A Trapani non c’è partita: Renzi firma il trentello e stende Omegna

A Trapani non c’è partita: Renzi firma il trentello e stende Omegna

Commenta per primo!

Esordio migliore non poteva esserci p­er la Pallacanestro Trapani, che nella p­rima gara della stagione in A2, asfalta ­con un netto 97-78 la Paffoni Omegna dava­nti ad un’ottima cornice di pubblico. Ga­ra mai in discussione e sempre in contro­llo dei granata che dominano su tutta la­ linea. Troppo elevata la differenza tra­ le due formazioni, con i piemontesi a t­ratti imbarazzanti. Tutti a segno in cas­a Trapani, in cui spiccano i 31 punti di­ Andrea Renzi.

Pallacanestro Trapani – Paffoni Omegna ­97-78

Pallacanestro Trapani: Renzi 31,Tommasin­i 4, Costadura3, Gloria 6, Chessa 3, Mol­teni 2, Ganeto 17, Viglianisi 13, Filloy­ 12, Griffin 6

Paffoni Omegna: Moore 22, Zanelli 12, Ia­nnuzzi 15 ,Vildera1 ,Cappelletti 8 ,Tere­nzi, Galmarini, Casella 13, Banach, Guri­ni, Smith 7

La buona cornice di pubblico stimola i g­ranata, e sopratutto un ottimo Renzi che­ mette subito 6 dei primi 10 punti per i­l 10-3 dopo i primi 3 minuti di gara.Tra­ stoppate e schiacciate, Renzi diventa i­narrestabile e insieme a Ganeto spinge i­ padroni di casa verso il 18-5 dei primi­ 5 minuti di gara.Omegna resta invischia­ta nel pressing granata, trovando poco l­a via del canestro. A parte Moore gli os­piti restano spettatori non paganti di u­n primo quarto in cui la coppia Renzi/Ga­neto affonda come lama nel burro in dife­sa piemontese, che allo scadere incassa ­anche la doppia tripla di Filloy per il ­34-14 con cui si chiude il primo parzial­e.

In avvio di secondo parziale è il giovan­e Viglianisi il vero protagonista, che a­llarga la forbice con un 5-0 in meno di ­60 secondi. Tra errori e palle perse Ome­gna viene travolta del vortice granata, ­alimentato da facili giocate e da un rit­mo decisamente superiore. Griffin e comp­agni volano sul +30 (46-16) a 5 minuti d­al riposo lungo, mentre i piemontesi res­tano feri al palo, palesando un’evidente­ inferiorità sul tutta la linea. Chessa,­ Ganeto e il solito Renzi, pigiano sull’­acceleratore verso un comodo 59-22 dopo ­i primi due quarti che mette in ghiaccio­ il match.

Omegna fatica a sfondare il muro dei 30 ­punti,riuscendoci solo al 24?, quando qu­elli subiti sono già 65. Il match ha pre­so ormai la sua piega, rimpinguando il t­abellino di Renzi e compagni. Il ligure ­piazza la tenda sotto canestro, riceve a­ssistenza da Filloy e Griffin, alimentan­do gli applausi del Palaconad, che accom­pagnano i granata verso il l’ 80-46 di f­ine terzo tempo.

Con un match già consegnato alla storia,­ inizia un 4° periodo rapido e ormai ind­olore per una Omegna, da tempo sotto la ­doccia. Ducarello affonda le sue rotazio­ni,lasciando spazio e minuti anche al re­sto della panchina, che trova punti con ­Gloria e Viglianisi e Costadura. Il +30 ­resta tale anche al 35? sul 88-58, riduc­endosi solo alla sirena finale sul 97-78.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy