La Leonis non c’è, Virtus facile nel derby di Roma

La Leonis non c’è, Virtus facile nel derby di Roma

La Leonis parte male e non riesce più a rientrare in partita. La Virtus è in grande serata e fa suo il derby rafforzando il primato in classifica. Esordio con sconfitta per Nunzi.

di Gabriele Leslie Giudice

LEONIS ROMA 73-94 VIRTUS ROMA (8-22, 28-29, 16-25, 21-17)

La Virtus vince con grande merito il derby, dopo 40′ sempre in vantaggio e in controllo, a discapito di una Leonis in serata no. Impatta subito bene la capolista – avanti prima 0-9, poi 6-22 – mentre la Leonis, in cui l’assenza di Piazza si sente parecchio, non gira e non riesce a sbloccarsi. Qualche giocata individuale tiene ancora i padroni di casa dentro alla partita, che possesso dopo possesso si fa sempre più a tinte giallorosse: Sims domina il pitturato – 23 punti alla fine, con 11 rimbalzi e 9 falli subiti – spingendo ancora più in là il vantaggio di Bucchi, all’intervallo avanti di 14, sul 36-52. La Leonis prova a mischiare le carte ma senza mai riuscire a impensierire la Virtus, che allunga ancora e nell’ultimo quarto gestisce il vantaggio, facendo suo il derby e rafforzando il primato in classifica. Esordio con sconfitta per Nunzi.

La Virtus prova subito a scappare piazzando un parziale di 9-0 (4 di Sims), la Leonis produce qualcosa in attacco ma la Virtus è ancora in piena estensione, come testimoniato dal nuovo parziale di 11-0 che tramortisce l’Eurobasket, sotto 8-22 al termine dei primi 10′. Gli ospiti sono in serata e continuano a colpire regolarmente in attacco, la Leonis prova a difendersi con gli spunti individuali, avvicinandosi leggermente (17-29) con le triple di Jones e Loschi. Sims e Alibegovic continuano a troneggiare nel pitturato Leonis (21-37), che continua a perdere trazione e a subire l’intensità della Virtus, brava anche ad approfittare di qualche errore in regia degli avversari, recuperando e punendo costantemente i padroni di casa, sotto all’intervallo 36-52. La Virtus trova anche il +20 con le triple di Moore e di Chessa (38-58), mentre la Leonis prova diverse soluzioni difensive ma senza riuscire a girare l’inerzia della partita, ancora, e anche saldamente, nelle mani degli ospiti, che cavalcando un Sims in grande spolvero toccano anche il +26 (40-66), con la partita, all’alba dell’ultimo quarto, già virtualmente chiusa (52-77). Gli ultimi 10′ non regalano ulteriori sussulti: la Virtus gestisce con tranquillità il suo vantaggio, concedendo alla Leonis solo di rosicchiare minimamente il gap. Il finale al Ponte Grande è 73-94.

LEONIS ROMA: Fall 8, Fanti 3, Loschi 18, Jones 19, Amici 7, Bonessio, Bushati 7, Infante, Hollis 11.

VIRTUS ROMA: Baldasso 4, Sims 23, Moore 20, Saccaggi 2, Landi 16, Santiangeli 7, Chessa 3, Sandri 6, Alibegovic 13.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy