Siena vince contro una coriacea Latina, Harrell già sugli scudi

Siena vince contro una coriacea Latina, Harrell già sugli scudi

Gli uomini di Griccioli portano a casa i due punti dopo un bel secondo tempo; Latina lotta ma cede nel finale.

Commenta per primo!

Gli uomini di Griccioli portano a casa i due punti dopo un bel secondo tempo; Latina lotta ma cede nel finale.

PRIMO QUARTO

Saccaggi, Harrell, Tavernari, Flamini, Myers sono i primi cinque biancoverdi. Latina, in tenuta blu notte, risponde con Deshields, Pastore, Uglietti, Arledge, Poletti. La coppia di Usa mensanini comincia con un’intensità tale da far impallidire un triatleta, e la squadra ne gode: 9 a 4 in partenza. La pecca, per ora, sono i troppi rimbalzi in attacco concessi, che per Latina fruttano anche il secondo prematuro fallo di Myers che si deve accomodare sul pino anzitempo (11 a 8). Vildera entra al suo posto e si fa male, Pichi battezzato paga lo scotto dell’esordio e non segna. Latina è lì, Griccioli chiama time out. Gli effetti però non sono quelli sperati: le idee rimangono piuttosto confuse. Latina passa avanti, Myers fa il terzo e rimane in campo. Si gioca a strappi, con troppi errori e poca lucidità. L’unico a veleggiare è Deshields, che porta ancora avanti i suoi. 17 a 19 alla prima sirena.

SECONDO QUARTO

Al via, Vildera, fasciato e con retina sulla testa, riparte nei cinque. Vista l’emergenza (fuori anche Cappelletti dall’inizio), l’estetica è l’ultima cosa importante. Il fromboliere di Latina col 15 sulla schiena continua a colpire da fuori e gli ospiti provano a scappare, andando anche sul +10, mentre Siena arranca (17 a 27). Il pubblico è chiamato a raccolta, e la squadra reagisce aumentando l’intensità difensiva e cominciando anche a girare in attacco: Harrell segna la bomba del -2 e Gramenzi è costretto a interrompere il flow. Siena è di nuovo lì, ma Arledge la ricaccia indietro con una gran bomba. Latina in attacco continua ad essere più fluida, giocando tanto pick and roll e martellando con cerusica precisione da fuori (32 a 41). Le urla di Griccioli sarebbero udibili anche dall’esterno della struttura. Timida reazione, ma non basta di certo. All’intervallo ospiti in vantaggio 36 a 46. Meritatamnete.

TERZO QUARTO

La premiata ditta Myers e Harrell riparte con slancio e Siena riduce subito il gap. In poco più di un minuto siamo già sul 43 a 48. Le scelte difensive di Gramenzi sono chiare: si raddoppiano le bocche da fuoco, a costo di lasciare praterie a qualcun altro. Harrell però può rompere questo copione e segna ancora, mandando a fuoco le retine del PalaEstra e ricucendo ulteriormente lo svantaggio: 53 a 54. Latina in bambola e time out obbligatorio. Tavernari vuol prendere parte alla festa e anche lui si infiamma come un cerino vicino al caminetto, segnando una coppia di triple fuori equilibro che mandano in estasi il pubblico e Siena avanti di 5: 59 a 54. Il tutto con una rapidità degna di un Frecciarossa. Ah, il basket, che roba. Latina ovviamente non ci sta e torna a serrare i ranghi. Ora la partita è vera, bella, palpitante. Deshilds in sospensione, Bucarelli sulla sirena, Pastore da tre, liberi di Vildera, ancora Pastore, Harrell dai 6,75: in una parola, equilibrio. 70 a 69 a fine quarto.

QUARTO QUARTO

Sorpassi e controsorpassi. Si procede così nei primi 3’ del tempo decisivo. La posta in palio è alta, perché vuol dire partire col piede giusto. Per il morale è una specie di Prozac, e quindi si prova a non sbagliare: a spuntarla sarà il più lucido. Latina esaurisce presto il bonus di falli ma in attacco fa girare bene la sfera, Siena risponde con la potenza di Myers: 75 a 75. I 6 punti di vantaggio accumulati da Siena a 3’ dal termine grazie a KT e “big” Mike sembrano già un discreto bottino; guai a lasciare scappare i buoi: time out Gramenzi sull’81 a 75. Infatti Latina segna subito e rimane incollata, affidandosi alla vena creativa del funambolo Deshields: 81 a 78. Harrell fa un 2+1 che trasuda importanza e gli fa raggiungere il trentello personale, ma Deshields è in missione e risponde a tono. Bucarelli si prende le sue responsabilità: bel movimento, fallo e canestro. Sul libero sbagliato, rimbalzo offensivo di Tavernari e altri due di Harrell: 88 a 81 a1’ dal termine. Gli ospiti provano ad aggredire, ma le energie ormai non ci sono più. Siena vince la prima. La nuova era parte col piede giusto.

Mens Sana Siena vs Benacquista Assicurazioni Latina Basket 90-85 (17-19, 36-46, 70-69)

Mens Sana Siena:  Masciarelli , Harrel 36, Vildera 2, Saccaggi 10, Flamini 3, Bucarelli 8, Ceccarelli n.e., Pichi, Myers 19, Tavernari 12. Coach Riccioli.

Benacquista Assicurazioni Latina Basket:  Alredge 11, Mathlouthi n.e., Poletti 15, Rullo 6, Mascolo,DeShields 26, Uglietti 12, Allodi, Pastore 13, Cavallo n.e.. Coach Gramenzi.

Siena tiri da 2 (25/48), tiri da 3 (7/21) tiri liberi (19/26) Latina tiri da 2 (24/49) tiri da 3 (7/26) tiri liberi (14/18). Fuori per 5 falli: Bucarelli per Siena, Pastore e DeShields per Latina

LA SALA STAMPA (A cura di Francesco Conti)

Franco Gramenzi “Abbiamo fatto una buona partita, il precampionato lo abbiamo fatto senza uno importante come Rullo. Abbiamo fatto bene nel primo tempo, in un campo così difficile era una impresa, però sono contento di aver tenuto in campo testa Siena per due quarti, abbiamo subito la loro rimonta e sorpasso”.

Giulio Griccioli “Soddisfazione personale averla portata a casa, abbiamo tenuto male i primi due quarti, Myers con 3 falli, Vildera subito si è aperto la testa, e lì eravamo nervosi. Avevamo solo Saccaggi in regia, soffrendo molto, le facce non erano lucide e non abbiamo difeso tanto. Loro segnavano da ogni angolo. Poi c’è stata una scintilla che nel terzo quarto ha permesso un’energia pazzesca, rimbalzi sia difensivi che offensivi, eravamo più tosti. Siamo riusciti dopo 20 minuti a sbloccare Tavernari con un contropiede. Loro dopo questo episodio hanno mollato la presa. Oggi ho visto la mia squadra che lottava, anche con Flamini, che si è sentito tirare la gamba, e Saccaggi che avevano preso una botta ma erano in campo a lottare. È questo l’atteggiamento che volevo e sono contento. L’unica cosa che conta è aver vinto. L’infortunio di Cappelletti per noi pesa parecchio, perché dal gioco che abbiamo pre impostato bisogna avere tutti, ma stasera abbiamo sacrificato Bucarelli per fare il playmaker e ci ha ripagato bene, anche se ha 18 anni, ha comunque fatto vedere il carattere che mette. Tavernari è importante per noi, deve fare il possibile per migliorarsi in attacco, comunque viene da un infortunio della caviglia. Lavorare, lavorare, lavorare, ma chi ben comincia è a metà dell’opera”.

K.T. Harrell “Partita difficile, l’atmosfera era incredibile, siamo partiti male ma nel secondo tempo abbiamo innescata la marcia giusta e abbiamo fatto vedere a tutti chi siamo. Ho giocato bene, prima partita al PalaEstra, un sogno; bisogna continuare così per proseguire al meglio la stagione. Ho giocato tutta la partita, era difficile, ma durante la settimana ci si allena per avere anche 40 minuti nelle gambe, anche se non è facile, ma sappiamo quanto è importante per questa città la pallacanestro. Mi auguro di fare il meglio qua”.

Fotogallery a cura di Gianluca Romani

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy