Gigli super, Viola senza Freeman rimandata: Ferentino resta imbattuta al Ponte Grande

Gigli super, Viola senza Freeman rimandata: Ferentino resta imbattuta al Ponte Grande

FMC FERENTINO – BERME’ VIOLA REGGIO CALABRIA: 91-79

Ferentino: Bulleri 9 (3/5 da due, 1/2 da tre, 1 r.), Galuppi n.e., Gigli 20 (8/9, 0/0, 9 r.), Raspino 9 (3/5, 1/1, 2 r.), Benevelli 14 (4/5, 2/4, 4 r.), Imbrò 4 (1/3, 0/3, 5 r.), Carnovali 11 (1/1, 3/5, 0 r.), Benvenuti 0 (0/1, 0/0, 0 r.), Bowers 6 (3/7, 0/1, 5 r.), Raymond 18 (4/5, 2/6, 6 r.)

Reggio Calabria: Costa 0 (0/0, 0/1, 0 r.), Lupusor 8 (1/1, 0/1 ,2 r.), Mordente 7 (2/5, 1/2, 2 r.), Rullo 21 (3/5, 3/8, 3 r.), Ghersetti 6 (3/6, 0/1, 3 r.), Pandolfi n.e., Sindoni n.e., Crosariol 18 (1/4, 0/0, 4 r.), Brackins 13 (1/4, 3/5, 4 r.), Spinelli 6 (1/2, 1/5, 2 r.)

Parziali: 25-14 23-27 18-11 25-27

Arbitri: Sardella, Bonforni, Dioniso

Note – Tiri liberi: Ferentino 10/10, Reggio Calabria 19/25

Percentuali di tiro: Ferentino (27/41 da due, 9/22 da tre, 25 rd, 11 ro); Reggio Calabria (18/31 da due, 8/22 da tre, 16 rd, 6 ro).

La chiave della gara: L’approccio migliore da parte della FMC e la battaglia vinta dentro l’area dagli amaranto.

Il migliore: Angelo Gigli.

LA CRONACA

S5 FMC: Imbrò, Bowers, Raspino, Raymond e Gigli

S5 Viola: Spinelli, Mordente, Rullo, Ghersetti e Brackins

Partenza lanciata per la FMC Ferentino che vola subito sul 9-0 con Bowers, quattro punti di Raymond e un gioco da tre punti di Gigli. L’ex gigliato Ghersetti scuote la Viola con 4 punti in bello stile ma si iscrivo alla gara anche Imbrò e Raspino, che danno ai ciociari il vantaggio in doppia cifra (15-4) a metà primo quarto. I gigliati non si fermano e continuano a dominare l’inizio del match, toccando il +15 con Gigli e il solito Raymond. Nel finale Reggio Calabria dà qualche segno di vita con la bomba di Brackins e Spinelli, che brucia la sirena dalla media e manda le squadre al primo riposo sul 25-14.

Nel secondo periodo Carnovali si presenta con una tripla ma Rullo e Brackins riportano gli ospiti sotto la doppia cifra di svantaggio (28-20), poi anche Mordente scalda la mano e i calabresi tornano a -5. Gigli prova a respingere l’assalto ma il solito Rullo e Lupusor guadagnano gite in lunetta, riportando ancora a contatto la Viola (35-31 a metà quarto). Raymond e Benevelli vanno  segno da dietro l’arco, Spinelli contribuisce all’elastico del punteggio con una conclusione pesante ma la FMC si tiene comunque avanti nel punteggio. Carnovali spara da dietro l’arco chiudendo la transizione a modo suo ma Lupusor colpisce dalla lunetta per tenere a galla la Viola: 48-41 all’intervallo.

L’avvio di ripresa è tutto di marca amaranto, con il lay up di Bowers e le triple firmate da Raspino e Raymond che riportano il gap oltre a 11 lunghezze. Sono gli ex azzurri Mordente e Crosariol a fermare la fuga gigliata, ma i vecchi compagni di Nazionale Bulleri e Gigli, aiutati da Raspino, ristabiliscono le distanze in breve tempo, firmando il 62-49. Negli ultimi minuti della terza frazione la qualità dell’attacco ferentinate cala ma aumenta contemporaneamente l’intensità della difesa, così il margine amaranto all’ultima pausa sale a 14 punti (66-52). Il quarto periodo si apre con un paio di giocate da applausi di Gigli e Crosariol, che danno spettacolo vicino al ferro. La FMC comunque tenta l’allungo definitivo con una penetraziodi Bulleri, toccando il massimo vantaggio sul +17. Anche Brackins ha scaldato la mano da dietro l’arco e Rullo continua a non sbagliare, ma stavolta è Benevelli a rispondere con l’ottimo lavoro a rimbalzo offensivo e con una tripla frontale. Il duo della Viola riesce comunque a spaventare minimamente la FMC, che dopo aver trovato il +19 con Gigli vede gli avversari riavvicinarsi a 10 lunghezze di distacco con 2’ da giocare. Arriva però una tripla di Carnovali e scatenare l’urlo liberatorio del Ponte Grande e a suggellare la bella vittoria dei gigliati, che mantengono così l’imbattibilità casalinga.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy