Imola non può nulla contro il ciclone varesino

Imola non può nulla contro il ciclone varesino

Commenta per primo!

Varese prosegue la sua cavalcata travolgendo la Aget Imola con uno splendido “Michael Jeffrey” Passera che tenta 8 tiri e non ne sbaglia nemmeno uno. Imola rimane in partita per un solo quarto e poi s’inchina al maggiore spessore dei padroni di casa, che mantengono 2 punti di vantaggio sulla seconda in classifica e si confermano al primo posto.

EQUILIBRIO. E’ Imola a partire più forte e a portarsi dopo pochi minuti sul 3-7. La partita stenta però a decollare e dopo 7’ il punteggio è ancora fisso sul 10-11. Varese riesce però dall’arco dei tre punti a punire Imola con Genovese e Martinoni. Il primo quarto si chiude con la formazione lombarda in vantaggio per 22-19.

BREAK. Varese riesci a portarsi, grazie ad un cospicuo numero di palle recuperate, sul +7, ma Imola riesce, per l’ultima volta, a colpire la difesa biancorossa fino a riportarsi in parità alla metà del secondo quarto. Poi Varese, trascinata da un Passera che non si era mai visto, riesce a staccare Imola di 10 punti, grazie soprattutto a due triple consecutive del playmaker varesino. La ciliegina sulla torta è la tripla sulla sirena di Childress da distanza siderale. Varese è in vantaggio 54-38 e fine primo tempo di una partita che si può già considerare come finita.

FOUL TROUBLE. In un terzo quarto dove non cambia assolutamente l’inerzia della gara, i padroni di casa se la devono vedere coi falli dei due lunghi titolari, Galanda e Dickens, che raggiungono quota quattro. Martinoni e Antonelli, però, svolgono un ottimo lavoro sotto le plance e non permettono a Imola di rientrare in partita, anzi aumenta il vantaggio biancorosso, 80-61 alla fine del quarto.

QUINTETTO VARESINO. Visto che Varese non ha intenzione di permettere agli ospiti di riaprire la partita (e Imola non mostra nemmeno l’intenzione di riaprirla), Pillastrini da ampio spazio ad un giovane con un elevato minutaggio quest’anno come Martinoni e a giovani poco utilizzati quest’anno come Genovese e Antonelli. Ma il regalo più grande al pubblico varesino lo fa quando, a 4’ dalla fine, fa cambiare Gergati, fino a quel momento in “semi-borghese”, febbricitante, per schierarlo in un quintetto composto da lui, Genovese, Passera, Antonelli e Martinoni, cinque ragazzi del vivaio varesino (4 dei quali, peraltro, nati proprio a Varese). La partita si chiude 91-77, con Imola che accorcia lo svantaggio grazie ad Isiah Swann, vero mostro da garbage time.

Cimberio Varese:

Passera 23, Antonelli 2, Galanda 12, Genovese 8, Gergati, Martinoni 10, Cotani 1,Childress 10Nikagbatse 12Dickens 13.

Aget Imola:

Swann 21, Valentini 4Ferri 8Bunn 18, Iversen 9, Fabi, Sorrentino n.e., Pugi 8, Righini n.e., Canavesi 9.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy