In un derby stupendo Agrigento batte Trapani conquistando la terza vittoria di fila

In un derby stupendo Agrigento batte Trapani conquistando la terza vittoria di fila

Derby bellissimo al Palamoncada, Agrigento se lo aggiudica battendo una buonissima Trapani.

di Salvo Trifirò

Giornata n°29, giornata ricca di spunti e giornata contraddistinta dai derby, prima quello della città bolognese, vinto dalla Virtus. Oggi quello tra due delle realtà più importanti del basket siciliano. Agrigento ospita Trapani, con entrambe le compagini che mettono sul parquet l’intensità giusta per regalare della bella pallacanestro. Al fischio finale è Agrigento a trionfare per 76-72.

Quintetti:

Agrigento: Piazza, Buford, Evangelisti, Chiarastella, Bell-Holter.

Trapani: Tavernelli, Viglianisi, Ondo Mengue, Crockett, Renzi

Primo Quarto:

Inizia molto forte Trapani, le doti tecniche di Tavernelli vengono subito fuori con l’ex giocatore di Latina che oltre ad essere il terminale offensivo principale dei suoi, cerca di sfruttare l’arma letale Renzi sotto canestro. Dopo un paio di minuti a secco, si sblocca l’attacco di Agrigento con il solito Buford. Contestualmente si fa male Viglianisi, sembra piovere sul bagnato per i granata, ma l’infortunio si dimostrerà meno grave del previsto. Mays entra in partita ma è Agrigento che fa sua l’inerzia, tripla subito per Zugno con la consueta personalità, ma le luci del finale di primo quarto sono tutte per la magia di Piazza che fa carambolare il pallone sulla schiena di Mays in azione di rimessa, servendo l’assist per l’attento Zugno, 19-15.

Secondo Quarto:

Parziale e controparziale fra le compagini siciliane. L’agonismo del neoentrato Ferraro infiamma la gara, l’ex giocatore di Roseto si conferma “bestia nera” dei trapanesi, mettendo la tripla del +4 al primo pallone toccato. Mays risponde con la stessa moneta, segnando da 8 metri. Trapani insiste con il quintetto basso sfruttando i pick’n pop con Filloy che però trova solo una volta il fondo della retina. La partita è giocata ad un altissimo tasso d’intensità. Vige l’equilibrio, il quale viene rotto alla fine del secondo quarto dalla tripla di Bucci, 37-33.

Terzo Quarto:

Agrigento riesce a toccare anche il +9, massimo vantaggio frutto di un ottimo Buford che mette sul parquet le sue pregevoli doti nell’azione di arresto e tiro. Trapani è molto brava a rimanere incollata alla gara grazie alla tripla di Tavernelli. Ducarello sceglie la zona senza Renzi per cercare di limitare gli attacchi agrigentini. In parte ci riesce, la vera rimonta però arriva contestualmente all’ingresso di un leader come Mays che sceglie di prendere in mano la squadra e portarla al pareggio, 54-54.

Quarto Quarto:

Zugno è l’autore del jumper che rompe parzialmente l’equilibrio, ripristinato subito dal 2/2 di Renzi. Renzi è scatenato, dopo il piazzato da 2 punti che riporta Trapani in parità, gioca splendidamente sotto canestro e firma il sorpasso di una lottatrice Trapani. Lotta a furia di tiri liberi, al solito Renzi risponde Evangelisti. Sul 60-60 sono ancora i libri a riportare Agrigento avanti che poi chiude le mura in difesa ed impatta la partita con il canestro di Chiarastella su invenzione di Buford. Bell-Holter si mette in proprio prendendo il rimbalzo in attacco e segnando il +6, incredibilmente un parziale pazzesco di 4-0 in pochi secondi ci regala un finale incandescente. Agrigento gestisce bene sfruttando gli errori degli ospiti e fa suo il derby, 76-72.

AGRIGENTO 76 TRAPANI 72

Fortitudo Moncada Agrigento: Bucci 3 (1/2 da 3,), Buford 12 (6/11), Cuffaro ne, Zugno 9 (3/4, 1/4), Evangelisti 12 (3/6, 0/4, 6/6 tl), A. Tartaglia ne, Ferraro 5 (1/2, 1/1), M. Tartaglia ne, Chiarastella 9 (3/3, 0/1, 3/3 tl), De Laurentiis 3 (1/2, 0/1, 1/3 tl), Piazza 12 (2/6, 2/6, 2/4 tl), Bell-Holter 11 (3/6, 0/2, 5/6 tl). All. Franco Ciani

Lighthouse Trapani: Mays 22 (6/11, 2/9, 4/6 tl), Costadura ne, Renzi 20 (8/15, 4/4 tl), Tavernelli 4 (1/3, 0/4, 2/2 tl), Simic ne, Nicosia ne, Ondo Mengue, Ganeto ne, Viglianisi 1 (0/1, 0/2, 1/2 tl), Filloy 7 (2/7, 1/5), Crockett 18 (6/9, 2/3). All. Ugo Ducarello

Fotogallery a cura di Giuseppe Rigoli

Ciani

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy