Ci pensa Clark, Venezia sbanca il PalaCarnera e vola in semifinale!

Ci pensa Clark, Venezia sbanca il PalaCarnera e vola in semifinale!

Commenta per primo!

Il play ex Aris, pupillo di coach Mazzon, ha cambiato le sorti dell’incontro a partire dal 25′ quando la Snaidero conduceva meritatamente l’incontro 52-42. Udine, scesa in campo senza una fondamentale pedina come C.C. Harrison, ha puntato sull’orgoglio ed il cuore dei suoi elementi. Williams protagonista di uno strepitoso inizio condito da 14 punti in 20′, Lee, un pericolo costante per la retroguardia orogranata, la grinta di capitan Mathis e l’effervescenza del giovane Truccolo, senza dimenticare la forza fisica di Rinaldi e l’aggressività difensiva di Prandin: così la Snaidero è riuscita ad impensierire la Reyer, giunta in Friuli seguita da ben 350 supporters.
La partita è girata allo scoccare del minuto 29 quando, un ingenuo e quantomai nervoso Dordei, ha commesso il suo quarto fallo personale. Come se non bastasse l’ex Sassari ha perseverato nelle proteste e ha rimediato un tecnico, successivamente sanzionato anche a coach Garelli. Con Dordei negli spogliatoi per raggiunto limite di falli con annessa l’espulsione, la situazione in casa arancione sembrava potesse precipitare invece, nonostante un Kee Kee Clark inarrestabile e la solidità di Slay e Bryan, l’Umana non riusciva a chiudere la partita. Al 38′ un redivivo Young infilava dall’angolo la tripla del +4 (66-70). Lee e Williams impattavano dalla lunetta (70-70). Ci pensavano nuovamente Clark e Young a riportare il vantaggio ad una quota abbastanza rassicurante (70-74 al 39′). Le ultime azioni erano palpitanti: Slay in lunetta faceva ½, Williams nell’azione seguente segnava comodamente la parità. Clark non riusciva a traffigere la retina da 3 sulla sirena: si giungeva così ai supplementari (75-75).
Protagonisti dell’overtime il solito Kee Kee Clark e colui che non ti aspetti, Di Giuliomaria: il guerriero veneziano, ex bandiera udinese, era autore del mini-break che Venezia confezionava al 43′ (77-82). Il timeout di Udine non cambiava la situazione: Clark in entrata metteva il +7, gli rispondeva Prandin dai 6,75 (80-84). Sempre il regista tascabile della Reyer a pochi secondi dalla fine chiudeva i conti ai liberi (82-88). A nulla serviva la tripla di Truccolo. Finiva la partita 85-88 con i numerosi sostenitori lagunari in preda all’entusiasmo per il raggiungimento della semifinale. Da segnalare all’inizio della partita il gesto sportivo dei tifosi veneziani che hanno incitato l’amministrazione comunale di Udine a “tirare fuori i soldi per gli arancioni” e a fine gara l’applauso di tutto il PalaCarnera, compreso lo spicchio dedicato alla tifoseria ospite, per lo striscione esposto da giocatori e staff della Snaidero che recitava: “Questa squadra non può sparire!”.

SNAIDERO UDINE 85-88 UMANA REYER VENEZIA (21-23, 39-34, 55-56)

Snaidero Udine: Williams 24, Mathis 11, Pascolo 2, Bossi ne, Dordei 2, Lee 21, Truccolo 11, Rinaldi 8, Prandin 6, Zakelj ne. All. Garelli

Umana Reyer Venezia: Clark 30, Allegretti 5, Causin, Slay 23, Di Giuliomaria 10, Meini, Jovancic ne, Young 11, Lechthaler 1, Maestrello, Ceron ne, Bryan 8. All. Mazzon

Arbitri: Ursi, Ciano, Pasetto

Note: 1500 spettatori. Usciti per falli: Dordei (Snaidero Udine), Bryan e Young (Umana Reyer Venezia).

MVP BASKETINSIDE: Keydren Clark (Umana Reyer Venezia)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy