Casale si prende derby e testa della classifica, Biella da rivedere

Casale si prende derby e testa della classifica, Biella da rivedere

Commenta per primo!

La seconda giornata del campionato di A2, girone Ovest, regala il derby piemontese tra Casale e Biella. Il pubblico è quello delle grandi occasioni e la partita lo è stata per intensità e qualità. L’avvio è tutto dei padroni di casa. Casale vuole subito mettere le mani sul derby e, spinto dal suo, pubblico, va sul 5-0. La palla gira fluida in attacco e gli spazi sono giusti per le conclusioni degli esterni. Biella parte contratta e crea poco. I ragazzi di Carrea si affidano al talento di Ferguson, l’unico a trovare il canestro nei primi minuti di gioco. Capitan Infante commette prima del dovuto il suo secondo fallo, lasciando a De Vico il compito di uomo squadra. Saunders, l’ultimo arrivato in casa Novipiù, dimostra di essere un eccellente tiratore punendo la difesa biellese alla prima disattenzione.

Nel secondo quarto sono gli ospiti a partire meglio, soprattutto in difesa. La Novipiù, dopo un paio di attacchi non indimenticabili, torna a fare il proprio gioco. Ottime le penetrazioni dei piccoli, Tomassini e Bray, e altrettanto efficaci le conclusioni degli esterni. Biella fatica tremendamente a trovare ritmo in attacco, pur cambiando continuamente gli effettivi sul parquet. La Novipiù è brava a cambiare modo di giocare in attacco, tenendo sempre alta l’intensità in difesa. L’Angelico si affida principalmente a Ferguson, fulmineo in attacco e attento regista.

I ritmi di gara, nel terzo quarto, sono decisamente più alti e a giovarne è lo spettacolo. Ferguson e Bray sono i trascinatori per le due squadre. Il regista biellese è un furetto che sguscia via alla difesa monferrina, la guardia della Novipiù dimostra di essere già entrato nei giochi di Ramondino.

Con l’avvicinarsi della sirena finale, essendo un derby, nasce un po’ di nervosismo. Coach Marco Ramondino si becca un tecnico per aver avuto un faccia a faccia animato col grande ex di giornata, Simone Pierich. L’intensità di Casale si abbassa, a causa di un po’ troppa stanchezza, e l’Angelico può approfittarne. Le giocate di De Vico e Ferguson avvicinano gli ospiti fino al -1. Non riesce mai, a Biella il sorpasso e allora Casale prova a riprendersi l’inerzia del match col suo uomo più determinante, TJ Bray. L’allungo, questa volta, è quello decisivo. Biella non ne ha più e Casale è brava a prendere tutti i contatti che può per tirare dalla lunetta. L’Angelico non consuma la vendetta dopo la serie playoff della passata stagione, la Novipiù fa 2 su 2 e vola, inaspettatamente, in cima alla classifica.

Casale: Saunders 11, De Nicolao, Bray 25, Tomassini 13, Natali 7, Blizzard 4, Denegri ne, Martinoni 10, Vangelov, Ruiu ne, Fall 5, Valentini ne

Biella: Jones, Ferguson 20, Banti 10, La Torre 4, Infante 2, Grande 4, Venuto, De Vico 15, Rattalino ne, Pierich 7

Fotogallery a cura di Stefania Monsini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy