Assigeco ce l’hai fatta! Sarà ancora LegaDue!

Assigeco ce l’hai fatta! Sarà ancora LegaDue!

Commenta per primo!

E’ sicuramente un grande risultato questa salvezza per l’Assigeco; certo il presidente Curioni a inizio anno forse sperava in qualcosa di più, l’accesso alla fase playoff, avendo costruito una squadra solida magari senza uno smisurato talento ma  con giocatori buoni e funzionali al progetto; ma di sicuro dopo tutte le difficoltà che si sono presentate durante la stagione (cambio di allenatore, problemi fisici , mancanza di pubblico a Lodi ) il risultato come detto non è da disprezzare;

La partita

Coach Sacco si affida al suo solito starting five, con l’ex Vigevano Bertolazzi in cabina di regia, Marigney e Cerella esterni con Boykin ed Ezugwu a fare sportellate sotto canestro.

In casa Naturhouse, il Pavese Martelossi risponde con Farabello, Boyette e un trio di lunghi ben assortito come Tuukka Kotti, il sempre giovane Ndoja e l’ex Imola Canavesi pronto a sfidare il suo vecchio compagno di squadra Ezugwu.

L’Assigeco parte subito forte e già dopo tre minuti di gioco il tabellone segna il punteggio di 6-0 per i padroni di casa, grazie soprattutto alle giocate e ai rimbalzi di Cerella.

Ferrara sembra poco reattiva, ma i ragazzi di coach Sacco non abbassano per questo la concentrazione e al minuto 8 con una gran schiacciata del californiano Boykin il distacco tra le due squadre sembra aumentare , 16-7 con Ferrara che cerca di non sprofondare grazie a una tripla di Hoover e un canestro da sotto di Canavesi.

L’inerzia dell’ incontro almeno in questa prima frazione di gioco rimane saldamente in mano all’Assigeco, che ancora con Boykin chiude il punteggio del primo quarto sul risultato di 18-11 per Casalpusterlengo.

Nel secondo quarto gli allenatori incominciano a dar spazio alle rispettive panchine: Sacco fa entrare in campo il capitano,Simoncelli, e Banti; coach Martelossi invece da spazio al giovane Cournooh.

Ora Ferrara incomincia a carburare e grazie ai canestri del solito Hoover e del folletto di Hammond, Boyette, cerca di mantenersi a contatto della formazione di casa, che in questa fase di gioco trova solo Boykin come terminale offensivo ; per questo Sacco rimette subito in campo Marigney, ma la prestazione dell’ex Reggio e Pavia non è ottima; Ferrara ci crede e con 5 punti consecutivi di Cournooh oltre che una tripla di Ndoja, mette per la prima volta la testa avanti nel punteggio, 22-24 per gli ospiti al 15’.

La partita ora è un testa a testa,con Ferrara che grazie ai punti di Ndoja risponde ogni volta ai canestri di Chiumenti e Banti , ben serviti da capitan Simoncelli che al 20’ chiuderà già con 4 assist.

E’ proprio al minuto 20’ che Casalpusterlengo piazza un parziale importante, un 8-0 realizzato dal trio Marigney-Cerella-Banti che permette ai padroni di casa di tornare negli spogliatoi abbastanza sereni,sul punteggio di 38-30.

Al rientro in campo per la terza frazione di gioco,la partita per i ragazzi di coach Sacco sembra mettersi sui binari giusti  con due canestri consecutivi di Ezugwu che al minuto 23 fissa il punteggio sul 42-30.

Ferrara però non ci sta, e non vuole fare la comparsa; Casalpusterlengo abbassa la guardia e i ragazzi di Martelossi guidati da uno scatenato Ndoja riaprono la partita a suon di triple e la partita è di nuovo in parità, 50-50 al 27’.

E’ la grinta dell’ex Vigevano Banti a dare la scossa ai suoi , che infatti prima con Boykin poi con un gioco da tre punti dello stesso Banti chiudono il terzo quarto avanti,59-54.

Nell’ultima frazione di gioco, ci si aspetta ancora una partita punto a punto ma l’Assigeco non si fa prendere dalla paura di sbagliare e allora la differenza di motivazione tra le due formazioni si produce in un break che poi sarà decisivo ; con una grande prestazione di Alberto Chiumenti, Casalpusterlengo arriva alla doppia cifra di vantaggio e al minuto 37 il tabellone dice 74-63 per i padroni di casa. Il pubblico sente aria di festa, ma c’è ancora il tempo di prendersi un ultimo spavento: Ndoja,sempre lui,cerca di riavvicinare i suoi e con alcuni canestri fissa il punteggio sul 79-70; potrebbe essere la svolta ma così non sarà, per causa di Ryan Hoover che dopo un fallo su Simoncelli si becca anche un tecnico permettendo così al capitano di realizzare i 4 liberi della sicurezza. L’incontro finisce 85-72 e l’Assigeco,adesso si, può festeggiare.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy