Reggio in caduta libera,al PalaBigi passa anche Imola

Reggio in caduta libera,al PalaBigi passa anche Imola

Commenta per primo!

Nulla da fare per la Trenkwalder Reggio Emilia, che anche questa sera è uscita sconfitta nel mach interno contro l’Aget Imola. Sono bastati 5 minuti di black-out all’inizio dell’ultimo quarto per consegnare la partita ed i 2 punti in palio alla compagine romagnola, che ha sempre dovuto rincorrere i padroni casa ( escluso una sola volta all’inizio del 2° quarto ) con anche 11 punti di svantaggio.

 La compagine reggiana arrivava a questo delicato mach dopo una settimana di ritiro imposto dalla società, dopo la disastrosa sconfitta di 7 giorni fa contro la Tezenis Verona, ma neppure questo provvedimento è sembrato sortire effetti positivi, in quanto la squadra nei momenti delicati si spegne. Frates recupera Salvi e Frosini (anche se quest’ultimo è sembrato più un recupero di facciata, in quanto non ancora al meglio) e decide di riportare in squadra  Slanina e destinare alla tribuna Ostler. Proprio l’arrivo dell’americano, per sopperire le assenze nel reparto lunghi dovuti ai numerosi infortuni, aveva costretto alla tribuna per 4 incontri il lituano, ora con il rientro di 2 lunghi le parti si invertono, dentro Slanina fuori Ostler.

 

Lasi arriva a Reggio Emilia con gli uomini contati, Masoni ancora out,  Prato e Bruttini reduci da una difficile settimana e con Ebi sempre più tentato a salutare la compagnia.

Buon inizio della Trenk che con buone giocate riesce in un batter d’occhio a prendere un discreto vantaggio, Chiacig domina sotto le plance, mentre Ebi viene rispedito in panchina dopo solo 2 minuti sostituito da Bruttini. Una bomba di Salvi e un canestro di Robinson portano i biancorossi locali sul + 11 a 2 minuti dal termine (21-10) e solo un 5-0 firmato da Whiting e Prato riducono il gap finale a soli 6 punti, 21-15 al 10’.

Nel secondo quarto si rivede in campo Ebi e questo costringe i locali a cercare il tiro dalla distanza,  con scarsa fortuna, e l’accoppiata Amici Ebi confezionano il sorpasso a 7’28” dalla fine. Rispondono subito Slanina ( bomba ) e Valenti ( canestro più fallo ) che riportano avanti i reggiani. Ad 1 minuto dalla fine Slanina si becca un tecnico per proteste dopo aver ricevuto uno schiaffo in faccia da Amici sotto lo sguardo dell’arbitro Caroti, il PalaBigi diventa una bolgia nei confronti del trio in blu e solo la fine del quarto con un canestro di Smith che manderà al riposo avanti di 4 punti i reggiani (37-33) calmerà un po’ il pubblico locale.

 

 

Al rientro dagli spogliatoi tegola per Imola che deve fare a meno di Prato che accusa un dolore ad un ginocchio, causa una botta presa in partita, che non gli permetterà più di ritornare sul parquet. Reggio parte subito forte e complice anche un tecnico alla panchina imolese, si porta nuovamente sul + 11 a metà del tempo (46-35) con un super Valenti che lotta su ogni palla, Bruttini tenta di ridurre lo svantaggio ma Smith ricaccia ancora al – 11 Imola (53-42). Il finale è nuovamente incandescente, a 25” dalla fine viene fischiato un doppio fallo  a Salvi (fallo + tecnico) che frutterà agli ospiti 6 punti tutti firmati da Whiting che ridurrà lo svantaggio a soli 5 punti (53-48).

I primi 5 minuti dell’ultimo quarto sono tutti di marca ospite che con un breack di 11-0 ! ribaltano le sorti dell’incontro, portandosi sul 59-53, con Reggio che non riesce più a far canestro, solo Robinson tenterà di arginare gli ospiti. 5 punti consecutivi di Ringstrom e una bomba di Amici danno il colpo di grazia alla Trenkwalter che si trova sotto di 11 punti (60-71) ed in evidente difficoltà nel tentare una disperata rimonta. Il finale sono una miriade di tiri liberi che fissano il risultato finale sul 76 a 72 per l’Aget Imola.

 

 

In sala stampa Lasi dirà : “ci siamo ripresi quello che avevamo lasciato all’andata, complimenti a tutti, anche per l’assenza di Prato, e soprattutto ad Amici che ha disputato un’ottima partita”.

Frates analizza la situazione definendola difficicile e molto delicata perché non si riesce a vincere una partita. La squadra vive male questi black out e non riesce più a compattarsi per poter vincere la partita sopratutto  nei momenti clou quando le palle pesano maggiormente.

TRENKWALDER REGGIO EMILIA

ROBINSON 22, VIGLIANISI, VALENTI 14, FULTZ, FRASSINETI 2, GERMANI, FROSINI, SLANINA 8, SALVI 3, PINI, CHIACIG 9, SMITH 14. ALLENATORE FABRIZIO FRATES

AGET IMOLA

MORENO 4, LAGANA’, FERRARA 2, MASONI, PRATO 4, RINGSTROM 16, BRUTTINI 14, WHITING 19, AMICI 11, EBI 6.                       ALLENATORE  MAURIZIO LASI

ARBITRI :  CAROTI, MAZZONI, CONTI

SPETTATORI : 2178

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy