Rimini vince sulla sirena e gela il PalaBigi di Reggio Emilia

Rimini vince sulla sirena e gela il PalaBigi di Reggio Emilia

Commenta per primo!

 Reggio gestisce malissimo il possesso palla andando ad un non tiro con Robinson, la palla danza tra mille mani fino a giungere a Vukcevic che con un perfetto assist  dalla propria area trova sottocanestro Metreveli a cui non sembra vero che basti depositare a canestro una palla facile che sul suono della sinena sancirà la vittoria della propria squadra, lasciando di sasso un palasport che già assaporava la vittoria.

 

La partita và divisa in 2 parti, i primi 2 quarti Rimini domina in lungo e largo e già a metà del primo quarto infila un 9-0 targato Lollis (6) e Vukcevic (3) che porta gli ospiti già avanti di 8 punti. Reggio non riesce ad attacare efficacemente la zona di Rimini, mentre gli ospiti riescono a trovare varchi  in una difesa che è lontana parente di quella vista con Casale e Venezia. Solo un’azione da 4 punti di Slanina e un canestro di Frassineti riescono a ridurre lo scarto a soli 4 punti alla fine del primo quarto ( 17-21).

Il secondo quarto è uguale al primo,  gli ospiti partono forte e dopo neanche il tempo di riflettere sono già a più 10 con Lollis che firma 4 punti consecutivi. Rimini è padrona del campo, il divario in campo è evidente, ancora Lollis firma il + 13 ( 20-33) , Reggio tenta di rimnere in scia ma quando Tommasini firma a 2 minuti dalla fine il + 14 sul 27 a 41 sembra che  quasta partita abbia già un finale scritto. Bell con 2 tiri liberi porta al riposo lungo con i padroni di casa sul – 12 ma la senzazione è quella che giocando così  Reggio difficilmente potrà recuperare.

 

 

L’inizio del terzo quarto è anche l’inizio di un’altra partita, la Pallacanetro Reggiana che  torna in campo  è un’altra cosa, si rivede la difesa aggressiva  e anche l’attacco comincia a funzionare. Subito un break di 9-0 targato Robinson e Valenti che la riportano a stretto contatto con Rimini, anzi con un altro mini break di 7-0 passa a condurre sul 45-43. Ora si gioca punto a punto fino alla fine del quarto che finirà con 2 liberi di Robinson per il 57-56 finale.

L’ultimo quarto è vietato ai deboli di cuore, anche se l’inizio è di marca reggiana, che complice un tecnico a Caja, porta la Trenkwalder al massimo vantaggio  +5 dopo solo 2 minuti. Rimini non demorde e a metà quato si rporta avanti ( 65-63 ) con break di 7-0. Si arriva alle battute finali con le squadre che lottano su ogni pallone sino all’epilogo che abbiamo già descritto all’inizio. Per Reggio è una mazzata pesantissima che complice i risultati arrivati dagli altri campi la vedono relegata al in questo momento al  penultimo posto in classifica, ovvero  se il campionato finisse ora sarebbe retrocessa in A dilettnti. Per fortuna mancano ancora 2 gare e tutto può ancora succedere. Rimini invece si gode il suo 4 posto in classifica, seppure in coabitazione  e si prepara a disputare i pla- off da protagonista.

 

 

TRENKWALDER  REGGIO EMILIA

Bell 6, Robinson 19, Veccia,  Valenti 8, Germani, Frassineti 6, Pini 1, Frosini , Slanina 19, Cervi, Chiacig 10, Viglianisi . Allenatore  Massimiliano  Menetti

IMMOBILIARE SPIGA RIMINI

 

 

Lollis 18 ,Tommasini  8 ,Gasparin ,Filloy 4, Foiera 2, Gurini 3,  Metreveli 6 ,Vukcevic 11, Piazza 2 ,Roderick 16.

Allenatore Attilio Caja

 

Arbitri: Terreni , Bartoli , Paronelli

Spettatori  2861

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy