Scafati rinasce con il derby, stop Agropoli al PalaMangano

Scafati rinasce con il derby, stop Agropoli al PalaMangano

Una vittoria importante per dare serenità al coach e alla squadra e soprattutto per strappare un sorriso al Patron Longobardi che ha perso il cugino nella giornata di ieri.

Commenta per primo!

Derby campano alla quinta giornata del girone ovest di serie A2 con la Givova Scafati che ospita la BCC Agropoli. Coach Markovski schiera per la prima volta Linton Johnson, il lungo USA fortemente voluto per risolvere il problema rimbalzi, rinunciando dunque a Chase Fischer che ha deluso le attese nelle prime uscite stagionali.

Parte bene la Givova con un 6-0 di parziale firmato da Santiangeli e Perez. Lo stesso coach Macedone inizia con Naimy, Perez, Santiangeli, Fantoni e Johnson; l’ex di turno Finelli invece risponde con Santolamazza, Taylor, Carenza, Molinaro e Langford. Inizio balbettante però per entrambe le compagini, con Agropoli che fa “goal” dopo 5 minuti con una tripla di Santolamazza. Partita maschia, con tanta lotta sotto le plance e che vede iscriversi alla partita Naimy e Taylor. Nell’ultimo possesso offensivo per viaggianti Molinaro segna da sotto cogliendo impreparata la difesa scafatese e Crow sbaglia la tripla sulla sirena finale del quarto. Il primo periodo finisce con il punteggio di 15-10 per i padroni di casa. Ad inizio periodo Baldassarre piazza un 5-0 di parziale con una tripla dall’angolo e un lay-up su assit di Naimy che vale il +9 (25-16) che costringe coach Finelli al time-out. All’uscita dal time-out Agropoli trova subito la via del canestro con Carenza. Scafati però mantiene la calma e rimane con la partita in mano e va all’intervallo lungo sul +10 (41-31).

Il terzo periodo inizia con un 4-0 Agropoli firmato Santolamazza e Langford, ma Scafati prova a rimanere a contatto con 2 liberi di Johnson e un gioco da 3 punti (non concretizzato) di Fantoni. Agropoli però vuole rientrare in partita e piazza un altro parziale di 5-0 con una tripla fuori dai giochi di Taylor e un bel canestro da pivot vecchio stile di Langford. Il tabellone segna 45-43 e coach Markovski è costretto a chiamare time out per fermare l’emorragia gialloblè. In uscita dalla sospensione arriva una Bomba dal talento cristallino di Crow; Recupera Santiangeli e vola in contropiede ma Taylor spende il suo terzo fallo per non farlo schiacciare 2/2 ai liberi Langford a cui risponde uno scatenato Santiangeli con la bomba del +7 (52-45) Bomba Santolamazza e palla persa Scafati con Contento che fa felici i supporters di Agropoli portando i suoi sul -2 (52-50) Correzione Johnson a rimbalzo offensivo dopo un errore di Baldassarre per il nuovo +4 (54-50). Altro rimbalzone di Johnson che consente un extra possesso a Scafati che vale la bomba di Panzini (57-50). Fallo dubbio fischiato a Johnson (terzo e conseguente riposo forzato) e 2/2 di Taylor dalla lunetta. Bella azione corale di Scafati che segna da 3 di nuovo con Panzini, ma Taylor non ci sta e si alza da lontanissimo per rispondere al fuoco col fuoco: tripla! Si va all’ultimo mini riposo sul +5 (60-55) per i padroni di casa. L’ultimo periodo si apre com’era finito il terzo ossia con una bomba di Panzini (3/3) e con Agropoli che sbaglia con Langford. Segna ancora Scafati per il vantaggio in doppia cifra (65-55) con una zingarata di Panzini; Agropoli perde palla e Taylor commette ingenuamente il suo quarto fallo. Time-out chiesto da Finelli a 7 minuti dalla fine della partita per provare a sterzare nuovamente questo derby. Agropoli è in rottura prolungata e Ammannato aumenta il gap tra le due squadre segnando su un pregevole Assist di Naimy. Baldassarre sbaglia due volte da sotto ed entrambe le volte Agropoli realizza dalla lunga distanza (Contento e Carenza) accorciando fino a -6 (67-61) con 5 minuti ancora da giocare in questo derby davvero ricco di emozioni. Tripla Santiangeli subito dopo il time-out che riporta Scafati avanti di 9 (70-61). Quinto fallo di Taylor per Agropoli che però con Langford e Carenza di riporta sul -5 (70-65). Due bombe spettacolari di Naimy sembrano chiudere definitivamente la contesa (76-65) portando Scafati avanti di 12 lunghezze. Scafati gestisce i minuti finali senza fare sciocchezze e torna a vincere con il punteggio di 79-67. Una vittoria importante per dare serenità al coach e alla squadra e soprattutto per strappare un sorriso al Patron Longobardi che ha perso il cugino nella giornata di ieri.

GIVOVA SCAFATI – BCC AGROPOLI 79-67

GIVOVA SCAFATI: Crow 12, Fantoni 5, Naimy 9, Baldassarre 5, Ammannato 2, Panzini 11, Perez 6, Matrone n. e., Santiangeli 18, Johnson 11. ALLENATORE: Markovski Zare. ASS. ALLENATORE: Di Martino Umberto.

BCC AGROPOLI: Taylor 14, Langford 14, Silvestri n. e., Santolamazza 15, Romeo 7, Contento 10, Molinaro 2, Lucarelli, Ndiaye n. e., Amanti n. e., Carenza 5, Lepre n. e.. ALLENATORE: Finelli Alessandro. ASS. ALLENATORI: Delia Giuseppe e Marzullo Alessandro.

ARBITRI: sig.ri Borgo Christian di Dueville (Vi), Ascione Achille di Caserta e Mottola Christian di Taranto.

NOTE: Parziali: 15-10; 26-21; 19-24; 19-12. Tiri totali: Scafati 24/61 (39%); Agropoli 25/66 (38%). Tiri da due: Scafati 12/33 (36%); Agropoli 16/37 (43%). Tiri da tre: Scafati 12/28 (43%); Agropoli 9/29 (31%). Tiri liberi: Scafati 19/22 (86%); Agropoli 8/8 (100%). Falli: Scafati 17; Agropoli 21. Usciti per cinque falli: Taylor. Espulsi: nessuno. Rimbalzi: Scafati 43 (31 dif.; 12 off.); Agropoli 35 (26 dif.; 9 off.). Palle recuperate: Scafati 2; Agropoli 5. Palle perse: Scafati 14; Agropoli 10. Assist: Scafati 17; Agropoli 15. Stoppate: Scafati 1; Agropoli 1. Spettatori: 3.000 circa.

Fotogallery a cura di Marco Esposito

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy