A2 Playout, G2: Recanati on fire, Roma cade in casa

A2 Playout, G2: Recanati on fire, Roma cade in casa

Recanati vince Gara 2 e pareggi la serie sull’1-1 con un Lawson da 31 di valutazione. Per Roma bene Voskuil e Maresca.

Sembra un’altra squadra Recanati rispetto a quella vista appena due giorni: più grinta, più cattiveria, più Lawson che stasera è tutto un altro giocatore. Roma parte bene ma si innervosisce, perde lucidità e non riesce a contrastare gli avversari nei momenti decisivi, lasciandosi sfuggire di mano il finale.
Bene Voskuil, Maresca e Callahan, ma non basta ai padroni di casa per portare via la seconda gara casalinga, mentre Recanati ha una prova maiuscola di Lawson, che stasera gioca proprio come sa fare mettendo a referto 24 punti e portandosi a casa una stellare 31 di valutazione.
La partita di stasera ha dimostrato che nessuna delle due formazioni può dormire sonni tranquilli: sarà una serie probabilmente lunga, e quasi sicuramente tutta tirata come la partita di oggi, dove vincerà chi mentalmente saprà tenere duro. Roma ora ha bisogno di trovare almeno una vittoria esterna per mantenere vive le sue speranze di salvezza immediata, e quindi appuntamento a gara 3, per la quale la serie si sposta a Porto San Giorgio.

LA CRONACA

Inizio completamente diverso da due sere fa per questa gara 2, dove Recanati stavolta attacca con grinta dai primi minuti di gioco. Voskuil e Olasewere sono da subito di grande impatto, ma gli ospiti tengono bene soprattutto grazie all’ottimo inizio di Maspero e ai tiri di Pierini. Si prosegue punto a punto per un primo quarto intenso e in perfetto equilibrio (23-23 al 10′). Cala il ritmo per entrambe le formazioni e la partita si fa più fisica e nervosa; Roma perde lucidità, ma per sua fortuna non è lo stesso per Voskuil che ancora una volta si rivela fondamentale per la squadra. Lawson però accorcia la distanza segnando allo scadere e si va all’intervallo lungo 38-36. Recanati torna grintosa in campo e guidata da un Lawson sempre più caldo piazza un break abbastanza pesante, che viene però ridotto da Callahan e Voskuil. La partita si innervosisce molto, crescono i falli e si riducono i tiri segnati, mantenendo la situazione stabile (54-55 al 30′). Recanati si allontana di nuovo a sei minuti dalla fine  con una tripla e fallo di Smith, ma Voskuil e Maresca ancora una volta riescono a ricucire lo strappo. Gli ultimi minuti sono tiratissimi fino al finale in volata: Recanati mantiene il suo vantaggio e Roma non riesce contrastarla,i padroni di casa sono sconfitti 69-71.

Virtus Roma-Basket Recanati: 69-71 (23-23; 38-36; 54-55)

Virtus Roma:Olasewere 11, Meini 2, Maresca 14, Callahan 10, Benetti 4, Voskuil 22, Casagrande 2, Bonfiglio 3

Basket Recanati: Pierino 8, Traini 6, Procacci 8, Allodi 4, Maspero 11, Lawson 24, Smith 10

SALA STAMPA

Coach Sacco: “C’eravamo lasciati pochi giorni fa dicendo che ci era mancato il nostro storico tiro da tre: stasera è tornato il nostro punto forte, ed è tornato Lawson che nella prima partita era stato molto soft. In difesa non siamo stati abbastanza forti e questo ci stava per costare la partita…ma a parte questi errori di troppo, nei momenti chiavi ci siamo fatti trovare pronti.” 

Coach Caja: “Ci aspettavamo una partita difficile e da combattere, e così è stato ma purtroppo non siamo riusciti a vincerla. Abbiamo avuto problemi col tiro dalla distanza e problemi di falli con Olasewere, ci siamo anche un po’ innervositi e questo a pesato. Abbiamo avuto un’ottima risposta da Maresca, ma abbiamo bisogno di un po’ di contributo da tutti, e purtroppo oggi invece siamo un po’ mancati. Siamo 1-1, sapevamo che era una serie lunga e difficile…ora che andiamo da loro ne dobbiamo vincere almeno una come loro hanno fatto qui, le due squadre si equivalgono e sarà una vera lotta.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy