Sanders è un prodigio, Casale è matura: Siena cade 76-66!

Sanders è un prodigio, Casale è matura: Siena cade 76-66!

Commenta per primo!

CASALE MONFERRATO- Trascinata da un portento chiamato Jamarr Rodez Sanders, la Novipiù Casale abbatte Mens Sana per 76-66 e conquista così la prima vittoria stagionale. Con 30 punti all’esordio con la nuova canotta, la guardia di Chicago conduce i ragazzi allenati da Ramondino ad un successo tutt’altro che scontato, anche a causa delle condizioni fisiche deficitarie di pedine fondamentali casalesi. Una partita equilibrata ma, numeri alla mano, persa da Siena anche a causa dei pochi punti realizzati nel secondo tempo di gara, e dalle défaillances dei singoli nei momenti cruciali. Certo, la stagione è solo all’inizio, Sanders non potrà tenere ritmi simili per tutto l’arco del campionato, ma se la maturità rossoblù è quella palesata contro Siena, per i tifosi casalesi quest’anno ci sarà da divertirsi.

SIENA, UN VANTAGGIO EFFIMERO- Con un quintetto da inventare, complici l’assenza di Marcius e con Severini a mezzo servizio causa problemi muscolari, Casale centra per primo il canestro grazie al tanto atteso Sanders, in comodo appoggio. Dall’altra parte ci pensa Turner, in un botta e risposta a stelle e strisce. Martinoni prova ad ingranare la marcia con un gioco da 3, trovato da Tomassini, ma Siena è squadra vera e, prima con Sandri poi con Lestini, passa in vantaggio sul 9-10, prima di allungare ancora grazie ai punti di Vildera: 9-14. Il “PalaFerraris” però, comincia a notare il talento di Sanders che tiene a galla i suoi, anche grazie ad un ottimo gioco da 3 punti “diretto” dal vicecampione mondiale Denegri. Turner prova ad allungare ancora ma, quando meno te lo aspetti, Sanders va in terzo tempo a fil di sirena. Casale resta lì, Siena non riesce a scappare: 21-22 dopo i 10’ di stagione.

TANTO EQUILIBRIO, MA CASALE E’ AVANTI- Il secondo quarto si apre con i punti del protagonista più atteso per i toscani, vale a dire Ebanks, che punto nell’orgoglio nella sfida personale con l’ex Aquila Trento. Per Casale, si accende in zona punti Tomassini, che trova la bomba del 24-24, bissata dall’esperto Blizzard a cui replica Simonovic. Ramondino non è contento dei troppi punti subiti e chiama il time, così Casale acquisisce grinta, sospinta dal pubblico viscerale del “PalaFerraris”. A ravvivare ulteriormente l’urlo dei tifosi di casa ci pensa Sanders, che recupera palla al limite dell’area per involarsi verso la schiacciata. L’americano si supera anche in fase di rimbalzo, imbeccando il contrattacco che porta alla bomba di Denegri dall’out di destra, che riporta Casale avanti a metà secondo quarto: 35-34. La partita non ha un padrone: al numero 22 casalese, rispondono Turner e Vildera. Casale è sfortunata dalla distanza, ma Sanders è glaciale anche in lunetta: 2/2 che porta il parziale personale dell’americano a 16 e Casale al riposo avanti per 42-40.

MENS SANA, POLVERI BAGNATE- Si torna dagli spogliatoi con i punti dei soliti noti: Sanders dall’out di sinistra prende due punti fantascientifici in bodycheck. Dalla distanza, il passaportato Blizzard illumina per il 47-40, accorciato da Ebanks. Ma la guardia nativa di Chicago è immarcabile e, al 7’ del terzo quarto porta a 20 le segnature personali e sul 49-42 il punteggio sul parquet, regalando la prima notizia di stagione: se sta bene fisicamente, Casale ha fatto un colpo perfetto. Siena ha le polveri bagnate, Ebanks costringe Cattapan al terzo fallo ma fa 0/2 dalla linea della carità. Per restituire fiato ai suoi, Lestini trova la bomba del -4 senese. La Novipiù però ha classe e grinta: Sanders è padrone assoluto del parquet, Martinoni realizza un reverse da NBA che porta Casale sul 54-49. L’altra certezza di giornata è che Siena è ancora in fase di rodaggio: pochi i punti realizzati, tante le ingenuità commesse. Falli inutili, in difesa e in attacco. Griccioli, l’ex di turno, lo capisce e si sbraccia in panchina. Borsato realizza il tredicesimo punto del quarto toscano, ma non basta: è 59-53.

SANDERS FORZA 30- Nonostante le noie fisiche, Severini è una delizia e centra subito il punto del 61-55. Siena resta lì e rosicchia punto su punto, fino a farsi sotto con la bomba di Simonovic: 63-60. Neanche a dirlo, il match è equilibrato, ma l’ago della bilancia, anche se chiamarlo così è riduttivo, è il solito Jamarr Rodez Sanders. E’ ovunque: difesa, attacco, non fa differenza. Prima propizia, con un rimbalzo da difensore, la bomba di Tomassini, poi buca per la volta numero 30, <<TRENTA>>, la retina della Mens Sana. Qualcosa di spaventoso che porta il punteggio sul 67-60. E, quando Siena comincia a non averne più dalla lunetta, complici gli errori di Sandri, a poco più di un minuto dalla fine, il pubblico casalese capisce che la prima vittoria della stagione è ormai arrivata.
Finisce 76-66 per i padroni di casa. Per Siena c’è ancora molto da lavorare. Casale, invece, attende il rientro di Marcius consolandosi con i primi due punti della stagione.

 

NOVIPIU’ CASALE 76
MENS SANA SIENA 66
(21-22, 42-40, 59-53, 76-66)

Novipiù Casale: Ielmini NE, Banchero, NE, Gregorio NE, Denegri 2, Tomassini 11, Valentini NE, Blizzard 15, Martinoni 12, Severini 6, Cattapan, Bellan, Sanders.
All.: Marco Ramondino.

Mens Sana Siena: Masciarelli NE, Ebanks 23, Casella 2, Cepic NE, Borsato 4, Vildera 10, Simonovic 9, Sandri 2, Saccaggi, Ceccarelli NE, Lestini 6, Turner 10.
All.: Giulio Griccioli.

Arbitro: Alex D’Amato.

Arbitri: Valerio Salustri, Paolo Lestingi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy