Reyer Venezia, tutta un’altra storia!

Reyer Venezia, tutta un’altra storia!

Commenta per primo!

MESTRE – Dimenticate la disfatta di Reggio Emilia. Dimenticate l’emozione per il ritorno in Legadue dopo 12 anni. Oggi la Reyer è stata quasi perfetta: il ritorno di George, l’effervescenza del giovane Prandin e le ottime rotazioni effettuate da coach Dalmasson hanno permesso a Venezia di sconfiggere l’Enel Brindisi 79-72. Onore comunque alla New Basket capace di non mollare mai, dimostrando grande carattere.

GRANDE INIZIO La Reyer parte in quinta e grazie al ritorno di George nel quintetto base trova subito un break che le permette di andare in vantaggio in pochi minuti. Hatten non trova il canestro, Venezia ne aprofitta con le triple di Bougaieff. Parente prova a rallentare l’allungo ma George risponde impetuoso. Il primo quarto si conclude sul punteggio di 24-13 per gli orogranata.

RIMONTA L’Enel esce dalla pausa con un atteggiamento migliore: Caprari e Parente in pochi istanti realizzano un parziale micidiale di 9-0 che costringe Dalmasson a chiamare un time out per riordinare le idee (24-22). Botta e risposta tra le due squadre fino a quando la Reyer allunga sul + 10 (44-34). L’ultima azione è per la New Basket e Killinsgworth trova la tripla allo scadere. Si va all’intervallo sul 44-37.

HATTEN Inizia il terzo periodo e si sveglia lo statunitense (fino al 20′ solo 2 pt) che realizza cinque punti di fila riavvicinando pericolosamente Brindisi. Green non trova spazi nella agguerrita zona 3-2 e viene sostituito con Prandin. Nel frattempo Killinsgworth commette il quarto fallo costringendo Perdichizzi a toglierlo dal campo. La Reyer amministra il vantaggio chiudendo il parziale sul 61-52.

CARATTERE La Reyer trascinata da Meini e Prandin vola sul +16 a 7′ dalla fine (70-54). Perdichizzi decide che è il momento di rischiare il tutto per tutto è rimette nella mischia Killinsgworth. Brindisi non molla: Hatten trova quasi sempre la retina e l’apporto del pivot americano da più vigore alla manovra pugliese. Rientrano Rombaldoni e Green ma la New Basket, approfittando degli errori sotto canestro di Venezia, prende coraggio e a 3′ dal termine si ritrova addirittura a -2 (72-70). L’Enel arriva a -1 (73-72) con tiro libero a disposizione ma Killinsgworth fallisce il pareggio. A 23″ dalla fine Carrizo con una magia risponde agli insulti dei tifosi brindisini e realizza un canestro fondamentale subendo fallo (75-72). L’oriundo sbaglia ma a rimbalzo c’è un certo Otis George che acciuffa la sua decima carambola di giornata e segna il +5 a 21″ (77-72). Proprio l’ex Casale chiude il match in contropiede realizzando la schiacciata che infiamma i 3200 del Taliercio che non hanno mai smesso di incitare i propri beniamini. Termina 79-72. George migliore realizzatore della Reyer con 23 pt,10 rimbalzi e 5 stoppate formando con Bougaieff (13+8) una coppia di lunghi davvero formidabile; dall’altra sponda non bastano Hatten (20+6) e Killinsgworth (18+13).

TABELLINO

UMANA REYER VENEZIA 79-73 NEW BASKET ENEL BRINDISI (24-13, 44-37, 61-52) 
Reyer VeneziaBougaieff 13George 23Carrizo 10Green 9Rombaldoni 3, Alberti, Farioli 2, Causin 5, Prandin 7, Meini 7. All.: Dalmasson 
Enel BrindisiKillingsworth 18BruttiniPorzingisHatten 20Parente 6, Mocavero 2,Feliciangeli 12, Caprari 12, Cardinali, Virgilio 2. All.: Perdichizzi

NOTE

Tiri Liberi: Venezia (13/21), Brindisi (6/10). Rimbalzi: Venezia 33 (George 10), Brindisi 39 (Killingsworth 13). Assist: Venezia 15 (Rombaldoni, Bougaieff e Carrizo 3), Brindisi 14 (Virgilio 4). Spettatori: 3200.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy