non è poca, nè è facile concentrarsi in un clima di malumore  generale che ha portato la squadra ad uscire tra i fischi al termine  dell’ultima partita persa con Agrigento…e sicuramente il parquet reatino,  notoriamente caldo, non è proprio il posto più facile dove ritrovare la via  giusta. Roma dovrà avere di più, molto di più, dai suoi italiani e dai suoi  americani, che fino ad oggi hanno segnato poco e sono sembrati in  difficoltà al momento di dover prendere responsabilità importanti:  Olasewere e Callahan sono stati i migliori realizzatori contro  Agrigento, ma anche i loro errori sono stati davvero troppi; Voskuil, ormai strettamente marcato da tutte le difese avversarie, potrebbe essere la chiave per Roma: se il suo micidiale tiro trova spazio può dare una spinta ai suoi compagni, in particolare al giovane e talentuoso Benetti, altro fattore che potrebbe dare a Roma una carica in più. Di certo ci si aspetta di più dagli italiani Maresca, Bonfiglio, Meini e compagnia, finora davvero poco incisivi. Rieti dal canto suo può farsi forte della bella vittoria contro l’Assigeco che sicuramente ha risollevato gli animi e dato più forza al gruppo e cavalcare l’efficacia dei suoi americani Buckles e Pepper, fondamentali nel successo della scorsa settimana; importante anche la componente italiana: Parente, Benedusi e compagni devono replicare (e migliorare) le buone prestazioni contro Casalpusterlengo per una chance di vittoria. Ultimo ma non ultimo, Rieti dovrà essere brava a usare un suo fattore che può essere fondamentale, il pubblico: il PalaSojourner è un campo notoriamente caldo e i tifosi reatini sosterranno sicuramente i loro ragazzi fino a sgolarsi, e questo può dare una carica al gruppo che può davvero fare la differenza. Una sfida importante, una sfida sentita e storica, una sfida che sa di gara per la salvezza e che riporterà alla memoria ricordi dolce-amari: tutti motivi che rendono Virtus Roma-Npc Rieti una partita da non perdere!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy