Barcellona si congeda dal PalAlberti dominando la sfida con la vicecapolista Brescia

Barcellona si congeda dal PalAlberti dominando la sfida con la vicecapolista Brescia

Commenta per primo!

Finisce in festa per il pubblico di casa che si regala l’ennesimo scalpo di prestigio in una stagione che comunque verrà ricordata da tutti gli appassionati di fede giallorossa.

La cronaca: gara che si annuncia interessante con le due squadre ormai certe del loro destino, salvezza per Barcellona, secondo posto e riposo al primo turno dei playoff per Brescia. Al via Perdichizzi schiera Spizzichini, Shepherd, Maresca, Da Ros e Garri, i lombardi Passera, Loschi, Nelson, l’ex Cittadini e Brownlee. In apertura subito due triple, dall’angolo di Spizzihini e fronte canestro di Passera. Nelson in zingarata e dall’arco firma cinque punti (3-8). Nessun errore per la Centrale, jumper a segno per Passera, parziale rotto dalla bomba, seconda di squadra, di Maresca. Libero per Garri e zone press per i giallorossi ben attaccata da Brescia che chiude con l’affondata di Cittadini (7-12). L’ex Nazionale Garri realizza altri due liberi poi Passera in sospensione conferma il vantaggio esterno. Barcellona però è presente in campo ed impatta a quota 14 prima col canestro di Maresca e poi coi tre punti di Da Ros. L’ex Verona a cronometro fermo da il primo vantaggio ai locali che toccano il più tre col guizzo di Maresca (7 per il capitano). Brescia perde il feeling col canestro avversario e Barcellona allunga sull’asse Garri-Maresca ed i primi punti dell’Air Canada Shepherd (24-14, break di 15-0). Da una palla vagante arriva l’affondata di Cittadini e Brescia può respirare dopo essere stata in doppia cifra di svantaggio. Al 10’ il finale è di 24-16.

Si riparte con coach Diana che chiede la reazione ai suoi e gli ospiti pescano la bomba di Giammò e l’ottimo uso del perno di Tomasello che riducono le distanze (24-21). Da Ros però è caldo, segna la tripla e stoppa in difesa. Si rivede Nelson dalla lunetta ma Barcellona gira bene la palla e dall’arco colpisce lo specialista Fiorito. Si prosegue colpo su colpo, Cittadini schiaccia, Shepherd sale in aria e deposita a canestro e Nelson punge da fuori (32-27). Fiorito è un fattore in questa fase riceve sulla linea di fondo l’assist di Shepherd e segna punendo il mancato taglia fuori. A Cittadini, troppo solo in area, risponde l’ala canadese che poi su una transizione persa da Brescia schiaccia di prepotenza facendo impazzire il PalAlberti per la giocata della serata (38-31). Brownlee non riesce ad incidere mentre Garri fa valere tutta la sua esperienza sotto le plance. Chi non si arrende in casa Leonessa è Cittadini (a quota 12) che realizza un gioco da tre punti per il nuovo meno nove sul tabellone. L’ex Veroli sente aria di casa e colpisce pure dai 6e75 ma Da Ros regala emozioni ai propri supporter col canestro in step back allo scadere. Nelson segna ed esce per una botta. Si sblocca Brownlee da sotto, Garri è il primo giocatore di casa in doppia cifra poi allo scadere appoggia Shepherd col primo tempo che si chiude sul 48-40.

Netto il divario a rimbalzo con Barcellona avanti 24-16 dopo un tempo. Dopo la pausa lunga non cambia atteggiamento Barcellona che stringe le maglie difensive e segna con Maresca e Da Ros mentre Brescia appare in costante affanno e digiuno offensivo. Ne approfitta Garri, autentico rebus per i bresciani. Dopo quattro minuti di astinenza Loschi spezza l’incubo ma l’Orange Moon appare in pieno controllo della sfida col gioco da tre punti di Da Ros (57-42). Il tecnico alla panchina ospite non facilita il tentativo di rimonta. Capitan Maresca e la tripla di Da Ros, difesa morbida di Brownlee materializzano il massimo vantaggio dell’incontro sul 61-42. Il lungo ex Nbdl stoppa in difesa e prova a farsi perdonare qualche amnesia poi Maresca conduce la transizione ed affida palla a Shepherd che schiaccia dopo una torsione a 360 gradi, grande numero. Finale al 30’ 63-46 con Brescia tenuta a soli sei punti segnati nel quarto.

Stesso copione nell’ultimo quarto, Barcellona mostra più motivazioni mentre Brescia ha problemi fisici (Nelson e Benevelli). Primo canestro dell’ultima frazione per Garri che segna spalle a canestro, Loschi in precario equilibrio realizza dall’arco con una preghiera che viene accolta. Ottima serata per Maresca che centra la seconda tripla e vede accolto un gancio mano sinistro, Passera risponde con egual moneta da fuori (68-56). Maggiore equilibrio in questa fase, a Brownlee risponde Da Ros, gioco da tre punti (73-58). Il pubblico di casa, che tributa cori per tutti i propri beniamini, si riscalda per l’ennesima magia di Shepherd che assorbe il contatto e segna in svitamento acrobatico (76-58). La gara non c’è più, ancora l’ex Omegna conclude una veloce ripartenza poi Spizzichini si esalta da fuori. Brownlee con due schiacciate prova a rendere mano amara questa trasferta ma Maresca, osannato, bissa da fuori (84-64, più 20). Ultimi secondi utili solo a fini statistici con l’ingresso dei giovani Varotta, che segna in entrata e Pettineo. Finale 86-67.

Orange Moon Barcellona-Leonessa Brescia 86-67 (24-16; 48-40; 63-46; 86-67)

Barcellona: Varotta 2, Marchetti, Spizzichini 6, Fiorito 5, Maresca (K) 20, Leonzio, Shepherd 18, Garri 14, Pettineo, Da Ros 21. All: Perdichizzi
Brescia: Fernandez, Cittadini 18, Alibegovic 6, Benevelli ne, Loschi (K) 3, Passera 10, Tomasello 2, Nelson 11, Giammò 3, Brownlee 14. All: Diana
Arbitri: Materdomini, Galasso e Salustri

Fotogallery a cura di Antonio Caracciolo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy