Novipiù bella anche di sera, Omegna non tiene e si sgretola

Novipiù bella anche di sera, Omegna non tiene e si sgretola

Commenta per primo!

Quarta giornata di campionato e secondo derby per la Novipiù Casale. Dopo l’Angelico Biella, i rossoblu monferrini provano a imporsi su un’altra squadra piemontese: la Paffoni Omegna. Anche per i rosso-verdi di coach di coach Magro è il secondo derby regionale. Solo sette giorni fa i lacuali hanno subito la loro peggior sconfitta nel derby contro Tortona (91-70). Se per la Novipiù si tratta di un test, che dirà quanto può dare in stagione regolare, per Omegna sembra già un “dentro o fuori”.

“Un risultato che ci ha premiato, soprattuto in difesa”. Commenta così Andrea Valentini, coach in seconda della Novipiù. A dimostrazione di come la partita sia stata interpretata bene da tutti gli effettivi.

Una partita non facile, specialmente nei primi due quarti. Dopo la palla a due, i primi due minuti di partita sono conditi da qualche errore nelle transizioni offensive. Omegna cerca insistentemente i suoi americani mentre Casale attacca decisa il ferro. Come a Siena, Tomassini commette rapidamente due falli, ma questa volta Ramondino non lo cambia. Le prime battute fanno da palcoscenico a due ottime giocate difensive di Fall, entrato in campo concentrato e con il giusto piglio. Casale non è precisa in attacco e Omegna ne approfitta per tornare a contatto dopo la prima mini fuga dei padroni di casa. Il funambolico Cappelletti è bravo a prendere di infilata la difesa monferrina ogni qualvolta trovi il giusto pertugio.

Le percentuali al tiro del primo quarto sono tutt’altro che idilliache da entrambe le parti. In poco più di 3 minuti la Novipiù cambia decisamente marcia. Segna gli stessi punti che aveva messo a segno in tutto il primo periodo (10) e costringe la Paffoni al timeout. Puntuale arriva il contro-break: 7-0 per i lacuali. La difesa di Omegna è sicuramente all’altezza mentre in attacco la squadra di Magro mostra qualche eccessiva difficoltà. I tiri pesanti di Blizzard tengono Casale avanti nel punteggio e sul fil di sirena è Saunders a regalare altri tre mattoncini ai rossoblu. Dopo 20’ il parziale dice che la partita è indirizzata ma tutt’altro che chiusa: 34-27.

Il terzo periodo comincia sottotono. Ci pensa Aka Fall a svegliare il pubblico con due stoppate devastanti. Omegna sembra calare anche nella parte del campo che fino a quel momento l’aveva contraddistinta, la difesa. L’intelligenza di Tomassini nel prendersi tanti contatti manda fuori giri il quintetto rosso-verde. Omegna è in seria difficoltà e la Novipiù vuole chiudere già nel terzo quarto la pratica. La palla gira bene in attacco mentre Fall recupera ogni pallone che si aggira nei pressi del ferro. Tra fine terzo e inizio quarto periodo, sale in cattedra Brett blizzard. La guardia italo americana spacca la partita con le sue triple. La Paffoni costruisce poco ma quando riesce a correre in contropiede fa male. Gurini si fa sempre trovare pronto sugli scarichi. L’eccessivo agonismo lo costringe a spendere il suo quinto fallo e ad abbandonare anzitempo la gara. A quattro minuti dalla fine iniziano a scorrere i titoli di coda visto il punteggio rotondo. Il terzo successo su quattro partite per la squadra di Ramondino. Un risultato sicuramente inaspettato.

NOVIPIU’ CASALE – PAFFONI OMEGNA 69-51 (10-9, 34-27, 53-42)

NOVIPIU’ CASALE: Saunders 6, De Nicolao, Bray 9, Tomassini 6, Natali 6, Blizzard 21, Denegri ne, Martinoni 8, Vangelov 4, Ruiu, Fall 9, Valentini ne. All. Ramondino
PAFFONI OMEGNA: Moore 8, Zanelli 3, Iannuzzi 4, Vildera 2, Cappelletti 9, Terenzi, Galmarini, Casella 3, Banach ne, Gurini 10, Smith 12. All. Magro

Fotogallery a cura di Stefania Monsini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy