Miracolo Viola a Biella, rimonta da -11 e sbanca il Forum

Miracolo Viola a Biella, rimonta da -11 e sbanca il Forum

Impresa dei nero-arancio di Fabrizio Frates, grazie ai 18 punti di Adegboye,i 20 di Dobbins e gli 11 dell’ex Brackins. Non bastano all’Angelico i 28 di Ferguson, i 14 di Saunders e i 9 di Pierich.

Commenta per primo!

ANGELICO BIELLA – BERME’ REGGIO CALABRIA 78-79

PARZIALI: 27-15; 40-36; 58-52

BIELLA: Ferguson 28, Banti 2, La Torre 4, Infante 5, Venuto 8, De Vico 8, Saunders 14, Rattalino ne, Pierich 9, Svoboda. All.: Carrea.

REGGIO CALABRIA: Costa 12, Lupusor 2, Mordente 5, Adegboye 18, Rullo 5, Pandolfi ne, Sindoni ne, Crosariol 6, Brackins 11, Dobbins 20. All.: Frates.

Tiri Liberi Biella 8/10 Reggio Calabria 20/26

Rimbalzi Biella 33 Reggio Calabria 33

Assist Biella 9 Reggio Calabria 7

La fame di vittoria della Viola non porta bene a Biella, che perde la sua quarta partita al Forum e concede qualche speranza agli uomini di Frates di evitare i play out. Una sconfitta che fa male a Biella non tanto nella corsa play off, quanto per il modo con cui è maturata. L’Angelico si presenta all’ora di pranzo dentro il suo fortino, Carrea predica calma e umiltà ma si vede che i ragazzi sono concentrati: lo si percepisce dall’atteggiamento del primo quarto. Frates sceglie come quintetto iniziale Crosariol, Dobbins, Adegboye, Brackins, Rullo mentre Carrea opta per De Vico, Infante Venuto, Saunders e Ferguson. La sagra del tiro dalla lunga premia Biella che mette la freccia e va a mille all’ora: Saunders e Ferguson mattatori, mentre Crosariol e compagni fanno a sportellate ma non vedono il canestro, più sette dopo cinque minuti, più dodici alla prima sirena. Alla ripresa Biella domina ancora e arriva sul più quindici, poi si ferma e commette un errore mortale: quello di far ricredere la Viola dei propri mezzi. Punto dopo punto Frates mette i suoi uomini sulla coda di quelli di Biella. La difesa è più serrata, la gabbia su Ferguson comincia a funzionare e i tiri sporchi non vanno dentro, inoltre Biella comincia a caricarsi di falli che potrebbero poi risultate decisivi. All’intervallo lungo solo quattro punti dividono le due compagini. Ancora i falli determinano il terzo quarto gli esterni di Biella ne commettono troppi. La Viola non mette mai il naso avanti ma è li. Gli ultimi minuti vedono Biella tornare prepotentemente avanti il vantaggio si dilata, ma invece di chiudere la partita Biella cerca di gestire il vantaggio, altro errore imperdonabile, mentre la Viola scopre e si coccola Adegboye, 18 punti negli ultimi minuti. Il punto a punto diventa la chiave degli ultimi secondi : la tripla di Pierich sembra chiudere la partita, ma i due liberi dell’ex Brackins mettono la Viola davanti negli ultimi secondi. All’uscita dall’ultimo time out Ferguson invece di depositare il pallone a canestro sceglie il tiro dello smarcato Venuto, ma per due volte il ferro non da soddisfazioni. Biella perde ed è più di un rimpianto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy