La spunta l’Assigeco con merito, alla Virtus sfugge il colpo sull’ultima sirena

La spunta l’Assigeco con merito, alla Virtus sfugge il colpo sull’ultima sirena

Alla fine vince l’Assigeco. Roma rimane avanti per gran parte della gara, ma quando conta, i locali sanno far valere il fattore ‘Campus’ e riescono con una bassa percentuale ai liberi, ma con cinque doppie cifre pesanti a superare la Virtus.

Commenta per primo!

Assigeco – Virtus Roma  94 – 89  d. 1 t.s. (20-28; 17-19; 18-16; 23-15; 16-11) 

Assigeco: Fultz 20; Jackson 24; Chiumenti 4; Austin 9; Poletti 20; Vencato 14; Rossato 3; Donzelli ; Bordato ; Dincic ; Rota. All.: Alex Finelli. Vice Andrea Bonacina.

Acea Virtus Roma: Meini 5; Maresca 14; Voskuil 31; Olasewere 11; Callahan 22; Benetti 2; Casagrande 2; Leonzio 2; Bonfiglio; Flamini. All.: Attilio Caja. Vice: Riccardo Esposito. Umberto Zanchi.

Codogno (LO)- Alla fine vince l’Assigeco. Roma rimane avanti per gran parte della gara, ma quando conta, i locali sanno far valere il fattore ‘Campus’ e riescono con una bassa percentuale ai liberi, ma con cinque doppie cifre pesanti a superare la Virtus che, mai doma, cede solo sulle triple di Jackson e sulla prova maiuscola di Vencato che, nella fase difensiva, frena volentieri le iniziative di un Voskuil sempre in partita. Due punti pesanti per la classifica che ridiventa interessante per i rossoblu e che nulla pregiudica ai giallorossi, capaci di una gara che sicuramente rassicura giocatori, tifosi e Società.

“Giù il gettone e buon divertimento a tutti.” Si parte e subito Callahan offre due liberi a Austin che non ne approfitta, mentre Olasewere non sbaglia e Poletti per due volte buca da sotto. Callahan e Voskuil non si fanno pregare. Chiumenti fa un numero e Poletti insiste, ma a metà quarto Roma è avanti. Sandri è in panca precauzionale, Poletti non si ferma e Maresca fa centro, prima che Fultz da tre riporta il pari al tabellone e apre i puntini degli O.T. dalla parte ospite. Chiumenti allunga il braccio, ma Callahan va in doppia già cifra riportando avanti i capitolini. Fultz è frizzante e Voskuil pungente. Meini manovra e Voskuil è implacabile. Jackson non ha la mano calda e il ferro gli sputa tutto. A Maresca, no. Un quarto lottato e vinto dai romani di coach Caja con Callahan e Voskuil sugli scudi e già in doppia cifra. 20-28

Roma a posto e Casalpusterlengo con Vencato e Donzelli, per Chiumenti e Fultz. Jackson ci prova con successo da tre e Poletti schiaccia facile. Austin risponde a Meini e Voskuil si conferma mitragliere dalla lunga. Sandri non esce dalla panca e i cambi rossoblu sono giovani e di spessore, ma Meini ribadisce che l’esperienza paga sempre. Vencato si fa largo nel traffico e appoggia in rete. Coach Caja muove la sua panca con continui cambi e Luca Vencato centra ancora, in gancio. Rossato, da tre, sponsorizza la linea verde Assigeco, ma è Callahan a ribadire la propria autorità dalla distanza. T.O. di coach Finelli sul punteggio di 34-41. Si riparte, Chiumenti incita il quintetto. L’attimo di confusione e di palle che non vogliono entrare è rotto da Olasewere, che tiene sempre più a distanza l’Assigeco. Buona la difesa di casa che dissolve i 24’’ di Roma e ribalta con tre punti di Fultz. 37-47

E’ un -10 pesante quello che accompagna all’intervallo lungo i casalini che, pur giocando una buona prima parte, non sanno imbrigliare le trame di Meini, finalizzate con energia da Callahan e costruite con maestria da Voskuil. Poletti la mette sempre, ma non sempre è servito con puntualità. Ottimo Fultz e buono Vencato: in campo assieme per tre minuti, fanno buone cose.

Poletti ricomincia la sua danza come l’ha lasciata. Callahan e Fultz, anche. La palla gira veloce dalle parti del pitturato rossoblu e Olasewere porta un gioco da tre e un tecnico a Poletti. Austin da tre, alleggerisce la tensione e Vencato offre una palla d’oro a Poletti per il -8. 46-54 a 6’ 03’’ Due liberi di Austin e Olasewere difficile da fermare, quintetto basso per Assigeco e Fultz da tre a cui risponde Maresca con la stessa moneta. Ora il gioco è maschio, ad ogni azione le spade sono sguainate. Poletti ha anche la picca e la abbassa da tre. Il punteggio è sempre troppo favorevole ai romani 53-63 e si stenta ad allargare la luce in fondo al tunnel che tiene imprigionati quelli dell’Assigeco. Due liberi a segno di Vencato, poi la sirena. E gli ultimi 10’ col fuoco nelle vene.

E Jackson in canna, che parte subito con un tre maiuscolo. Due difese energiche costringono Roma a non sfruttare i 24’’. Voskuil riporta a +10 la distanza romana e sembra imprimere un indirizzo deciso alla gara. Il T.O. di coach Finelli, vuole mettere un po’ di luce nelle trame rossoblu, ma il tempo scorre e a Fultz non entra. A Jackson sì. Da tre. E subito ribatte da sotto. T.O. Coach Caja. 63-68 a 5’28’’. Assigeco, Assigeco. Ma anche la curva ospite si fa sentire e mostra i muscoli nel caldo del Campus. Callahan da tre, risponde ai liberi di Vencato e subito dopo si grava del quinto fallo. Con Poletti ai liberi. 2/2 – 67-71.  Vencato ruba palla e va in campo libero. Due punti. Ancora Vencato a rubare pala e Jackson va da tre. Ora è punto a punto per gli ultimi 2’30’’. 72-73. Voskuil non sbaglia dalla carità e Vencato vibra da sotto. Chiumenti prende la mira e fa 76-75. Jackson fa sparire la palla che riappare nel cesto. Il quinto fallo di Benetti porta in lunetta Vencato che sbaglia. Maresca con un centro dalla distanza manda le squadre all’over time. 78-78.

Come all’andata non bastano i 40’ e si riparte. Altri 5’. Fultz, Maresca, Jackson e Voskuil da tre in rapida successione. Vencato fa il ‘cameriere’ e Casagrande ai liberi che, entrato da freddo, fa ½. Ancora Poletti che non sbaglia e Vencato che sradica la palla dalle mani di Voskuil. E’ lotta quasi libera. Fultz da sotto dopo la tripla dio Voskuil. 90-88 38’’. Il fallo di Flamini su Fultz porta scompiglio in campo e gli ultimi liberi sanciscono la vittoria di Assigeco Casalpusterlengo su una Virtus volitiva, ben impostata e con le carte in regola per ben perseguire i suoi obiettivi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy