Agrigento sempre più “cenerentola”. Adesso la finale è a un passo

Agrigento sempre più “cenerentola”. Adesso la finale è a un passo

Commenta per primo!

Inizio da incubo per la Novipiù. Due palle perse in attacco mentre in difesa Dudzinski riesce a fare ciò che vuole. Ramondino, non contento, provvede subito a sostituire Fall e butta nella mischia Samuels. L’attacco dei rossoblu è statico. Agrigento riesce facilmente a imbrigliare il prevedibile gioco di Martinoni e compagni. Il timeout chiamato dalla panchina casalese non porta effetti positivi. Il primo quarto è una vera e propria “Caporetto”. La miseria di 4 punti segnati e ben 18 subiti e 5 palle perse la dice lunga.

Le triple di Tomassini e Blizzard non spaventano gli ospiti, che continuano a comandare in campo. La difesa della Novipiù non sembra reggere l’urto dell’attacco avversario. ancora peggio, in attacco sembra non ci siano soluzioni valide per fare male ai siciliani. La Fortitudo di coach Ciani gioca un basket fisico e preciso, con Casale che non ci capisce nulla. Nemmeno la panchina riesce a dare la scossa e si preannuncia una serata tutt’altro che esaltante per il pubblico del PalaFerraris. Dopo 20’ il punteggio parla chiaro, 21-36.

La situazione a inizio terzo periodo è critica e serve una scossa. La difesa rossoblu sembra aver capito le intenzioni di Dudzinski e compagni, mentre l’attacco proprio non riesce a entrare in ritmo. Il pallino del gioco è ancora tutto nelle mani dei siciliani. Blizzard e Tomassini provano a scaldare l’atmosfera e a riportare Casale in corsa. Evangelisti e Chiarastella vedono una vasca da bagno al posto del canestro e il divario rimane ampio. Continua a non essere la serie dei piccoli rossoblu, Amato e Tomassini su tutti.

L’ultimo periodo si apre con due discrete azioni offensive. La Novipiù butta sul parquet tutto l’orgoglio che ha per provare a riaprire il match. Sono però, purtroppo, ancora le palle perse per i ragazzi di Ramondino. Sarebbero almeno due le occasioni di poter tentare l’aggancio per la Novipiù ma sempre sul più bello arriva, puntuale, la palla persa. Il cronometro scorre inesorabile. I rossoblu sembrano aver finito le energie e l’ultimo minuto serve solo per aggiustare il punteggio. Agrigento contro ogni pronostico, o quasi, fa bottino pieno in Piemonte e ribalta totalmente il fattore campo, fino a quel momento a favore della Novipiù. Adesso la serie si sposta in Sicilia, dove Agrigento avrà due match ball. 

Novipiu’ Casale M.to – Moncada Energy Group AG 66-72 (4-18, 17-18, 18-13, 27-23)

Novipiu’ Casale M.to: Amato 8 (1/2, 2/8), Tomassini 18 (3/7, 3/3), Natali 0 (0/2 da tre), Alan Blizzard 10 (2/4, 2/10), Martinoni 7 (3/6, 0/1), Fall 0 (0/2), Lascells Samuels 8 (1/2, 2/4), Marshall 15 (0/2, 5/9) N.E.: Giovara, Ruiu
Tiri Liberi: 4/11 – Rimbalzi: 30 22+8 (Martinoni 10) – Assist: 16 (Tomassini, Alan Blizzard 5) – Cinque Falli: Amato

Moncada Energy Group AG: Vai 2 (1/1, 0/1), Evangelisti 9 (3/4, 0/1), Williams 8 (1/4, 0/3), Chiarastella 5 (1/3, 1/2), De Laurentiis 8 (3/4, 0/1), Saccaggi 9 (1/1, 2/4), Piazza 11 (2/2, 0/5), James Udom 8 (3/5, 0/1), Dudzinski 12 (4/5, 1/1) N.E.: Portannese
Tiri Liberi: 22/28 – Rimbalzi: 29 28+1 (De Laurentiis 6) – Assist: 15 (Piazza 6)

Fotogallery a cura di Stefania Monsini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy