Finalmente Fileni! Battuta Forlì all’ultimo respiro, prima vittoria stagionale

Finalmente Fileni! Battuta Forlì all’ultimo respiro, prima vittoria stagionale

Commenta per primo!

Non una partita per deboli di cuore, sicuramente, quella odierna tra i padroni di casa della Fileni BPA Jesi e la Fulgor Libertas Forlì, che si è conclusa in una vittoria batticuore per la squadra di coach Coen col punteggio di 61-60 dopo una contesa costantemente nelle mani dei ragazzi di coach Galli, seguiti da una calorosa tifoseria.

1° QUARTO: Sin dall’inizio la Fulgor ha impresso nella partita il suo ritmo di corsa e frizzantezza grazie alle incursioni dei piccoli Ferguson, Saccaggi ed il baby Basile, ma soprattutto 8 punti di Cain sono stati determinanti per scappare subito; Jesi non parte proprio benissimo, Maggioli in difesa non regge l’impatto di Cain ed il suo atletismo e Goldwire fa troppa confusione in attacco, com’è già capitato nella scorsa partita casalinga contro Verona.
La difesa jesina è in grande difficoltà, nessuno è in grado di tenere un 1 vs 1 diretto e l’unico che ci mette un po’ di grinta è, come sempre, l’eterno Rocca, ma non basta.
I primi 10 minuti di gioco si concludono sull’8-17 in favore della Fulgor.

2° QUARTO: Stesso copione nel secondo quarto, anche se l’Aurora si sveglia solamente dopo 5′ e riesce a chiudere il parziale sul 21-16, portandosi sul 29-33 all’intervallo.
Goldwire non è in serata: forza conclusioni su conclusioni, non fa girare il pallone come dovrebbe e la squadra è inceppatissima in attacco, ma poi un paio di individualità di Jukic e Rocca li riportano a galla.
Forlì si spegne un po’, Saccaggi si innervosisce e prende un tecnico evitabile che riporta Jesi in partita (14-17 dopo 2′), ma poi dall’altra parte Crow e 4 punti di Cain riporta Forlì sopra di 10 (14-24) e Jesi è di nuovo in panne.
Coen non si decide a chiamare timeout e Forlì arriva addirittura sul 16-33 a 3′ dalla fine del secondo quarto, poi da lì il parzialone di 13-0 della Fileni BPA che fa esaltare il palazzetto e manda a riposo le due squadre con l’inerzia a favore degli arancioblu.

3° QUARTO: Il terzo quarto torna ancora a favore di Forlì grazie a Ferguson che è il vero leader di questa giovane squadra ma piena di attributi e di voglia di fare, anche se l’esperienza è poca e si vede.
Nei primi 2 minuti nessuna delle due squadre riesce a trovare il fondo della retina, poi è Ferguson a muovere il punteggio sul tabellone e poi Jukic dall’altra parte a rispondere.
Jesi è troppo disattenta nei rimbalzi e Forlì, con Cain e Sergio, ne approfitta senza fare complimenti, punendo la difesa jesina sotto le planches con notevole facilità.
I ragazzi di Coen per 3 minuti non segnano e ad un tratto si ritrovano di nuovo a -11 (31-42 dopo 5′).
Grazie all’apporto di Rocca e Goldwire in attacco e di Jukic in difesa, con 2 stoppate consecutive su Crow, Jesi riesce a portarsi sul 40-48 a fine terzo quarto.

4° QUARTO: I forlivesi ci mettono grande concentrazione per tutta la partita, ma quando si arriva in momenti concitati iniziano a sentire la pressione.
Ad 8′ dal termine Jesi si trova nuovamente a -11 (42-53), ma da qui inizia la rimonta che poi la porterà a vincere la partita: infatti finalmente Goldwire la mette dai 6,75 ed in difesa si stringono le maglie aurorine, lo stesso coloured si carica la squadra sulle spalle e, servendo bene Santiangeli e Rocca, porta la sua squadra sul 56-59 a 2 minuti dal termine.
Gli uomini di Galli sono visibilmente in difficoltà e la Fileni ha acquisito fiducia anche grazie alla grinta di tutti i 2000 presenti quest’oggi al PalaTriccoli e, con Maggioli a sedere dopo un’altra prestazione opaca (addirittura fischiato al momento dell’ultima sostituzione), si arriva a 35 secondi sullo stesso punteggio e con Saccaggi in lunetta con 2 liberi a disposizione: 1/2 a cronometro fermo.
Dall’altra parte glaciale Santiangeli che spara la tripla e fa schizzare in piedi tutto il palas con la realizzazione su assist di Goldwire e si porta a 59-60 ma poi quest’ultimo a 13 secondi dalla fine per fermare Ferguson commette il suo 5° fallo.
Ferguson, dopo una partita immacolata dalla linea dei tiri liberi, fa 0/2, Santiangeli recupera il rimbalzo e subisce fallo a 9 secondi dalla sirena.
Il matelicense è freddissimo dalla lunetta e fa 2/2 mentre dall’altra parte, dopo un incomprensibile timeout chiamato da Coen visto che la propria squadra stava difendendo e che gli avversari avevano esaurito le sospensioni, non riesce a trovare un buon tiro che possa far vincere la Fulgor.

Jesi finalmente porta a casa quella tanto attesa V sul calendario, dopo 3 partite, e ci si aspetta che, una volta ingranata la prima, si vada spediti verso una grande stagione, con il supporto del pubblico che non manca mai e con tanto entusiasmo, perchè la squadra c’è ed è di quelle buone.
Forlì dal canto suo può solo recriminare il fatto dell’inesperienza, infatti hanno dominato per tutta la partita e poi si sono sciolti sul finale, ma questi ragazzi hanno attributi da vendere e sicuramente si toglieranno grandi soddisfazioni quest’anno.

TABELLINI

FILENI BPA JESIFULGOR LIBERTAS FORLI’ 61-60

FILENI BPA JESI: Maggioli 6, Borsato 2, Fallucca 3, Jukic 11, Rocca 13, Goldwire 13, Esposito ne, Gaspardo 2, Bargnesi ne, Santiangeli 11. ALL Coen

FULGOR LIBERTAS FORLI’: Basile 6, Cain 18, Gualtieri ne, Ravaioli ne, Crow 7, Ferguson 12, Saccaggi 12, Battistini ne, Eliantonio, Sergio 5. ALL Galli

PARZIALI: 8-17; 29-33; 40-48; 61-60

MVP BASKETINSIDE: MASON ROCCA (FILENI BPA JESI): 13 punti (6/8 da 2, 1/4 ai liberi), 10 rimbalzi (5 off), 4 falli fatti, 5 palle perse, 1 assist, 14 di valutazione

Fotogallery a cura di Andrea Medici

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy