Paffoni ancora KO, Reggio vince e Freeman incanta il PalaBattisti

Paffoni ancora KO, Reggio vince e Freeman incanta il PalaBattisti

Commenta per primo!

PAFFONI OMEGNA – BERME’ REGGIO CALABRIA 67-78

(20-22/ 34-42/ 46-54 )

Paffoni Omegna: Zanelli 10, Moore 12, Casella 12, Smith 11, Iannuzzi 14, Cappelletti 6, Terenzi , Gurini n.e. , Vildera 2, Galmarini.
All. Magro

Bermè Reggio Calabria: Spinelli 5, Mordente 1, Freeman 27, Brackins 7, Crosariol 11, Costa, Rullo 13, Sindoni n.e. , Lupusor 4, Ghersetti 10.
All. Benedetto

La Paffoni Fulgor Omegna inizia il proprio campionato casalingo con una sconfitta contro la Bermè Reggio Calabria. 67 a 78 il punteggio a favore della squadra ospite, trascinata da uno straordinario Freeman autore di 27 punti, 8/8 da due, 3/7 da tre, due rimbalzi, quattro assist e tre palle recuperate in 36 minuti. Troppa l’esperienza della squadra ospite in confronto a quella rossoverde.

Coach Magro, allenatore della Paffoni Fulgor Omegna schiera Zanelli play, Moore guardia, Casella ala piccola, Smith ala grande e Iannuzzi centro.

Coach Benetto schiera il quintetto formato da Spinelli play, Rullo guardia, Freeman ala piccola, Brackins ala grande, Gherselli centro.

La partita inizia con un parziale di 4 a 0 da parte della squadra ospite che prova a mettere subito in chiaro la propria forza con i canestri di Ghersetti e Rullo. La Paffoni reagisce segnando il primo canestro dopo più di due minuti con una tripla di Casella (3-4). Ghersetti fa 2/2 dalla lunetta e allunga il vantaggio sul +3 per la Viola. Zanelli e Smith firmano un mini parziale di 4 a 0 (8-6). Freeman con una schiacciata spettacolare mette il risultato in parità (8 pari). Dal 10 a 8 Omegna mette a segno un parziale di 8 a 0 grazie ai canestri di Iannuzzi, Zanelli e Casella. Coach Benedetto vede il momento di difficoltà della sua squadra e decide di chiamare timeout. Da quel momento la Viola sembra un’altra squadra e grazie ad un parziale di 9 a 0 con i canestri di Freeman, Ghersetti, Brackins, si porta in vantaggio di un punto (18-19). Cappelletti appena entrato riporta a +1 la Paffoni (20-19), ma Crosariol con una schiacciata riallunga di nuovo sul +1 (20-21). Chiude il primo quarto un canestro dalla lunetta di Spinelli (20-22).

La Bermè inizia bene anche il secondo quarto con 4 punti consecutivi di Lupusor (20-26). Casella accorcia lo svantaggio (22-26), ma Freeman e Crosariol allungano di nuovo il vantaggio di Reggio Calabria(22-30). I primi tre punti di Moore accorciano lo svantaggio a -5 (22-30), ma Brackins porta di nuovo la sua squadra in vantaggio di 7 punti (25-32). Iannuzzi fa 1/2 dalla lunetta (26-32), spezzando un momento importante della squadra ospite. Ma è Crosariol a rendersi protagonista con 4 punti in un minuto, compresa una schiacciata per il + 9 (26-35). La Paffoni sembra completamente in confusione e senza idea e neanche i tiri dalla lunetta aiutano visto lo 0/2 di Smith e l’1/2 di Cappelletti. Una tripla di Ghesetti (27-41)sembra far capitolare quasi derfinitivamente i lupi rossoverdi, ma Zanelli con un tiro dall’arco riporta a -11 Omegna. Il suo canestro riporta un po’ di entusiasmo, perchè successivamente Smith e Casella con i loro canestri chiudono il quarto sul 34 a 42.
Grandi protagonisti dei primi due quarti Casella con 10 e Zanelli con 9 per Omegna, Ghersetti e Crosariol con 10 punti a testa per Reggio Calabria. Un dato importante da sottolineare è che dopo il time out chiamato da Benedetto il parziale per la squadra ospite è di 30 a 16.

La Paffoni rientra in campo con lo stesso quintetto dell’inizio: Zanelli play, Moore guardia, Casella ala piccola, Smith ala grande e Iannuzzi centro.

Anche Coach Benetto parte con lo stesso quintetto Spinelli play, Rullo guardia, Freeman ala piccola, Brackins ala grande, Gherselli centro, lasciando ancora in panchina Crosariol e Mordente.

La Bermè ritorna in campo dopo la pausa lunga molto concentrata e piazza un parziale di 12 punti a 0 (34-54) grazie ai suoi americani, Freeman 9 e Brackins. La Paffoni segna dopo più di cinque minuti con un tiro realizzato dall’arco da parte di Cappelletti (37-54). Da quel momento in poi, Reggio Calabria si spegne improvvisamente, tanto che la tripla di Brackins sarà l’ultimo canestro del quarto per la squadra ospite. La Paffoni infatti, dopo i 3 punti del play, piazza un parziale di 9 a 0,grazie ai canestri di Iannuzzi, Vildera (dalla lunetta) e di Casella. Quest’ultimo chiude il terzo quarto sul 46-54.

L’ultimo quarto si apre con un canestro di Rullo (46-56). Una schiacciata di Smith porta la Paffoni a – 8 (48-56). Rullo si rende protagonista anche qualche minuto dopo con 4 punti consecutivi (51-61). Smith e Moore provano a tenere a galla Omegna ma Smith e Brackins tengono sempre in vantaggio la lorto squadra con i loro canestri (53-65). Rullo segna un altro canestro del quarto (53-67). Iannuzzi riaccorciua lo svantaggio a – 12 (55-67). In questo momento viene fischiato un fallo tecnico a Mordente che frutta alla Paffoni tre punti, tiro libero di Zanelli e canestro di Iannuzzi (58-67). Il buon momento della Paffoni è stoppato però da due triple consecutive di Freeman (59-73). Iannuzzi prova a riaccendere le speranze della Paffoni con 5 punti consecutivi (64-74), ma è ancora una volta il grande protagonista della serata Freeman con un 2/2 dalla lunetta a riportare Reggio Calabria sul +12 (64-76). Chiudono la partita un canestro di Moore e un 2/2 dalla lunetta di Spinelli per il 67 a 78 finale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy