Colpaccio GZC, battuta Napoli (57-47)

Colpaccio GZC, battuta Napoli (57-47)

Commenta per primo!

Seconda vittoria consecutiva per la nuova GZC Veroli che mantiene l’imbattibilita’ in questo avvio di Lega Adecco Gold, battendo la Expert Napoli per 57-47. Prestazione determinata della squadra di Ramondino che si e’ confermata dura e compatta dopo l’exploit di Biella: in una partita dominata dalle difese, i giallorossi hanno sempre condotto tenendo a distanza Napoli che pure aveva provato la rimonta con una zona che ha creato tante difficoltà ai ciociari. Non e’ bastato il carattere alla squadra di Cavina che ha palesato ancora qualche limite nella costruzione dell’attacco, spesso affidato più alle iniziative individuali. Miglior realizzatore della partita David Brkic (16+8), tre in doppia cifra per i padroni di casa (Sanders 13, Samuels 12, Blizzard 10). GZC VEROLI – EXPERT NAPOLI 57-47 GZC: Sanders 13, Cittadini 4, Rossi, Tomassini 4, Samuels 12, Giammo’, Blizzard 10, Casella 6, Fabiani ne, Carenza 8. All. Ramondino EXPERT: Malaventura 6, Allegretti, Valentini 2, Black, Montano, Bryan 6, Izzo ne, Weaver 12, Brkic 16, Ceron 5. All. Cavina Prima stagionale al Palas di Frosinone, gremito sulle tribune (folta la rappresentanza ospite) grazie anche all’ingresso libero promosso dalla società di Uccioli, alla prima ufficiale da presidente tra le mura amiche. Prima ufficiale anche per i nuovi sponsor delle due società, GZC Veroli e Expert Napoli: tornano in Ciociaria da avversari Brkic e coach Cavina, Cittadini e’ l’ex tra le fila verolane. Napoli parte con Montano, Malaventura, Weaver, Allegretti e Brkic; Ramondino risponde con Tomassini, Sanders, Casella, Samuels e Cittadini. Avvio subito intenso per le difese: due recuperi dei padroni di casa portano all’affondata di Samuels, Weaver risponde dall’arco, Sanders con il tap-in. Ramondino alterna le difese, Veroli fatica a rimbalzo ma e’ aggressiva in difesa: Samuels recupera e si invola a campo aperto (6-3). Resta alta l’intensità, meno le percentuali: la GZC lotta a rimbalzo in attacco e trova con Cittadini il +5, il talento di Weaver e Brkic riporta sotto Napoli. L’ex OKC commette il suo secondo personale e torna in panca, stesso destino poco dopo per Cittadini: Sanders con energia sblocca i suoi, Brkic risponde con la tripla del pareggio a quota 10. Ramondino prova ad alzare la difesa, mentre Montano torna sul parquet per Black, limitato da uno stiramento: Carenza e Casella trovano il 50% dalla lunetta, ma e’ ancora la difesa a tenere per Veroli che costringe ai 24” gli ospiti nell’ultimo possesso del primo periodo; la tripla di Carenza sulla sirena finisce lunga e al riposo e’ 12-10. Stesso copione in avvio di secondo quarto, con Veroli a tenere alta la difesa e alternare la zona alla uomo: Napoli soffre l’aggressività dei ciociari che trovano la prima tripla della serata con Samuels. Bryan dalla lunetta riporta i campani in scia, prima di una brutta persa di Montano che costa il terzo personale a Weaver: la pressione dei giallorossi manda in confusione i ragazzi di Cavina, costretto al primo timeout (17-14). Le percentuali della Expert restano basse, anche quando i tiri sono aperti e allora Carenza segna la tripla del +7: la furia agonistica della squadra di Ramondino non si spegne, l’Azzurro non riesce a costruire buoni tiri, i piazzati di Blizzard e Carenza allungano il break di 10-0 che Brkic chiude dalla lunetta (25-16). Ancora il lungo cesenate, ispiratissimo sui legni che ha calcato per due stagioni, tiene in partita Napoli con la tripla che lo fa diventare il primo giocatore in doppia cifra della sfida: Sanders esce dal timeout con uno splendido 1vs1 per il nuovo +8. Gli ospiti continuano a litigare con i ferri di Frosinone (33% dal campo fin qui), anche quando la GZC concede qualcosa a rimbalzo: Sanders allora infila sulla sirena di meta’ gara la tripla che manda le squadre negli spogliatoi sul 30-19. Tornano Cittadini e Weaver in avvio di ripresa, con loro Tomassini che ferma con il fallo l’americano in maglia 25 in contropiede: antisportivo che frutta 2 punti agli ospiti. Veroli soffre a difesa schierata ma tiene in difesa, Samuels recupera e lancia Casella in campo aperto. Brkic si guadagna due liberi e non sbaglia, ma per la Expert si fa durissima: prima Casella trova la tripla, poi arriva il quarto personale di Weaver e l’inchiodata a due mani di Samuels su assist di Tomassini (37-23). Cavina rischia tenendo in campo il suo americano che si prende tiri da ogni parte del campo: gli ospiti pero’ non costruiscono più e provano a rientrare con la zona che manda fuori ritmo l’attacco ciociaro. Ceron si invola in campo aperto per il -9, Veroli costruisce buoni tiri ma i tiratori giallorossi sono freddissimi: durissimo il duello vicino al canestro, Napoli si tiene aggrappata alla stazza e al talento di Bryan e Brkic. Blizzard trova la tripla del nuovo +12, Valentini risponde con il piazzato, Carenza conquista il rimbalzo d’attacco che gli vale un 2/2 dalla lunetta: l’ultimo possesso e’ un’invenzione di Malaventura che dal palleggio costruisce la bomba del 44-35 dell’ultima pausa. Cavina si affida ancora alla zona che ha creato tante difficoltà alla GZC nel terzo periodo: Sanders sbaglia dall’arco, prima di una brutta persa di Malaventura. Veroli continua a soffrire in attacco, il ritmo dell’attacco ciociaro e’ troppo basso e Napoli difende bene il pitturato: Blizzard trova la tripla che potrebbe sbloccare i suoi, ma in un amen Weaver ricuce fino al 47-39 che costringe Ramondino alla sospensione. Tiene in difesa Napoli che in attacco sembra affidarsi più alle iniziative dei singoli, spesso poco brillanti: Sanders recupera il rimbalzo lungo e si invola in campo aperto per la schiacciata che fa esaltare il Palas, Weaver regala il possesso sulla rimessa ed e’ un bene per i partenopei che la tripla di Sanders finisca sul ferro. L’ennesima ingenuità della serata azzurra su una rimessa concede due punti veloci a Samuels (51-39), Ceron e’ bravo a recuperare il rimbalzo in attacco che vale il 2+1: la Expert cresce ancora in difesa, la persa di Casella da’ l’opportunità di una tripla rapida a Ceron che finisce sul secondo ferro ma e’ Bryan a catturare il rimbalzo che converte in un’inchiodata di pura energia (51-44). Veroli sembra stanca, ma la sfida rimane intensissima con le due squadre determinate a rimanere a punteggio pieno: Weaver esce dalla partita con poco più di 3′ sul cronometro per un ingenuo sgambetto a rimbalzo, Samuels sfonda e Napoli attacca. Brkic trasforma i liberi (51-46), fondamentali in questa fase con le due squadre in bonus: Veroli non trova il tiro nei 24” regolamentari, Brkic ha l’occasione di riportare i suoi ad un possesso di svantaggio ma spreca in maniera clamorosa ad un passo dal canestro. Tomassini prende l’iniziativa per i padroni di casa nel finale: prima si costruisce il piazzato con uno splendido crossover, poi segna la tripla che taglia le gambe agli ospiti (56-46) quando si entra nell’ultimo minuto. Ceron segna un solo libero, Tomassini lo imita, la persa di Bryan sancisce la parola fine sulla seconda giornata di campionato: Veroli vince 57-47

Fotogallery a cura di Matteo Paniccia & Pierfrancesco Accardo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy