Roma ci prova fino alla fine, cade di un punto contro Trapani

Roma ci prova fino alla fine, cade di un punto contro Trapani

Sconfitta 82-83 la Virtus Roma per mano della pallacanestro Trapani, che con 24 punti di Mays sbanca il Palazzetto dello Sport dopo un finale al fotofinish.

Cade di nuovo la Virtus Roma contro una Pallacanestro Trapani che mette in campo una pallacanestro di squadra, semplice ma efficace. Resiste bene la squadra padrona di casa per i primi due quarti, con un Meini forse nella sua miglior partita in maglia romana, e con i soliti Olaswere e Voskuil, che forti del titolo di MVP di Marzo del girone Ovest, ricevuto all’inizio della gara, fanno davvero di tutto per tenere a galla la propria squadra. E’ dal terzo periodo che Roma comincia a subire sempre di più, perdendo lucidità e penalizzando il gioco di squadra in favore di iniziative dei singoli che, troppo spesso, non hanno esito positivo. Dal canto suo Trapani ha una grande spinta dal talento incontenibile di Mays, è letteralmente incontenibile per la difesa romana; altra grande risorsa è Renzi, che domina sotto i canestri e mette dentro 18 pesantissimi punti. Tutti in casa Trapani danno però il loro contribuito, e così con la grinta di Okoye, la forza di Ganeto, e i fattori Viglianisi e Filloy, i siciliani raggiungono un successo meritato, nonostante il finale in volata che ha lasciato tutti il Palazzetto dello Sport con il fiato sospeso fino all’ultimo secondo di gara.

Le tre successive partite saranno fondamentali per la Virtus: la classifica è molto corta e per ottenere la matematica certezza di salvezza la squadra di coach Caja dovrà portare a casa almeno una vittoria.

LA CRONACA:

Jamal Olasewere inizia subito con grinta, ma Trapani pareggia  con un ottimo Renzi e i giochi sono aperti. Mays prova subito a far fuggire i suoi, ma Maresca, Meini e ancora Olasewere limitano i danni e restano agganciati alla gara, che procede punto a punto fino a che i tiri di Leonzio e Meini e un antisportivo fischiato a Chessa portano i padroni di casa in vantaggio (26-21 al 10′). Mays recupera velocemente lo svantaggio e Trapani per mano sua sorpassa nuovamente la Virtus; il quarto è comunque giocato sul filo dell’equilibrio, con gli animi che si fanno sempre più caldi, ma Trapani scappa sul finale con due bombe di Filloy e di un fantastico, incontenibile Mays, e sono gli ospiti a chiudere in vantaggio per 42-47.
L’inizio del terzo quarto sembra aver spostato tutta l’inerzia della gara su Roma, che segna con difficoltà e non riesce a contenere lo straripante Mays e Okoye, entrato con prepotenza in partita. La Virtus si risolleva nella seconda metà del quarto con uno ottimo Meini: la sua tripla e un fallo antisportivo a suo favore riportano i padroni di casa sulla nuova parità. Roma prova a superare ma non riesce a compiere il passo giusto e Trapani, guidata da un Ganeto in stato di grazia, chiude di nuovo in vantaggio (65-66). Anche Viglianisi si iscrive alla gara e arriva un nuovo break per Trapani, mentre Roma perde sempre più la lucidità. Nemmeno le mani d’oro di Voskuil possono niente, e  nonostante il guizzo finale i padroni di casa cadono per mano della formazione siciliana 82-83.

Virtus Roma: Olasewere 19, Meini 14, Maresca 5, Leonzio 5, Callahan 10, Benetti 2, Voskuil 25, Bonfiglio 2

Pallacanestro Trapani: Mays 24, Renzi 18, Okoye 5, Chessa 4, Ganeto 14, Viglianisi 8, Filloy 10

Fotogallery a cura di Federico Rossini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy