Agrigento non si ferma più, espugnata Casale in gara 1

Agrigento non si ferma più, espugnata Casale in gara 1

Commenta per primo!

Novipiù Casale – Moncada Agrigento 53 – 60 (17-17, 28-31, 44-40)

In un PalaFerraris ricolmo di passione e di tifo, è Agrigento a trovare i primi punti con Dudzinski. La reazione rossoblu arriva dalle sapienti mani del capitano: Niccolò Martinoni. La squadra di Ramondino prova a prendere un po’ di margine con le giocate offensive di Fall, ma Agrigento gioca un bel basket, sobrio e preciso, e torna a contatto. L’equilibrio regna in campo, tra due squadre che si somigliano molto.

Gli ospiti partono meglio nel secondo periodo e mette in difficoltà la Novipiù con una serrata difesa a uomo. Anche l’esperienza di Blizzard sembrano far cambiare le cose. Agrigento è molto brava a trovare le vie giuste per far male alla difesa casalese. Tomassini e Amato non riescono a mettere in ritmo i compagni anche grazie all’ottima difesa pensata da coach Ciani. Il tiro libero di Williams fissa il punteggio sul 23-29. Martinoni e compagni ricuciono di qualche lunghezza lo scarto, ma sono ancora i siciliani a essere davanti all’intervallo lungo (28-31).

Natali e Blizzard hanno la mano calda dopo l’intervallo e piazzano due triple che riportano avanti i padroni di casa. La partita rimane tirata e con scarti non eccessivi. Il punteggio basso potrebbe favorire la squadra che riuscirà a realizzare un break significativo. Entrambi i quintetti sul parquet hanno caratteristiche difensive, ne perde lo spettacolo pur essendo una partita maschia e combattuta. Evangelisti avrebbe la palla del meno uno ma è solo ferro.

Agrigento esce dall’ultimo mini intervallo con la convinzione e la voglia per riprendere il match, e così è. Casale ha di nuovo difficoltà a trovare continuità in attacco e Williams punisce dall’angolo: 46-50 a 5’ dalla fine. Superata la metà dell’ultimo periodo il clima si fa incandescente. Le due squadre si rispondono colpo su colpo e ogni errore potrebbe risultare decisivo. Natali, imbeccato da Amato, riesce a sbagliare un canestro già fatto che risulterà decisivo per l’economia della partita. Agrigento dalla lunetta non sbaglia e si porta a casa il primo atto della serie. Equilibri da resettare perché lunedì è già tempo di gara2.

Casale: Giovara ne, Amato 4, Tomassini, Natali 8, Blizzard 10, Martinoni 12, Ruiu ne, Fall 9, Samuels 6, Marshall 4

Agrigento: Vai ne, Evangelisti 10, Williams 11, Chiarastella 4, De Laurentiis 4, Saccaggi 12, Piazza 2, Udom 3, Portannese ne, Dudzinski 14

Fotogallery a cura di Stefania Monsini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy