Omegna passa al Forum, Biella stacca la spina e forse saluta i playoff

Omegna passa al Forum, Biella stacca la spina e forse saluta i playoff

Forse non c’era peggior modo di finire la stagione al Forum: perdere un derby per 77 a 91 contro Omegna che già aveva maramaldeggiato contro Biella nel girone d’andata.

Commenta per primo!

Forse non c’era peggior modo di finire la stagione al Forum: perdere un derby per 77 a 91 contro Omegna che già aveva maramaldeggiato contro Biella nel girone d’andata, e la costringe con ogni probabilità a terminare qui la stagione a meno di un miracolo frutto però di fattori esterni. Biella ha dimostrato di aver esaurito le energie in queste ultime partite, dopo una serie incredibile di vittorie che l’avevano portata a un passo dal sogno. E’ un cantiere ovviamente e bisognerà tener a mente il tesoro di esperienze maturato quest’anno. Per l’ultima partita Carrea inizia con Ferguson, Saunders, De Vico, Venuto E Infante mentre Faina risponde con Zanelli, Smith, Marusic, Galloway e Casella.

Biella sembra essere più in palla all’inizio, i giochi vanno, De Vico costringe i suoi marcatori ad ammattire. Omegna ci mette cinque minuti a prendere le misure, poi però è capace di reggere il ritmo: una migliore presenza a rimbalzo, poi Marusic è determinante con Galloway mette punti decisivi. Il vantaggio di due punti a fine quarto dà ulteriore benzina a Omegna che diventa una furia su ogni singolo possesso, entrano poi anche i tiri da tre e allunga di brutto andando sul più dieci all’intervallo lungo. Non cambia la solfa a inizio del terzo: Omegna governa il suo vantaggio e lo fa bene con una buona difesa e con un attacco pungente, ma non ha fatto i conti con Ferguson che, anche se ha passato una settimana travagliata, comincia a bombardare la retina da lontano. Biella mette trenta punti in un quarto e si presenta all’ultimo giro di lancette con un punto di vantaggio, c’è ancora tempo di qualche canestro e di sfiorare un vantaggio di quattro punti ma poi cede. Tre palle perse consecutivamente mettono Omegna in vantaggio da lì in poi negli ultimi minuti non sbaglia più nulla la squadra di Faina che fa suo il match meritatamente. Biella ormai ha esaurito la benzina.

LE PAGELLE

Carrea (6,5) dice sovraccarichi più che scarichi: il guaio è che questa sera tutto il gruppo fosse non in partita, il meno quindici a rimbalzo la dice lunga sull’attenzione del gruppo in cui il Capitano Infante (7) è uno dei pochi che cerca di dare grinta e animo. Ferguson (7) mette un quarto da fenomeno e poi anche lui si lascia trascinare nel marasma generale della fine. De vico (7) è uno dei pochi che lotta e si danna, Pierich (5,5) invece non riesce a trasmettere la consueta grinta e voglia e trascina anche Saunders (5) in un’abulia totale. Venuto e La Torre (6) vanno a corrente alternata così come Banti (5,5). Faina (7,5) di nome e di fatto aveva impostato una gara su sull’aggressività e ha pagato. Galloway e Smith (8) hanno dato parecchio filo da torcere alla difesa di Biella ma i veri match winner sono stati Zanelli (8) e Cappelletti (7,5) la loro capacità di portare palla e disturbare gli avversari ha fatto la differenza. La fisicità di Gurini (7) e anche la volontà di Marusic (8) di prendere dieci rimbalzi e di chiudere con un doppia doppia che ha fatto la differenza. Sull’arbitraggio (6,5) nulla da segnalare: le squadre hanno giocato a viso aperto e non hanno inciso più di tanto nella gestione dei falli. Qualche incomprensione nella terna nella gestione di alcuni possessi ma tutto sommato nulla di clamoroso.

Angelico Biella – Paffoni Omegna 77 – 91 (16 – 18; 31 – 41; 62 – 61)

Angelico Biella: Ferguson 28, Banti 2, La Torre 2, Infante 11, Venuto 5, Pollone n.e., De Vico 21, Saunders 3, Rattalino n.e., Pierich 5, Svoboda n.e. All. Carrea

Paffoni Omegna: Zanelli 13, Iannuzzi n.e., Cappelletti 10, Galmarini 5, Marusic 11, Casella 6, Banach n.e., Gurini 10, Smith 19, Gallowey 17, All. Faina

Tiri liberi Biella 17/20 Omegna 8/10

Rimbalzi Biella 28 Omegna 43

Assist Biella 16 Omegna 16

Fotogallery a cura di Alberto Tesoro – Gianpiero Cardani

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy