Overtime stregato per Barcellona, Tortona in rimonta risorge dopo 3 KO

Overtime stregato per Barcellona, Tortona in rimonta risorge dopo 3 KO

Commenta per primo!

DERTHONA TORTONA – LA BRIOSA BARCELLONA 86-78

DERTHONA: Spissu 9, Markus, Reati 9, Bianchi, Marks 16, Simoncelli 10, Garri 19, Maghet, Antonietti, Riva, Ammannato, Brooks 23. Coach Cavina

BARCELLONA: Centanni 1, Fallucca 15, Loubeau 16, Capitanelli 1, Bianconi 11, Pettineo, Cefarelli 4, Smith 26, Migliori, Maccaferri 4. Coach Bartocci.

Finalmente un Derthona tutto cuore riesce a riottenere (non senza fatica) una vittoria in casa dopo quasi un mese di astinenza. A farne le spese Barcellona, che avanti per due quarti cede all’overtime 86-78.

Non è un bell’avvio per Tortona, che arriva alla contesa con Ammannato (al posto di Garri), Spissu, Marks, Brooks e Simoncelli, ma è subito costretta a difendersi dagli attacchi di Barcellona che sceglie Fallucca, Centanni, Loubeau, Cefarelli e Smith. Disposti in marcatura a “uomo”, gli uomini di Cavina perdono subito l’occasione di rendersi pericolosi a rimbalzo, lasciando ampi varchi agli inserimenti di Loubeau. Bastano poi un paio di palloni persi e un passaggio a vuoto per andare sotto, costringendo la panchina a rivedere l’assetto. Non bastano infatti le due bombe di Brooks in un “amen” per mantenere a galla Tortona, in forte affanno in difesa e abbastanza macchinoso a contropiede. L’inserimento di Garri con l’opzione doppio play-guardia rende il gioco decisamente più brioso e dinamico con due palle recuperate e 4 punti realizzati per il 16-18, costringendo finalmente il quintetto di Bartocci a commettere quei falli che sino a quel momento aveva soltanto subito. Un bel recupero di Spissu per il gancio di Reati e un time out per parte rimettono in carreggiata i leoni, abili a ricucire sul 18 pari nonostante il cambio degli ospiti sul l’intero reparto dei lunghi. Smith regala a 43″ dalla fine del primo tempo la tripla del nuovo sorpasso, Cavina inserisce Bianchi e a 14 secondi dalla fine Brooks manca la bomba del pareggio chiudendo 20-23 con un super Fallucca (2/2 da due e tre con 11 punti all’attivo).

Il secondo quarto è un altro sfacelo, difesa forata come il burro, attacco spesso amico col ferro e nuovi palloni persi a palleggio: la bomba di Simoncelli e i falli continui di Brooks non bastano a condannare i padroni a stare sotto 24-33. Poi uno squillo: il solito americano fa cinque punti (con una schiacciata in contropiede) in breve tempo, Derthona rientra 28-33 e Barcellona opta per il secondo time reinserendo Loubeau a fare coppia con Bianconi. Le rotazioni in effetti sono vorticose, il risultato rimane in bilico soprattutto per i tiri dalle lunette ma è ancora Brooks a togliere le castagne del fuoco, vanificate dai soliti errori sul controllo.

Dagli spogliatoi il 38-40 dà il via a un nuovo corso del Derthona, che fra mille difficoltà riemerge con più circolazione e velocità. Spissu e Garri mettono dentro una bomba a testa e Cavina ritorna sopra 53-48,  costringendo Bartocci a un time out riparatore dopo alcune sbavature in attacco (specialmente infrazione di passi e palle perse). Brooks spadroneggia ancora, Barcellona fatica a trovare la via del canestro e al 29′ Tortona si ritrova sul 58-48 con tre azioni consecutive tutte a segno sotto gli applausi del pubblico.

Nell’ultima frazione un super Spissu regala tre contropiedi recuperando palla sulle indecisioni di Barcellona, impotente contro una difesa finalmente più cattiva a rimbalzo e a contrastare i tiri in volo. Bartocci non si arrende, i suoi arrivano ancora sotto 64-62 con il solito Loubeau, toccherà quindi ai soliti Usa trainare Derthona alla vittoria (sofferta) dopo tre ko consecutivi in un affascinante overtime, in cui Garri e Spissu sono i co-trascinatori del gruppo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy