Agropoli non si ferma più: sbanca Codogno e resta al comando

Agropoli non si ferma più: sbanca Codogno e resta al comando

Commenta per primo!

Assigeco – BCC Agropoli 92-96  (30-20; 22-12; 23-34; 17-29)

Assigeco: Fultz 7; Jackson 30; Sandri 10; Austin 20; Poletti 10; Chiumenti 12; Vencato ; Rossato ; Dincic 3; Bordato ; Rota ; Donzelli . All.: Alex Finelli. Vice Andrea Bonacina.

BCC Agropoli: Santolamazza 19; Roderick 18; Trasolini 31; Carenza 3; Spizzichini 7; Tavernari 13; Merella; Pecora ; Bovo ; Bolpin 2; De Paoli ; Di Prampero 3. All: Antonio Paternoster. Vice: Giuseppe Delia.

Codogno (LO) – Serata di sport e di molto altro, quella vissuta al PalaCampus in occasione della sfida dei rossoblu di casa, con la BCC Agropoli. La prestazione più esaltante, l’emozione più forte, ce la regala il nostro Alessandro Pagani: nella mente le vibrazioni incontrollabili dietro la notizia del suo ritorno a casa, il momento dell’abbraccio con la Dottoressa Laura Mereghetti che, per prima avvia il suo percorso di recupero; il ringraziamento al rappresentante dello staff del ‘Monzino’ che guida gli accertamenti clinici e la sua convalescenza. Gli applausi del pubblico, dei tifosi, degli amici. Ognuno di noi segue il percorso del ritorno. Il saluto di Alessandro condito da un inevitabile velo di commozione. Tutto molto forte, tutto molto caloroso, tutto da ricordare. I risvolti sportivi spesso cadono silenziosamente nel dimenticatoio. L’eccitazione, la trepidazione e l’apprensione che accompagnano il ricordo della ‘performance’ di Alessandro, rimarranno sicuramente impresse a fuoco nella memoria di ognuno di noi.

La banda di Casalpusterlengo a nobilitare l’Inno d’Italia e si va con la parte sportiva della serata che offre la presenza al Campus della sorpresa del girone, la capolista Agropoli. Fultz,Jackson, Sandri Austin, Poletti  contro Santolamazza, Trasolini, Carenza, Spizzichini, Roderick pronti per il via. Sono Roderick da una parte e Fultz dall’altra che muovono il numeratore. E’ Jackson però che, con tre triple in un soffio e un’entrata vincente, marchia il lucido avvio rossoblu. Entra capitan Chiumenti per Sandri, ma è Austin a battere un colpo e Trasolini a schiacciare prepotente. Roderick si accomoda in panca gravato di due falli. Fultz si fa perdonare una palla persa con due punti in velocità. Si viaggia sulla sostanziale parità, le due squadre si affrontano fin qui alla pari, con belle giocate ed singoli exploit divertenti. I centri di Poletti e Chiumenti nell’ultimo minuto di periodo, fissano il risultato sul 30-20.

L’esordio di Bordato sul parquet di casa fa respirare Fultz, Jackson passa in regia e Chiumenti appoggia due punti. Austin non perdona e Spizzichini schiaccia. Roderick non scalda la mano, ma salta e stoppa due volte di seguito le entrate rossoblu. La mano calda continua ad averla invece Jackson, che dalla distanza allarga la forbice a 42-35 a metà del secondo quarto. Agropoli sembra confusa e L’Assigeco spadroneggia. Paternoster vuole parlarci sopra e al rientro Trasolin smuove il numeratore fermo ormai da troppo tempo. Jackson, Sandri e Chiumenti riposano. I giovani a tenere la barca in rotta. Dincic spadroneggia nei pitturati. La difesa chiude bene e il tiro da fuori di scafati non va bene. E’ il serbo che chiude il tempo con un’entrata di forza a ribadire il corposo vantaggio sul 52-32.

Per Agropoli pesa la mano fredda di Roderick e Tavernari chiuso dalla difesa rossoblu. Per l’Assigeco in gran lustro Jacson e Austin con un Fultz lucidissimo in costruzione.

Si riparte con i quintetti di partenza e la musica sembra non cambiare. Il capitano Santolamazza la mette da tre, Tavernari anche. Agropoli si scuote, la curva reagisce ad una decisione sospetta, ma Austin dalla distanza mette tutti d’accordo. Due volte. Il Campus esplode, ma risponde Spizzichini a voce alta e l’Assigeco si scompone, perde palla con Sandri: tutti in panca per un minuto, parla coach Finelli. 68-52 a metà periodo. C’è confusione nella metà campo rossoblu e Spizzichini infierisce e con un parziale di 9-0, gli ospiti riducono drasticamente la distanza. Agropoli rientra in partita, prende fiducia e l’Assigeco soffre. E’ chiumenti dalla lunetta a toccare quota 70 e riportare ossigeno nelle fila di casa. Anche Sandri centra tre punti pesantissimi, ma ormai gli ospiti vogliono giocarsela e non mollano nulla. Tavernari da tre sulla sirena ricuce ulteriormente e mette le ali agli scatenati ospiti. 75-67 per un quarto che pesa in negativo sui colori di casa.

Ultimi 10’ e Roderick ritorna alfiere armato, Trasolini schiaccia in faccia a Poletti che corre subito dall’altra parte a bucare la retina da sotto. Assigeco sempre avanti, ma Agropoli che non rinuncia a provarci. Jackson non sbaglia da tre e il Campus esplode. C’è tensione, Agropoli spinge, l’Assigeco resiste, ma Tavernari urla dalla distanza e… allora T.O. a metà quarto è ancora tutto da decidere. Si va verso un caldo finale. E’ Roderick a rubar palla e andare a schiacciare con violenza. E portare il punteggio a 84-83. A 4’06’’ da giocare. E’ sempre Trasolini a trascinare i suoi a passare per la prima volta in vantaggio e Santolamazza e Roderick a staccare il +6 a 1’ e 50’’ dalla sirena. 85-91. L’Assigeco sembra non averne più. Agropoli è sotto l’effetto di un’estrema esaltazione. Arriva l’ultima sirena che vede ancora una volta i rossoblu pagare pegno al roster falcidiato dall’infermeria. La tripla di Sandri non fa che addolcire una pillola amarissima per un’Assigeco che non riesce a raccogliere nell’ultimo quarto, quello che semina durante i primi 30’. Onori ad Agropoli che continua felicemente a vivere la sua favola di outsider prima in classifica.

Fotogallery a cura di Marco Picozzi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy