OF G1- Biella si porta a casa la prima partita contro Verona

OF G1- Biella si porta a casa la prima partita contro Verona

l’Angelico apre con 83 a 76 la serie play off, partita molto fisica e spettacolare

di Giuseppe Rasolo

Si apre con una vittoria per Biella questa serie di play off, una partita però molto dura e fisica quella portata avanti dall’Angelico che ha avuto ragione della resistenza di una Verona che venderà cara la pelle. Strepitoso Mike Hall 31 punti e una serie di tiri dalla lunga distanza incredibili che hanno avuto il merito di dare all’Angelico vantaggi importanti durante tutto il match. Verona ha avuto un discreto apporto da Brkic Frazier e Portannese e non ha mai abbassato la guardia. Se queste sono le premesse sarà una serie bellissima.

Biella – Verona 83 – 76 (25 – 14; 41 – 34; 71 – 54)

Biella Ferguson 15, Hall 31, Massone n.e., Venuto 11, Pollone, 2 De Vico 8, Udom 8, Pollone n.e., Wheatle 2, Rattalino 0, Tessitori 6, Pasqualini n.e., All. Carrea

Verona: Diliegro 4, Robinson 12, Amato 7, Portannese 14, Guglielmi n.e., Boscagin 0, Pini 5, Frazier 14, Rovati 0, Brkic 11, Tote 9. All. Dalmonte

Rimbalzi Biella 40, Verona 38
Assist Biella 8, Verona 12
Tiri Liberi Biella 22/27, Verona 30/35

Cronaca

E’ la sfida da dentro o fuori non si può sbagliare, Carrea si affida al quintetto solito: Hall, De Vico, Ferguson, Venuto, e Tessitori. Dalmonte risponde con Portannese, Robinson, Frazier, Diliegro Tote, un quintetto alto per Verona e anche molto fisico. Proprio sulla fisicità Verona costruisce i suoi giochi in questi primi minuti in cui riesce ad avere la meglio su Biella. Hall suona la riscossa per Biella con due super bombe, ed è lui che impatta sul 10 pari a metà tempo. Ma con questa tattica Verona si carica di falli che consentono a Biella di andare presto in lunetta. Hall però è di un altro pianeta, mette ancora un’altra tripla e consente a Ferguson di smarcarsi e di segnare. Verona è in bambola, Dalmonte cambia i suoi lunghi Pini per Tote e Brkic per Frazier ma non ottiene risultati. Sintomatica la velocità di Biella che fa realizzare un grande canestro in velocità a Venuto. Ed è ancora Hall, che a cinque secondi dalla sirena, prende la palla percorre metà campo e lancia una tripla siderale che va a bersaglio. Biella avanti di undici e l’americano con 16 punti e 4 rimbalzi immarcabile in questo quarto.

Carrea cerca di far riposare i suoi uomini migliori e ottiene un buon ricambio dalla panchina Wheatle è molto ispirato ruba palla e va a schiacciare in solitudine Biella a metà tempo sembra aver già indirizzato la partita anche se Portannese sigla da tre (33 a 20), poi c’è il ritorno di Verona Robinson diventa il faro per gli uomini di Dalmonte insieme a Portannese fa un mini break fino al meno cinque 35 a 30 a un minuto dalla fine. Si chiude con una schiacciata di Tessitori per il 41 a 34 all’intervallo

Biella torna in campo più contratta e perde incisività in attacco. Verona grazie a Frazier torna anche a un solo possesso di distanza, ma qui vengono fuori gli americani di Biella, due triple consecutive di Hall e Ferguson ricacciano indietro i veneti. Dopo un tecnico a Dalmonte l’Angelico riprende a macinare punti, sono trenta in questo quarto e mette un vantaggio importante di sedici punti all’ultima sirena.

Al rientro Verona piazza un parziale di sette punti, Carrea chiama time out e resetta la difesa, le difese aumentano l’intensità, i falli si sprecano, Udom esce per cinque e i giri in lunetta spezzettano la partita, ma Biella rimane sempre con un vantaggio importante. Tutto questo nonostante Portannese e Frazier cerchino di limare lo svantaggio. Alla sirena si scatena la festa, importante era cominciare bene e Biella ha messo la prima.

Dalmonte in sala stampa guarda sereno alla seconda partita: “dobbiamo rimanere concentrati e trarre spunto e vantaggi dai giochi di questa sera, peccato aver perso otto palle nei primi minuti, perse che hanno permesso a Biella giochi semplici in contropiede, Troppi rimbalzi in attacco concessi Biella ha avuto troppe seconde possibilità”

Carrea: “eccellente l’approccio di Biella dal punto di vista difensivo, deludente dal punto di vista offensivo”.

Fotogallery a cura di Matteo Cerreia Vioglio

Angelico Biella

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy