Biella incanta, Roma crolla. Al Forum terza vittoria consecutiva di Biella per 103 a 90

Biella incanta, Roma crolla. Al Forum terza vittoria consecutiva di Biella per 103 a 90

Biella alla fine sfrutta il turno casalingo e si issa in testa alla classifica dopo aver brillantemente battuto Roma al termine di una gara giocata in modo intelligente, all’attacco senza trascurare la difesa con cinque uomini in doppia cifra e con un gioco collettivo frutto di una settimana di allenamenti perfetti

Commenta per primo!

Partita da alta quota in classifica, i tifosi sono caldi, non fosse altro per la presenza sulla panchina ospite di Fabio Corbani, per via di un amore interrotto in a notte di mezza estate sulla via di Cantù. Biella schiera De Vico, Venuto, Ferguson, Hall e Tessitori mentre Corbani si affida a Raffa, Sandri, Brown, Chessa, Benetti. Biella ci tiene e il primo possesso non viene sfruttato a dovere da Hall, ma il primo canestro è comunque suo a cui fa seguito un triplone a fil di sirena di Ferguson, Roma comunque risponde colpo su colpo, lo scontro è molto fisico, si capisce che Corbani, potendo sfruttare giocatori con fisico più pronunciato ha dato l’ordine di rendere difficili i possessi. Il gioco paga soprattutto quando Raffa incomincia a indovinare il tiro dall’angolo portando in vantaggio Roma sul 12 a 11. Biella si riprende quasi subito grazie al dinamico duo americano e a un Tessitori versione Casale. A un minuto dalla prima sirena Biella è avanti di sei punti sul 22 a 16 ma non ha fatto i conti con l’ex che prima fornisce assist a Maresca e poi scarica da tre. Dopo dieci minuti l’equilibrio regna sovrano

Come ormai un marchio di fabbrica entra in campo Udom ed è suo il marchio di fabbrica che imprime una svolta alla partita, soprattutto giocando in contropiede con Massone, Chessa si ricorda di aver giocato al Fporum e suona la carica per Roma, le sue tripla fanno male a Biella e anche alle coronarie dei tifosi. La partita impatta sul 28 pari e poi è ancora De Vico a trascinare la squadra sulle proprie spalle, una regia accorta e canestri decisivi permettono ai Biellesi di andare al riposo lungo avanti di sei punti sul 45 a 39

Il terzo quarto è quello dove di fatto si decide la partita Ferguson comincia a usare la dinamite nel tiro da tre e in un amen Biella si porta sul più undici, sembra il preludio ad un’altra cavalcata ma Maresca e Chessa non ci stanno la partita diventa cattiva, con contatti al limite, si fa a sportellate sotto canestro. Carrea non perde la testa e fa ruotare i suoi uomini anche per Tessitori raggiunge i quattro falli subito. Biella respinge quest’ultimo assalto e si riporta avanti sulla doppia cifra.

L’ultimo quarto è il trionfo di Ferguson con tiri dalla lunga che si permette anche il lusso di una schiacciata in contropiede, i 24 punti di vantaggio sul 92 a 68 sono una sentenza anche se mancano ancora sei minuti. I restanti minuti servono a limare il tabellino con Roma che riprende fiato ma ormai la partita è andata e ai titoli di coda scatta un applauso convinto del Forum e un coro irriverente per coach Corbani

In sala stampa l’ex ha parole di miele per Biella, mentre Carrea lascia parlare il suo vice Viola che racconta come la partita sia stata preparata molto bene in sala stampa. Hall è convinto del lavoro del gruppo ed esalta il ruolo di Ferguson e del gruppo. Se sarà un fuoco di paglia lo si vedrà in trasferta a Latina

Angelico Biella – Unicusano Virtus Roma 103 – 90 (22 – 21; 45 – 39, 75 – 64 )

Biella: Ferguson 35, Hall 12, Massone 2, Venuto 3, Pollone L.0, De Vico 21, Udom 11, Pollone M.n.e, Wheatle 6, Rattalino n.e., Tessitori 13, Pasqualini n.e.. All. Carrea

Virtus Roma: Brown 19, Raffa 15, Benetti 7, Piccolo n.e., Maresca 15, Chessa 11, Sandri 12, Baldasso 1, Landi 8, Vedovato 2. All. Corbani Tiri Liberi Biella 16/23 Roma 8/12Rimbalzi Biella 34 Roma 28 Assist Biella 17 Roma 12

Fotogallery a cura di Alberto Tesoro

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy