SF G4 – Troppa Treviso per Treviglio, la De’Longhi in finale

SF G4 – Troppa Treviso per Treviglio, la De’Longhi in finale

Prova di forza della De’ Longhi Treviso che espugna il PalaFacchetti con il punteggio di 57-78 e conquista la finale per la promozione in Serie A.

di Adriano Zucchetti

Prova di forza della De’ Longhi Treviso che espugna il PalaFacchetti con il punteggio di 57-78 e conquista la finale per la promozione in Serie A. Una vittoria che i veneti conquistano con una grande prova a livello difensivo sin dalla palla a due e una fase centrale in cui infilano le marce alte mettendo una seria ipoteca sul risultato finale per poi controllare nel quarto di chiusura; dall’altra parte Treviglio paga forse un eccessivo nervosismo e delle percentuali al tiro al di sotto dei suoi standard, ciò non toglie a Vertemati e ai suoi ragazzi la standing ovation dei 3000 del PalaFacchetti a omaggiare giustamente una stagione che ha portato la Remer dove mai nella storia e oltre quelle che potevano essere le più rosee aspettative di inizio stagione.

Coach Vertemati manda in campo per la palla a due Caroti in regia, Roberts e Pecchia sugli esterni, Nikolic e Borra sotto canestro; dall’altra parte coach Menetti risponde con il quintetto formato da Imbrò in regia, Burnett e Alviti sugli esterni, Severini e Tessitori sotto canestro.

La prima stoccata è di Treviso con la tripla di Burnett, la Remer soffre la difesa molto forte degli avversari in questi prime fasi di gioco e i veneti ne approfittano per colpire ancora con il piazzato di Alviti; Treviglio si sblocca dopo 1’30” con il 3/3 ai liberi di Nikolic che da il via al parziale di 9-0 bianco-blu costruito con l’aggiunta dei canestri di Caroti e Borra e altri due liberi di Nikolic che ribaltano il punteggio a favore della formazione di casa (9-5) nella bolgia del PalaFacchetti. Imbrò guida la reazione della De’ Longhi con 5 punti che riportano gli ospiti a -1, Caroti risponde in penetrazione ma è ancora Treviso a colpire con 4 punti di Uglietti che riportano avanti i veneti (11-14). Treviglio pareggia con il gioco da 3 punti di Pecchia ma l’inerzia è ancora degli ospiti che si rilanciano avanti con la tripla di Severini e la penetrazione di Logan (14-19), mentre un Vertemati infuriato con gli arbitri è costretto a chiamare time out; la sfuriata fa bene alla Remer che pareggia subito con i liberi di Nikolic e la tripla di Palumbo, risponde subito però la De’ Longhi con la conclusione da dietro l’arco di Uglietti e il tap in di Chillo che mantiene il +5 ospite (19-24). Ultimo minuto in cui Treviglio muove il suo punteggio con i liberi di Pecchia, Treviso risponde dall’area con Chillo e Tessitori e chiude il primo periodo avanti 22-28.

Il secondo quarto si apre con un nuovo strappo dei veneti che piazzano un 6-0 con il piazzato di Uglietti e i 4 punti di Alviti (22-34), Vertemati chiama time out per tentare di interrompere il trend favorevole agli avversari ma trova solo un 2/2 ai liberi di Pecchia in una fase di gioco molto fisica e nervosa con entrambe le formazioni che non lesinano contatti anche al limite del consentito. Dopo il time out chiamato da coach Menetti a metà quarto arriva una reazione da parte della Remer con la penetrazione vincente di Palumbo e il gioco da 3 punti di Reati che dimezzano il passivo (29-34), altro minuto di sospensione chiamato dal coach della De’Longhi da cui Treviso esce molto bene con le triple frontali di Logan e Tessitori che ricacciano indietro gli avversari (29-40). Nel finale di quarto altro contro-parziale di Treviglio con la penetrazione di Pecchia e la tripla di Caroti, gli ospiti rispondono con il 2/2 ai liberi di Tessitori che manda le squadre negli spogliatoi sul 34-42 a favore dei veneti.

Si ritorna in campo con il canestro da sotto di Tessitori per una Treviso sempre molto aggressiva in difesa contro una Remer che appare parecchio confusa in attacco e che si affida troppo spesso al tiro dalla lunga distanza senza riuscire a bucare la retina dei veneti che, da parte loro, allungano ancora con la tripla frontale di Imbrò (34-47); Treviglio non riesce in nessun modo a segnare, somma errori su errori senza riuscire a muovere il suo punteggio, dall’altra parte nemmeno Treviso brilla per precisione ma continua a insistere e con la penetrazione di Alviti fissa il +15 (34-49) su cui coach Vertemati chiama time out per provare a dare una scossa ai suoi. La musica però non cambia con la De’Longhi ad allungare ancora con il piazzato di Chillo e la tripla di Logan (34-54), finalmente Treviglio batte un colpo con la penetrazione di Pecchia e trovando il primo canestro del quarto dopo più di 5′ di gioco, le redini dell’incontro però sono saldamente in mano ai veneti che piazzano un’altra tripla con Burnett (36-57). Nel finale di quarto piccola reazione trevigliese con l’ 1/2 ai liberi di Nikolic e la tripla di Reati, da parte sua Treviso compie l’errore di sparare un po’ troppo da dietro l’arco senza risultato e trovando solo una penetrazione con Logan, la BluBasket infila anche un piazzato con D’Almeida e chiude il terzo periodo sotto di 17 lunghezze (42-59).

L’ultimo quarto si apre con la schiacciata indisturbata di Tessitori, risponde D’Almeida con un 2/2 ai liberi in un inizio di periodo contrassegnato da errori da entrambe le parti; in uscita da un time out arriva il break trevigliese con il piazzato di Caroti e le triple di Pecchia e di Nikolic, a fronte del canestro da sotto di Chillo, per il -9 Remer (52-63). La De’ Longhi riprende fiato con il canestro da sotto di Severini e la bomba di Burnett, Treviglio infila un’altra tripla con Caroti ma Logan risponde con la stessa moneta riportando i suoi a +16 (55-71), a seguire la stoppata di Burnett su Pecchia e il piazzato di Chillo fruttano il +18 a poco più di 4′ dal termine con Vertemati a chiamare time out per un ultimo tentativo di ribaltare un match che in questo momento pare inesorabilmente dirigersi verso il Veneto. Al ritorno in campo Burnett consolida il vantaggio dei suoi con un gioco da 3 punti, Treviglio va a segno in penetrazione con Palumbo ma nulla più in attacco dove paga un eccessivo nervosismo e forse un po’ di rassegnazione a fronte di una De’ Longhi in controllo che si prende anche il lusso di mancare diverse volte il colpo dei titoli di coda; ultimo minuto in cui si registra il solo canestro di Barbante per Treviso per il 57-78 finale, dall’altra parte Treviglio chiude con gli under in campo e tutti i 3000 del PalaFacchetti a tributare il giusto applauso a una Remer che ha entusiasmato quest’anno e chiude una stagione vissuta ampiamente oltre le attese di inizio campionato.

Decisivi per la vittoria dei veneti le prestazioni di Burnett (top scorer dei suoi con 12 punti, 3 assist, 6 rimbalzi e un ottimo 3/4 dalla lunga distanza), Uglietti (vera spina nel fianco dei difensori trevigliesi, chiude con 11 punti, 4 rimbalzi e 3 assist), Alviti (8 punti, 6 rimbalzi e 6 assist), in doppia cifra anche Tessitori (11 punti e 5 rimbalzi), Logan (11 punti e 3/6 da dietro l’arco) e Chillo (10 punti e 8 rimbalzi).

A Treviglio non basta la solita ottima partita di Pecchia (16 punti e 6 rimbalzi), Nikolic (10 punti e 5 rimbalzi) e Caroti (12 punti), pagando oltre modo le percentuali al tiro in ribasso e la giornata storta di Roberts (0 punt, 0/8 dal campo) e Borra (2 punti, 3 rimbalzi).

Remer Treviglio 57–78 De’ Longhi Treviso (parziali: 22-28, 34-42, 42-59)

Remer Treviglio: Pecchia 16, Nikolic 10, Reati 6, Caroti 12, Palumbo 7, D’Almeida 4, Abati Touré, Tiberti, Roberts, Siciliano, Belotti, Borra 2. All. Vertemati

De’ Longhi Treviso: Tessitori 11, Logan 11, Burnett 12, Sarto, Alviti 8, Saladini, Vanin, Barbante 2, Imbrò 8, Chillo 10, Uglietti 11, Severini 5. All. Menetti

StatisticheTreviglio: 11/29 da 2, 6/21 da 3, 17/50 totale, 17/19 ai liberi; Treviso: 20/39 da 2, 11/24 da 3, 31/63 totale, 5/7 ai liberi.

Arbitri dell’incontro: Enrico Bartoli di Trieste (TS), Marco Pierantozzi di Ascoli Piceno (AP), Alessio Dionisi di Fabriano (AN)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy