Brescia, che fatica contro Jesi, ma la Leonessa difende il San Filippo

Brescia, che fatica contro Jesi, ma la Leonessa difende il San Filippo

Commenta per primo!

Si spengono sul tiro di Goldwire le speranze jesine di espugnare Brescia. Una partita non semplice per la Leonessa, raddrizzata solo nella quarta frazione dopo aver inseguito oltre tre quarti. Protagonista Tamar Slay con 16 punti e autore anche della tripla che ha poi dato il via al rush finale dove la squadra di Martelossi ha strappato i due punti. BRESCIA: Procacci, Fultz, Ghiddens, Slay, Rinaldi JESI: Goldwire, Jukic, Santiangeli, Rocca, Maggioli Jesi inizia con la difesa a zona, Brescia parte a uomo. Entrambe le squadre iniziano forte, Brescia va a segno con Slay e Giddens, Jesi risponde con Rocca ed uno scatenato Goldwire che buca la zona bresciana con un paio di bombe. Il play ex Leonessa chiude il quarto giá a quota 10 punti con i suoi avanti di 2 sul 16-14. La seconda frazione inizia con un 4-0 di parziale firmato Michele Maggioli, gli risponde Bushati con la tripla ma Maggioli é ispirato e fa eco all’albanese con il tiro dalla lunga distanza costringendo Martelossi a rifugiarsi in un time out. Goldwire é una vera spina nel fianco per la difesa bresciana, segna e distribuisce assist per i compagni, il suo bersaglio preferito é Mason Rocca che puntualmente si fa trovare pronto per il piazzato dalla media. Jesi é avanti 29-23 con 3:10 da giocare e Gino Cuccarolo recupera il suo quinto rimbalzo in attacco e segna comodamente da sotto. L’azione seguente le tripla di Federico Loschi vale il -1 Brescia e coach Coen ferma la partita. Al rientro dal minuto di sospensione i 1500 spettatori accorsi al pala San Filippo assistono ad una sparatoria in stile far west con 4 triple a segno in rapida successione: ancora Loschi, poi Borsato, Slay ed infine Goldwire sulla sirena. All’intervallo lungo il risultato é 34-37. Martelossi nello spogliatoio scuote i suoi e infatti Brescia entra con un altra faccia e prova ad alzare il ritmo, la gara però continua con le due squadre che vanno a braccetto, ormai é un duello tra Goldwire e Di Bella che infila due bombe in un amen prima che Maggioli ne infili un paio anche lui vanificando gli sforzi di Brescia, time out obbligatorio per coach Martelossi. Al rientro é ancora la stessa storia: ennesimo raddoppio su Goldwire che scarica su Maggioli che puntualmente trova il bersaglio (55-61) Inizia l’ultimo quarto, stessa storia: altro bersaglio dalla lunga distanza per Goldwire che stasera ha davvero il fuoco negli occhi, parziale di 7-0 in favore di Brescia firmato: Loschi, Slay e Di Bella, poi la tripla di Santiangeli ricaccia a -4 la Leonessa. Si accende Franko Bushati che riporta i sui a -2 prima di regalare l’assist a a Rinaldi che firma il 68 pari. Brescia alza il volume della radio in difesa e Jesi non segna per 3/4 azioni prima dell’ennesimo jumper a bersaglio di Leemire Goldwire, pareggia Rinaldi dalla lunetta (70 pari) poi Goldwire fa 1/2 dalla linea della carità e Tamar Slay griffa una tripla essenziale a dir poco per le sorti di Brescia, +2 Leonessa e time out Coen. Jesi sbaglia prima con Goldwire poi con Maggioli, sbaglia anche Giddens ma recupera il rimbalzo d’attacco prima di perdere un sanguinoso pallone che Goldwire prontamente ruba e vola ad appoggiare per il 73 pari. Fallo tattico e 2/2 glaciale di Di Bella dalla lunetta, nel possesso decisivo di Jesi Goldwire deraglia e perde palla. Altro fallo tattico su Fultz che fa 0/2 ma Cuccarolo tocca a rimbalzo e fa perdere quei 2/3 secondi che costringono Goldwire a tirare da metá campo, il tiro scheggia il ferro. Vince Brescia 75-73 una gara combattuta dal primo al 40esimo minuto. MVP Basketinside.com: Tamar Slay Centrale del Latte Brescia – Fileni BPA Jesi 75-73 (14-16, 34-37, 55-61) BRESCIA: Di Bella 14, Fultz 2, Giddens 5, Slay 16, Rinaldi 10, Procacci 2, Bushati 7, Loschi 13, Maspero 0, Cuccarolo 6. All. Martelossi JESI: Maggioli 18, Borsato 3, Fallucca ne, Jukic 6, Rocca 8, Goldwire 33, Esposito ne, Gaspardo 0, Bargnesi ne, Santiangeli 5. All. Coen

Fotogallery a cura di Riccardo Cherubini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy