Casale espugna Casalp e centra la salvezza

Casale espugna Casalp e centra la salvezza

Casale – Casalp. era la partita della verità e i rossoblu non si sono fatti cogliere impreparati riuscendo ad ottenere la vittoria contro una diretta rivale per i play out e assicurandosi così la salvezza matematica.

Commenta per primo!

Assigeco – Novipiù Casale M.to 71 – 80 (21-25; 21-17; 11-22; 18-16)

Assigeco: Fultz 8; Jackson 5; Sandri 5; Chiumenti 17; Poletti 21; Greene 12; Vencato 3; Rossato ; Donzelli ; Dincic; Bordato . All.: Alex Finelli. Vice: Andrea Bonacina.

Novipiù: Tomassini 20; Bray 15; Natali 5; Martinoni 5; Fall 8; Vangelov ; Ruiu 2; Johnson 13; De Nicolao ; Blizzard 12; Valentini. All.: Marco Ramondino. Vice: Andrea Valentini.

Codogno (LO) – Ancora un maledetto pomeriggio di pallacanestro al Campus di Codogno, dove la Novipiù viene, vede e vince, senza che i ragazzi guidati da coach Finelli riescano in nessun modo ad impensierire le decisa marcia di Martinoni e compagni. Così, visti i risultati delle dirette concorrenti in lizza per evitare i play out, gli uomini del Patron Franco Curioni, ad una sola giornata dalla fine della regular season, sono con il fango del fondo classifica alle ginocchia. Oramai solo un filo di speranza li tiene legati alla possibilità della salvezza diretta. La Novipiù, invece, con l’arrembaggio di oggi andato a buon fine, può iniziare a pensare alla programmazione del prossimo anno, sapendo di poter contare su buone basi da cui partire. L’Assigeco arriva alla partita di oggi con una striscia di cinque gare perse e con un piede nella fossa del play out. Casale M.to sta un po’ meglio, ma non vive un buon momento. L’una ha assoluto bisogno di vincere, l’altra pure. Si parte e si capisce subito che qualcosa nelle fila di Casalpusterlengo non gira come deve. Un primo quarto che vede il trentaseienne Blizzard da una parte, imperversare fra le linee dei locali e capitan Chiumenti dall’altra, mettere subito in chiaro che lui non ci sta a mollare nemmeno di un millimetro. La platea applaude l’ingresso del nuovo arrivo, sostituto dell’infortunato Austin, Josh Greene che, veloce ad ambientarsi, marchia il secondo quarto con un 4/4 dal campo, utile per tenere a bada l’energia degli ospiti. Tomassini ispira i compagni e muove il tabellone, Johnson sbaglia poco e coach Ramondino muove la panca buttando in mischia i suoi ventenni. Il risultato a metà gara disegna una parità che, tra i tifosi sempre fiduciosi, paventa qualche timore di un finale senza sorriso. Quando si torna in campo per la seconda parte di gara, l’inerzia passa inesorabilmente dalla parte dei piemontesi che, con giocate lineari, ma di grande efficacia e di forte impatto, esaltano il chirurgico Bray e glorificano Fall che usa fisico, centimetri e astuzia per foraggiare un parziale che taglia il respiro ai padroni di casa. Chiumenti e Poletti, presenti e potenti a rimbalzo e al tiro, non bastano a coprire le mancanze di un organico, che sempre più si allontana dall’oggettiva idea dell’essere gruppo. Gli ultimi 10’ corrono veloci verso la sirena di chiusura, con Tomassini che non si ferma, Martinoni che incide dalla distanza e il Pala Campus che vuole credere nell’impossibile miracolo fino alla fine. La gioia dei vincitori al saluto finale, contrasta con la mesta uscita di scena dei rossoblu di casa, che sabato prossimo a Latina dovrebbero saper vincere, per non essere coinvolti nella lotteria dei play out. Una stagione rotolata maluccio per CasaleM.to, ma salvata con tutti gli onori. Per l’Assigeco, una rincorsa alla salvezza che sembrava, ad un certo punto del percorso, a portata di mano, ma che ancora non si è concretizzata e che sembra ai più delinearsi lontana e irraggiungibile.

Fotogallery a cura di Stefania Monsini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy