L’Orlandina vola sulle ali di Triche al Palabianchini! Latina è KO

L’Orlandina vola sulle ali di Triche al Palabianchini! Latina è KO

Una partita fatta per soffrire, dove contano non solo i canestri segnati, ma il lavoro silenzioso e indispensabile come quello di Tavernelli e di Mei, dove conta la panchina che incita i compagni, dove conta il pubblico chiamato a sostenere le due formazioni che oggi erano chiamate all’arduo compito di accettare una vittoria ed una sconfitta perché questo sport non ammette pareggi e forse è per questo che la sua meraviglia vive nelle emozioni contrastanti che riescono sempre a venir fuori e sostenere anche il più incredibile dei sogni. Capo d’Orlando si avvicina al suo. Latina guarda all’impegno di sabato con l’Eurobasket.

di Alessandra Ortenzi, @AlessAndrApple

La cronaca della gara tra Latina Basket e Capo d’Orlando

 

La dinamicità del gioco premia sicuramente lo spettacolo di questa 29° giornata all’insegna degli scontri utili per aggiudicarsi posizioni importanti ai fini della conclusione della stagione con la migliore performance possibile. I siciliani attaccano in velocità ma Latina riesce ad arginare le prime azioni del quarto, con un gioco fluido e concentrato. La parità 13 si raggiunge quando sono trascorsi solo 4 minuti di gioco e il punteggio racconta di come questa gara venga portata avanti in velocità. La schiacciata del capitano dell’Orlandina spinge la reazione di Cucci e Baldassarre che tirano fuori grinta e carattere per fronteggiare Bruttini, determinato a cogliere ogni opportunità. Il “furto” di Triche dalle mani di Baldassarre, porta Capo D’Orlando in vantaggio +6 (19 a 25) quando mancano 2 minuti al termine del tempo. Triche e Parks in doppia cifra mettono in crisi Latina. Poi, il tap-in di Mobio e il suo ultimo sigillo al quarto, consegnano nelle mani dell’Orlandina un parziale di 23 a 31.

 

Latina riesce a impartire un mini-parziale di 4 a 0 in un minuto grazie ai liberi di Baldassarre su fallo del giovane Laganà e all’errore (il secondo) di Parks che, intercettato Carlson, regala due punti ai nerazzurri (27 a 31). Naturalmente i siciliani non stanno a guardare ma Lawrence punisce gli avversari con un tiro dalla lunga distanza e i compagni riescono nell’impresa di mantenere i possessi. Il punteggio si mantiene in costante equilibrio fino alla bomba di Parks e ai sopraggiunti errori di Latina. A metà del tempo la situazione è di 34 a 42. Capo d’Orlando continua a spingere sull’acceleratore. In un minuto il vantaggio diventa +12 grazie alla tripla del cinetico Parks. Gramenzi chiama il time-out sul 34 a 46. La situazione è complessa. Latina non riesce a finalizzare fino alla tripla di Lawrence che risveglia l’attenzione su Sodini. Il Time-out viene chiamato dalla panchina siciliana sul +9 (39 a 48)  quando manca poco più di un minuto all’intervallo lungo. L’ultima parola spetta a Fabi che, su fallo di Neri realizza un gioco di 2+1 e chiude il parziale 42 a 52.

 

L’impresa del recupero di 5 punti in 30 secondi porta la firma di Andrew Lawrence: Capitan Tavernelli recupera un possesso, e Andrew realizza in contropiede. Poi, in successione, è autore di un gioco di 2+1 grazie al fallo di Bruttini: 47 a 52 e ancora tutto il quarto da giocare! Un fallo antisportivo a Cucci inceppa il meccanismo pontino ma lo spettacolo continua al Palabianchini tra giocate dinamiche e evoluzioni verticali! Capo d’Orlando commette qualche errore di troppo e Latina approfitta riducendo il gap. La bomba di Valerio Cucci avvicina Latina a -5 (55 a 60) quando manca poco più di metà del tempo. Gli avversari reagiscono con grande determinazione. I padroni di casa sono sempre in gioco ma i siciliani spingono con Triche e Parks che sembrano inarrestabili. La bomba di Fabi cerca di mantenere il vantaggio Orlandina a +10. Il fallo tecnico di Triche regala a Lawrence la palla del 65 a 73 e Latina si prepara a giocarsi tutto negli ultimi 10 minuti.

 

Mobio e Parks non fanno passare Latina. Chiudono ogni spiraglio d’attacco. Riesce solo Allodi a sorprendere la difesa siciliana e rientrare a -9 (67 a 76) a due minuti di gioco. I nerazzurri impiegano ogni energia possibile ma Triche, con il suo 32° punto, porta Capo d’Orlando a +11 (71 a 82) e la schiacciata di Bellan sul tiro di Parks, costringe Gramenzi a richiamare la squadra: il mini parziale di 11 a 6 in 4 minuti è pesantissimo da gestire! L’intensità scende e Latina si ritrova in una condizione di poter amministrare meglio i possessi. Rientra con Fabi e Lawrence e sul time-out di Sodini a metà del quarto, il punteggio è 75 a 84. Latina guarda avanti. Carlson e poi Cucci e Latina è a -6 (80 a 86) quando mancano solo 170 secondi al termine della gara. Mike Carlson è indispensabile per mantenere l’equilibrio di squadra sia in attacco che in difesa. L’esuberanza di Cucci e la sua capacità di farsi attaccare sotto canestro, recupera un solo punto ma indispensabile per crederci (81 a 86). Un minuto e 44 secondi da giocare e Latina non molla di un centimetro. Recupera e non lascia nulla al caso. La tripla di Carlson e di Fabi sembrano riaprire le speranze dei nerazzurri. Bellan manda Fabi in lunetta che realizza 2 su 2: il punteggio è 93 a 94 con 12 secondi da giocare. Poi la sventura. Lawrence è a terra e con lui la speranza di riacciuffare questa partita che scivola via come è scivolato Andrew sul parquet. Capo d’Orlando torna a casa con un sogno tra le mani. Latina si ferma a guardare il tabellone: 93 a 96 e guarda alla partita di sabato prossimo.

 

Latina Basket vs Capo D’Orlando: 93 a 96

 

Latina Basket: Lawrence 23, Carlson 16, Tavernelli, Cassese 2, Fabi 28, Baldassarre 6, Martini, Nulli, Allodi 6, Jovovic, Cucci 12. Coach Franco Gramenzi, Assistant Coach Giuseppe Di Manno

Capo D’Orlando: Bruttini 14, Laganà, Parks 27, Mobio 7, Murabito, Mei, Triche 38, Bellan 4, Neri, Lucarelli 6. Coach Marco Sodini, Assistant Coach David Sussi

 

 

(photo credits Sonia Simoneschi per Latina Basket)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy