La FMC torna al successo contro una mai doma Omegna

La FMC torna al successo contro una mai doma Omegna

Commenta per primo!

Vittoria difficile quella della FMC Ferentino su una Fulgor mai doma e che in qualche tratto della partita sembrava intenzionata a portare a casa un successo inaspettato. La FMC torna al successo dopo un periodo di crisi e lo fa grazie alle sue certezze, soprattutto Angelo Gigli, autore di 18 punti, conditi con 8 rimbalzi. Importantissimo il ritorno per i padroni di casa di Andrea Benevelli, autore di un’ottima prova in entrambe le metà campo.

Palla due controllata dalla squadra ospite dopo una violazione di Gigli, ma è Ferentino a portarsi avanti proprio grazie al lungo romano che sfrutta bene una ricezione al centro dell’area avversaria e appoggia due punti comodi al tabellone. La FMC difende bene e recupera qualche buon pallone ma non riesce a trasformare il tutto in un vantaggio comodo quindi la partita rimane su un sostanziale equilibrio. A metà quarto siamo sul 9-7 per i padroni di casa. Le due squadre non riescono ad entrare in ritmo offensivamente e fanno fatica a mettere punti a referto. A tre minuti dalla fine del primo quarto arriva il primo vantaggio ospite grazie a Moore che, prima in layup, poi dalla lunga distanza, porta avanti i suoi sul 13-8. Immediata però è la risposta dei padroni di casa, che sfruttano la fisicità di Gigli e Raymond per realizzare un mini break di 4-0 con due canestri in post basso. Il quarto si chiude con la FMC avanti 18-17 grazie ad un canestro da tre dall’angolo di Benevelli a 10 secondi dalla fine del quarto. Fino ad ora molto buone le prove di Gigli da una parte (6 punti) e Casella dall’altra (8 punti).

Il secondo quarto inizia con Moore che  riporta la sua squadra avanti di un punto, ma subito Raymond dall’altra parte risponde con un canestro su rimbalzo in attacco. Per un minuto e mezzo circa non accade nulla ma poi ci pensano Moore con due liberi e Benevelli con un canestro di pura voglia in mezzo all’area a muovere il tabellino. Dopo un canestro da distanza siderale di Carnovali ed uno in penetrazione di Moore, le due squadre arrivano al giro di boa del secondo quarto con la FMC avanti di un possesso pieno, 26-23. Da quel momento è letteralmente salito in cattedra Antonio Iannuzzi, grande ex della gara, che con 7 punti in fila, riporta i suoi in vantaggio sul 30-28 a 2:00 dalla fine del primo tempo. La FMC si è letteralmente bloccata in attacco e coach Fucà ha dovuto chiamare un timeout per spronare i suoi e per dare qualche indicazione dal punto di vista offensivo, ma anche difensivo, visto che nell’area gigliata Iannuzzi si sta imponendo prepotentemente. Pur creando molti tiri buoni, la squadra di casa fa una fatica tremenda a segnare dei punti; solo Carnovali interrompe dalla lunetta un digiuno che durava da oltre tre minuti. Ma poi Cappelletti, con due triple, di cui una a fil di sirena, riporta avanti i suoi sul punteggio di 32-36. Analizzando le prestazioni individuali, per Omegna i due mattatori sono Moore e Iannuzzi, autori rispettivamente di 11 e 9 punti (Iannuzzia ha anche 7 rimbalzi); dall’altra parte molto bene Imbrò con 7 punti e Benevelli con 6.

Il terzo quarto inizia con lo stesso ritmo blando del secondo ma la partita è decisamente aumentata d’intensità. La FMC si affida al suo faro Gigli e, dopo una schiacciata di Raymond arrivata da una buona difersa, coach Barbiero si ritrova costretto a chiamare timeout, con la FMC che si è rifatta sotto sul 38-39. Ferentino sembra aver cambiato volto in difesa e raggiunge la parità con un libero di Bowers sul 43-43. Dopo uno scontro a rimbalzo, Iannuzzi cade male e chiama immediatamente il cambio, ma sul breve periodo i suoi compagni non risentono la sua assenza, anzi allungano fino al più 7 che rappresenta il massimo vantaggio della gara in favore degli ospiti. Di puro orgoglio però, la squadra di casa, con un parziale di 9-3, ricuce fino al -1 che chiude la terza frazione con il punteggio di 55-56. Moore sempre più leader offensivo dei suoi con 18 punti, mentre dall’altra parte abbiamo il solito equilibrio con tre giocatori in doppia cifra.

Il quarto periodo si apre con un parziale di  7-0 per i padroni di casa, aiutati anche da un fallo antisportivo. Cappelletti prova a ricucire lo strappo con una tripla ma Raspino è “on fire” e realizza due triple in fila che portano la squadra di casa sul 68-63. A metà partita la squadra di casa conduce per 70-65 una partita molto equilibrata e molto ben giocata difensivamente dalle due squadre. La FMC però sembra rinvigorita dal parziale di inizio quarto e, grazie ad un infuocato Raspino, arriva fino al +9. Omegna sbaglia tanto da sotto e Ferentino è molto cinica a punire in transizione, raggiungendo il massimo vantaggio sul 77-67 e costringendo Omegna a rifugiarsi in un timeout a 3:11 dalla sirena conclusiva. Dopo un infortunio a Imbrò, Omegna ne approfitta per segnare in contropiede il -7 a 1:40 dalla fine della gara. Omegna non muore mai e con un break di 5-0 si riporta fino al -2. Benevelli è freddo e dalla lunetta realizza il +4 . Iannuzzi sbaglia il tiro per ridurre le distanze e Bulleri sigilla la vittoria con un due su due importantissimo dalla lunetta. Ferentino difende bene l’ultimo successo e porta a casa una soffertissima vittoria per 81-75 contro una molto solida Omegna, che si è sciolta solo nel finale dopo una partita giocata alla pari. MVP della gara diviso tra Gigli e Raspino. Il primo perché ha letteralmente tenuto su la squadra nel corso della partita ed il secondo perché nel momento di dare l’allungo decisivo è stato fondamentale con 8 punti.

TABELLINI: FMC Ferentino: Bulleri 6, Galuppi DNP, Gigli 18, Raspino 8, Benevelli 12, Imbrò 12, Carnovali 5, Benvenuti, Bowers 12, Raymond 8.

Paffoni Fulgor Omegna. Moore 18, Zanelli 6, Iannuzzi 17, Vildera DNP, Cappelletti 9, Terenzi, Galmarini 1, Casella 15, Banach DNP, Smith 9

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy