Napoli ci crede e spaventa Scafati, ma il derby campano è giallo-blù

Napoli ci crede e spaventa Scafati, ma il derby campano è giallo-blù

Buon match il derby campano tra Napoli e Scafati, sebbene la differenza tecnica e di punti sia abissale.

di Giampaolo Caputo

Buon match il derby campano tra Napoli e Scafati, sebbene la differenza tecnica e di punti sia abissale. Dopo un nervoso primo quarto il match decolla e diventa avvincente per i continui sorpassi. Elston Turner delizia spesso e volentieri i palati fini,con una Scafati inaspettatamente aggrappata ad un romeo davvero on fire. Gli ospiti danno la spallata delle grande squadra ad inizio terzo quarto cambiando marcia in difesa ed affidandosi in attacco al solito gladiatore Ammannato. Ma quando ormai sembravano pronti i titoli di coda, Napoli torna prepotentemente nel match grazie a un ottimo Vangelov ed alla solita generosità di Mascolo, sfiorando il miracolo. Scafati dalla sua mostra un ottimo Stephens e in generale una grande profondità di roster, degna di un secondo posto che presto potrebbe diventare primo. Casale permettendo.

Cuore Napoli Basket – Givova Scafati 70-77 (11-11, 26-28, 11-20, 22-18)

Cuore Napoli Basket: Elston jr Turner 21 (5/10, 3/9), Bruno Mascolo 20 (7/10, 0/3), Nikolay Vangelov 12 (3/4, 0/0), Guglielmo Caruso 6 (3/8, 0/0), Mattia Mastroianni 5 (1/1, 1/4), Jermaine Thomas 3 (0/0, 1/4), Alessio Ronconi 3 (0/1, 1/1), Simon Zollo 0 (0/0, 0/0), Antonio Gallo 0 (0/0, 0/0), Antonio Crescenzi 0 (0/0, 0/0), Alessandro Puoti 0 (0/0, 0/0), Vincenzo Malfettone 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 14 / 16 – Rimbalzi: 31 4 + 27 (Bruno Mascolo 11) – Assist: 15 (Bruno Mascolo 5)

Givova Scafati: Marco Ammannato 19 (6/10, 0/3), Gabriele Romeo 15 (4/4, 2/2), Quinton Stephens 11 (4/7, 1/3), Marco Santiangeli 9 (2/5, 1/5), Andrew Lawrence 8 (3/6, 0/3), Gabriele Spizzichini 7 (2/4, 0/3), Stefano Spizzichini 4 (2/9, 0/0), Nicholas Crow 4 (2/3, 0/3), Emanuele Trapani 0 (0/0, 0/0), Andrea Esposito 0 (0/0, 0/0), Vincenzo Pipitone 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 18 – Rimbalzi: 35 9 + 26 (Quinton Stephens 10) – Assist: 10 (Andrew Lawrence, Gabriele Spizzichini 4)

Derby campano al PalaBarbuto tra Napoli e Scafati, nei quintetti base i padroni di casa optano per Mascolo, Thomas, Turner, Mastroianni e Caruso, risponde Perdichizzi con Lawrence, Santiangeli, Spizzichini, Stephens e Ammannato.
Inizio match nervoso da ambedue le parti,squadre che non trovano mai il canestro,al sesto minuto è 7-2 Napoli con Mascolo mattatore e perdichizzi costretto al timeout. Seconda parte di quarto uguale alla prima che non cambia il refrain dell’apertura: palle perse ,percentuali di tiro da mini-basket, sprazzi di Gabriele spizzichini da una parte,Turner dall’altra e parità a quota 11 a fine primo periodo.
Secondo parziale molto più spettacolare, con continui sorpassi e soprattutto luce accesa da parte di Elston Turner, autentico mattatore con 14 dei 25 punti di Napoli che portano la sua firma. Scafati si aggrappa all’energia di Spizzichini e alla leadership di Lawrence, ben coadiuvato da un positivo Romeo la cui seconda bomba del quarto regala il piu uno a Scafati sul 30-29. Ultimi due minuti davvero gradevoli, con canestri di pregevole fattura da ambedue le parti, spicca ancora Romeo che, già in doppia cifra, piazza il buzzer del 39-37 Scafati alla pausa lunga.
Ripresa che inizia con un significativo sforzo difensivo di Scafati che asfissia Turner, così mattoncino su mattoncino arriva la Givova raggiunge il 49-42, spinta anche da un ottimo ammannato. Napoli sembra sulle gambe, Mascolo e Caruso commettono il loro terzo fallo, la strada del canestro scafatese sembra improvvisamente sbarrata e ospiti che costringono Bartocci al timeout sul 44-55. Napoli però non riesce più a mettere in ritmo Turner, di cui gli ospiti sembrano aver preso il numero di targa. E malgrado un attacco che continua a non ingranare, il quarto si chiude sul 59-48 per Scafati, sospinta ancora da un positivissimo Ammamnato.
Napoli continua mostrare garra commovente e malgrado l’evidente superiorità ospite non molla e si riporta sul meno sei, grazie a un volitivo Vangelov e alla prima bomba di giornata di Jermaine Thomas, fino a quel momento penalizzato dai falli. Il Cuore ci crede e ancora grazie al suo lungo bulgaro si riporta sul -4 a tre minuti dalla sirena finale. Ammannato dalla lunetta restituisce i due possessi pieni di vantaggio agli ospiti ma Turner infila il missile del meno 3 ad 1’30” al termine, Thomas però non bissa dall’arco l’occasione della parità. Lawrence dall’altra parte non si fa pregare e va di 2/2 dalla lunetta, restituendo il più cinque alla sua squadra a 31 secondi dalla fine del match: Turner sbaglia la bomba, Santiangeli fa ancora due su due dalla linea della carità e game, set and match per Scafati che si aggiudica il derby con il punteggio di 77-70.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy