Legnano, tutto facile poi il brivido finale contro una Napoli ridotta all’osso

Legnano, tutto facile poi il brivido finale contro una Napoli ridotta all’osso

Nonostante una volitiva Napoli, Legnano è sempre in controllo del match conducendolo sempre con vantaggi in larga doppia cifra, trascinata da Mosley e Raivio.

di Giampaolo Caputo

A Fuorigrotta il finale dice 78-73, ma il risultato inganna. Nonostante una volitiva Napoli, Legnano è sempre in controllo del match conducendolo sempre con vantaggi in larga doppia cifra, trascinata da Mosley e Raivio, sempre chirurgici e ben coadiuvati da Martini e Tomasini. Un dominio mostrato anche a rimbalzo, che non poteva lasciare scampo a Napoli che dalla sua ha vissuto sul talento di Caruso e Turner, sulla voglia di Thomas e Mascolo ma che niente ha potuto nonostante un ultimo sforzo davvero ammirevole, che ha fatto arrivare i padroni di casa ad un dignitoso -5.

Cuore Napoli Basket – FCL Contract Legnano 73-78 (12-20, 15-23, 17-21, 29-14)

Cuore Napoli Basket: Elston jr Turner 23 (6/13, 2/7), Guglielmo Caruso 17 (6/10, 0/1), Jermaine Thomas 16 (3/3, 3/4), Bruno Mascolo 12 (3/8, 1/3), Mattia Mastroianni 3 (1/2, 0/3), Nikolay Vangelov 2 (1/5, 0/1), Alessio Ronconi 0 (0/2, 0/2), Antonio Gallo 0 (0/0, 0/0), Simon Zollo 0 (0/0, 0/0), Alessandro Puoti 0 (0/0, 0/0), Antonio Crescenzi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 18 – Rimbalzi: 27 5 + 22 (Guglielmo Caruso 8) – Assist: 8 (Jermaine Thomas 3)

FCL Contract Legnano: Nikolas thomas Raivio 21 (6/9, 3/4), William ralph jr. Mosley 20 (9/10, 0/0), Matteo Martini 13 (3/8, 1/4), Simone Tomasini 9 (2/5, 1/2), Federico Maiocco 6 (0/0, 2/4), Daniele Toscano 4 (2/2, 0/1), Alessandro Zanelli 3 (0/2, 1/4), Rei Pullazi 2 (1/4, 0/2), Edoardo Roveda 0 (0/0, 0/1), Luca Gazineo 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 8 / 15 – Rimbalzi: 38 11 + 27 (William ralph jr. Mosley 13) – Assist: 16 (Nikolas thomas Raivio, Matteo Martini 5)

Recupero della seconda di ritorno al PalaBarbuto, tra una Napoli ormai spacciata, che si è rifatta il look con le cessioni di Maggio, Nikolic e Fioravanti, e una sempre più sorprendente Legnano, in piena corsa playoff. Il Cuore parte con Thomas, Turner, Ronconi, Mastroianni e Caruso, i Knights rispondono con Zanelli, Martini, Raivio, Mosley e Maiocco.

Partono forte gli ospiti con un 6-0 siglato Martini/Raivio,Napoli non trova mai la via del canestro contro l’arcigna difesa bianco-rossa che vola sul 14-6 grazie al solito chirurgico Raivio. Mascolo prova come sempre a caricarsi sulle spalle i suoi, responsabilizzato anche dai 2 prematuri falli sanzionati a Thomas, ma l’inerzia del match resta nelle mani dei lombardi che chiudono il primo quarto in vantaggio sul 20-12, doppiando gli avversari a rimbalzo con un eloquente 14 a 7.

Inizio di secondo quarto con Napoli trainata dall’orgoglio di Thomas, ma dopo i suoi 5 punti Mosley ribadisce il dominio nel pitturato e controbreakka 6-0 per il massimo vantaggio di Legnano sul 27 a 20, con ben 22 punti griffati dal.duo Usa che spadroneggia in lungo ed in largo e costringe Bartocci al timeout. Nonostante il minuto di sospensione il trend del match non cambia: nonostante un ispirato Thomas autore di ben 10 punti, Tomasini e Martini fanno volare gli ospiti addirittura sul più 16 e più in generale Legnano continua a mostrare quella voglia di giocare assieme, di eseguire, di trovare sempre tiri puliti che ad oggi ha contraddistinto il loro campionato. C’è anche una piccola fiammata di classe griffata Elston Turner, con la GeVi Sèleco che si avvicina timidamente sul -11 ma Raivio si rimette in proprio e riporta gli ospiti sul 41-25. Nel finale Caruso brilla tra gli azzurri con un paio di belle giocate, si va all’intervallo lungo con Legnano largamente in vantaggio sul 43-27.

Ripresa che inizia sulla falsa riga dei primi due quarti, con Legnano che gestisce a suo piacimento il match, sempre trascinata dal tandem USA che fa toccare il più 20 sul 51-31. Napoli davvero non riesce ad esser competitiva nonostante la buona volontà, piccola reazione di orgoglio partenopea con un 5-0 siglato dalla premiata ditta Mascolo Turner ma basta tirare il fiato che in un amen arriva la spallata ospite propiziata da Mosley già in doppia doppia. Arriva così il 59-41, smosso da un “morbidone” da tre punti di Turner, il parziale si chiude ancora con Mosley (20 punti) e Raivio (19) che banchettano senza ostacoli. Netto il 64-44 Legnano al 30′.

Ultimo dieci minuti che si aprono con qualche sprazzo di classe ed orgoglio di un Turner che mette su uno score di tutto rispetto, scollinando i 20 punti e riportando Napoli sul -16 sul 50-66, ma gli risponde Maiocco dall’arco. Al giro di boa conclusivo i Knights amministrano, forti dei 41 punti con 18/23 al tiro dei due americani, buon ultimo sforzo di Napoli che grazie al talento di Caruso e una bomba di Thomas innesca un break di 12 a 0 e si riporta addirittura a -8 sul 70 a 78 ad 1’15” dalla fine del match. Ospiti costretti a un time-out spezza-inerzia, Thomas sbaglia il libero del -6 ma Bartocci lancia nella mischia l’esordiente Gallo, e a 27” gli azzurri si riportano addrittura sul 73 a 78. E’ il punteggio finale, dopo gli errori di Martini da una parte e Mastroianni dall’altra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy