Riscossa Viola, battuta alla grande l’Angelico Biella

Riscossa Viola, battuta alla grande l’Angelico Biella

restazione sontuosa per i reggini che, dimenticano immediatamente la prima sconfitta stagionale subita sul campo della Bcc Agropoli e giocano una gara perfetta.

Commenta per primo!

Una Viola strepitosa si abbatte sull’Angelico di Biella. Prestazione sontuosa per i reggini che, dimenticano immediatamente la prima sconfitta stagionale subita sul campo della Bcc Agropoli e giocano una gara perfetta. Difesa, canestri e contropiede: l’Angelico si arrende alla verve dei reggini che vincono il primo turno da disputarsi sul campo neutro in quel di Barcellona Pozzo di Gotto. In una serata di gioia è con la tristezza nel cuore per la scomparsa del nostro amico e collega Mimmo Durangte che ci tocca raccontare una vittoria che lo avrebbe reso felicissimo ed orgoglioso. Lui, che per anni ha seguito e raccontato in tante trasferte le gare della sua Viola, starà sicuramente esultando da lassù per questi ragazzi che sono scesi sul parquet del PalaAlberti con il lutto al braccio in suo ricordo. Dopo le emozioni per il minuto di silenzio dedicato a Mimmo, la Viola di coach Paternoster parte a mille piazzando subito un parziale di 11-0 firmato da Radic, Legion e Fabi. Una tripla di Micevic vale il +12 (14-2) ma l’Angelico si risveglia e con Ferguson e De Vico risale sul -6 (16-10). Entra in scena anche il talento di Lorenzo Caroti che realizza splendidamente dalla grande distanza (19-10). Dopo il botta e risposta Udom-Radic, i neroarancio scappano ancora con la tripla di Micevic (24-12 al 7’). L’Angelico è solo Ferguson che risponde dai 6.75 e riporta i suoi sul -9 (24-15). La zampata di Legion spinge la Viola sul +11 ed è poi Mattia Udom a realizzare quattro punti in fila; la prima frazione si chiude sul 26-19. La seconda frazione inizia con i canestri di Radic, Marulli ed Hall (31-25); ad un Mike Hall fantastico sul fronte offensivo risponde un Ivica Radic che non è assolutamente da meno (33-25). La Viola raccoglie tanto anche dal perimetro con Marulli che allieta ancora il pubblico con una tripla che vale il +9 (36-27 al 13’). Biella risponde con Wheatle ma l’attacco neroarancio è fluido e sono ancora Radic e Legion a trascinare i reggini (40-29). L’Angelico si affida al talento assoluto di Mike Hall (40-31) coadiuvato da Tessitori ma è uno splendido Ivica Radic a trascinare letteralmente la Viola prima che lo staff tecnico reggino gli conceda il meritato riposo. Pochi istanti dopo, un leggero calo di lucidità nel leggere alcune situazioni porta coach Paternoster a ricorrere al minuto di sospensione sul 43-35 al 14’. Cambio di difesa dopo il timeout, la Viola torna a uomo e sul fronte offensivo i reggini spingono sull’acceleratore con Legion e Marulli e toccano il +14 con cui si va al riposo (49-35). Si torna sul parquet dopo il riposo e Biella alza l’intensità per provare a ricucire il gap: l’Angelico si affida ancora ad un super Mike Hall coadiuvato da De Vico ma il capitano Agustin Fabi mette tutti in riga con una tripla seguita da uno splendido canestro di forza di Micevic (54-42 al 21’). E’ una bella pallacanestro quella che mandano in scena i reggini, difesa e transizione con Marulli e Legion. Ma De Vico non molla ed approfitta di un attimo di distrazione della Viola per firmare un mini parziale insieme ad Udom al quale, però, risponde ancora il capitano Agustin Fabi con una tripla (62-50 al 26’). E’ un botta e risposta continuo con De Vico, ancora leader dei piemontesi, ma l’Angelico ha speso tanto nei primi minuti e paga nel finale di terza frazione con la Viola che dilaga con Marulli, Fallucca e Legion (74-52 al 28’). Venuto realizza il -20 con cui si chude il terzo quarto (74-54). L’Angelico prova l’ultima fiammata ad inizio ultimo quarto con Alex Ferguson che realizza cinque punti in un amen ma la Viola c’è, controlla bene e non si fa sorprendere con Radic e Legion (78-60). Il dominio neroarancio viene completato da una tripla di Fallucca che fissa il +23 ed insieme ad un super Legion di fatto chiude la gara (85-61 al 35’). Paternoster sfrutta i minuti finali per legare ancora di più il gruppo e quando è Tommaso Guariglia a realizzare tutti i componenti della squadra esultano con lui, sottolineando, se mai ce ne fosse bisogno, il grande legame che questi ragazzi stanno costruendo. C’è spazio e tanta gioia anche per i giovanissimi Bianchi e Marino, che esordiscono in serie A2. La gara si chiude sul 93-67. Un successo convincente e straordinario , se non altro perché ottenuto con una grande prestazione di tutto il gruppo, nessuno escluso. Segnali positivi, che già si erano intravisti ad Agropoli, e che oggi trasmettono ulteriore fiducia a questo gruppo di giovani che ha ancora grandi margini di crescita. Primi due punti della stagione e da martedì si inzierà a pensare alla Virtus Roma, prossimo avversario dei neroarancio che domenica prossima proveranno a piazzare il colpaccio al PalaTiziano di Roma. SERIE A2 – GIRONE OVEST

VIOLA REGGIO CALABRIA – ANGELICO BIELLA 93-67

VIOLA REGGIO CALABRIA: Radic 19, Taflaj, Marino, Legion 25, Caroti, Fabi 18, Bianchi, Guariglia 2, Guaccio, Marulli 13, Micevic 8, Fallucca 8. Coach: Paternoster

ANGELICO BIELLA: Ferguson 18, Hall 17, Massone ne, Venuto 2, Pollone ne, De Vico 15, Udom 11, Pasqualini,Wheatle 2, Rattalino, Tessitori 2. Coach: Carrea

Arbitri: Andrea Masi di Firenze (FI) – Marco Vita di Ancona (AN) – Alessandro Costa di Livorno (LI)

Parziali: 26-19; 49-35; 74-54;

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy