Casale, la vittoria è il regalo più bello: Rieti battuta 65-59!

Casale, la vittoria è il regalo più bello: Rieti battuta 65-59!

La Novipiù Casale si riscatta dalla battuta d’arresto patita a Treviglio e sconfigge la “sorpresa” Rieti per 65-59, al termine di una gara divertente ed emozionante. In una gara dalle basse percentuali realizzative, coach Ramondino scommette sui “vecchietti terribili” Di Bella e Blizzard, con il primo top scorer dei suoi e decisivo nei momenti chiave del match. Si ferma così la rincorsa reatina, bloccata dopo sei vittorie consecutive sul parquet del “PalaFerraris”.

Commenta per primo!

Nel giorno della festa per i suoi sessant’anni, la Junior si fa il regalo più bello sconfiggendo Rieti per 65-59. Un risultato ancora più importante, considerando le sconfitte di Latina, Trapani e Siena, che proiettano la compagine piemontese all’ottavo posto solitario: una casella che, oggi come oggi, significherebbe play off. Neanche a dirlo un risultato straordinario pensando alla partenza balbettante di inizio stagione.

Davanti agli occhi di Quaroni, Formenti, Motto ed Olu Nnamaka, soltanto per citarne alcuni, coach Ramondino pesca l’ennesimo coniglio dal cilindro, costruendo una vittoria sulla difesa di squadra e sulle rotazioni. Quando tutti vedevano nella gioventù l’arma in più della Junior, i vecchietti terribili di “Villa Arzilla” Di Bella e Blizzard si prendono la scena, realizzando punti e giocate d’alta scuola che ingabbiano il tonnellaggio reatine.

LA LONGA MANUS DI TOLBERT- Pronti via ed è il “Polpo” Tolbert a prendersi la scena, complici le lunghe leve sotto canestro e ad arpionare qualsiasi cosa rimbalzasse sul canestro, sia in fase offensiva che difensiva. La Novipiù ingrana così la marcia con Martinoni e Tomassini dal perimetro, mentre Rieti balbetta a tu per tu con il canestro: a tenere alto il grado di pericolosità ospite Sims, coadiuvati dalle bombe di Benedusi e Pepper. Casale però non ci sta e, grazie a Severini, padrone per larghi tratti del campo, vince il primo quarto per 16-15.

LA MINIFUGA CASALESE- In apertura dei secondi quindici minuti, la Junior prova a scappare: dapprima dalla distanza, con Nikolic, poi con Blizzard. I laziali si inchiodano difronte alla difesa casalese ed i primi punti arrivano appena dopo due giri d’orologio: è il 22-17. Casale però è più veloce e reattiva, così Martinoni e Di Bella, dall’angolo, portano i padroni di casa a quota 30. Rieti è però nervosa, Pepper si becca un tecnico ingenue per proteste, mandando i suoi in bonus a due minuti dall’intervallo. Molto bene Zanelli che non molla e mantiene in vita i suoi. A chiudere il quarto ed i relativi giochi, però, è ancora “DiBo” da Pavia, spedendo le squadre all’intervallo sul 36-27.

BLIZZARD, PIU’ ESCHIMESE CHE CALIFORNIANO- Di ritorno dagli spogliatoi la sostanza non cambia. Pepper è tambureggiante dal perimetro, Tolbert si dimostra concreto anche in fase realizzativa e Blizzard, d’esperienza, sparacchia bombe in buca con la freddezza di un eschimese. E’ Chillo ad impensierire i piemontesi, ma le distanze restano invariate, col 40-31. A salire però in cattedra è Zanelli. Ed un plauso al ragazzo classe 1992 va fatto, perché non demorde e perché impensierisce spesso e volentieri la retroguardia rossoblu. Intanto, la macchina offensiva casalese si inceppa e, in un lampo, Della Rosa e l’ex Casini rosicchiano punti preziosissimi: 46-41. Ma Casale ha cuore, grinta e malizia: Martinoni e Severini provano ancora ad allungare, mentre Pepper, in contrattacco, bagna il canestro per l’ultima volta prima dell’ultima contesa e mantiene i suoi aggrappati al match: 51-45.

ZANELLI NON BASTA, E’ FESTA ROSSOBLU- In apertura dell’ultimo quarto, Blizzard e Sims vanno subito a referto. Ciò nonostante le medie realizzative continueranno a scendere. Anche dalla lunetta, perché Tolbert mette giù Sims, spedendolo in lunetta: lo 0 su 2 dalla linea della carità, però, mostra a tutti che qualcosa non funziona, mantenendo le squadre sul 55-49. Ancora una volta, il coraggio ospite è affidato alle sapienti mani di Zanelli che, da posizione impossibile, sulla sirena dei 24”, si inventa una tripla chirurgica: è 55-52. Dunque, Tolbert inventa il tiro dalla media distanza, coadiuvato dalla bomba di Natali, per il 60-54 che dà respiro ai ragazzi di Ramondino. Zanelli, chi se non lui, accorcia ancora, Blizzard sbaglia la rimessa da sotto canestro consegnandola, a pochi istanti dalla fine a Casini: nulla di fatto, però, perché, complice anche il +11 accumulato all’andata, coach Nunzi decide di accontentarsi del 65-59 finale.
E, complici gli scivoloni delle avversarie, per la Junior è un compleanno da festeggiare alla grande.

Novipiù Casale Monferrato: Tolbert 9, Nikolic 3, De Negri, Tomassini 10, Natali 5, Blizzard 10, Di Bella 11, Martinoni 8, Severini 9, De Ros ne, Ielmini ne. Coach: Marco Ramondino.

NPC Rieti: Casini 4, Della Rosa 3, Benedusi 5, Eliantonio 2, Zanelli 14, Chillo 2, Sims 15, Pipitone, Di Prampero, Pepper 14. Coach: Luciano Nunzi.

Fotogallery a cura di Stefania Monsini

Junior Casale

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy