Siena, targata Soundreef, batte Roma e saluta il suo pubblico

Siena, targata Soundreef, batte Roma e saluta il suo pubblico

Nell’ultima gara della stagione, i ragazzi di Griccioli si impongono sulla Virtus e chiudono con una meritata W tra le mura amiche.

di Andrea Sguerri

Siena non sbaglia e trascinata da un super Harrell supera la Virtus Roma, archiviando la stagione regolare con una vittoria.

PRIMO QUARTO

Siena al via con i soliti cinque: Saccaggi, Harrell, Tavernari, Flamini, Myers. Roma ai nastri con Chessa, Raffa, Brown, Sandri e Vedovato. La Mens Sana comincia bella calda dall’arco, Roma risponde cercando di forzare i tempi e andando per vie interne (8 a 4). La mano mancina di Brown è quasi diabolica, ma Tavernari e Myers hanno già messo la quarta e per coach Corbani è tempo del primo time out (12 a 6). Al rientro per la Virtus è peggio di prima: troppe palle perse e Siena può anche andare agile in contropiede. Harrell comincia a scaldare i reattori, mentre per Roma c’è solo Brown (19 a 10). Inizia il giro di cambi dalle panchine, e appena Siena abbassa la guardia è Griccioli ad interrompere, attento. Roma rimane a galla grazie alle occasioni dalla linea della carità, mentre Mascolo brucia la sirena ridando la doppia cifra di vantaggio ai suoi: 25 a 14.

SECONDO QUARTO

Siena parte a ritmi più lenti e Roma, briciolina dopo briciolina, si rifà sotto con un mini-parziale firmato Raffa (28 a 20). I biancoverdi non migliorano nemmeno dopo la sospensione voluta dal loro coach; Corbani dall’altra parte è già in maniche di camicia ad incitare i suoi, che con pazienza e tanto Brown sono di nuovo lì, sul 30 a 25. Salgono i volumi delle difese, raddoppia il numero dei contatti. Roma rimane in scia, mentre Myers prova a sparigliare con un coast to coast fuori copione che gli frutta anche il libero aggiuntivo (38 a 30). La Virtus resta agganciata con qualche perla dell’esperto Chessa, Siena si affida alle scorribande di Mascolo e alla solidità di Big Mike. All’intervallo lungo il tabellone dice 50 a 42 per Siena.

TERZO QUARTO

Flamini spara subito dall’arco, Brown, ispiratissimo, gli risponde con un personale 4 a 0 di parziale. Tante, troppe palle parse da entrambe le parti: gli attacchi ne approfittano, ma non è un bello spettacolo (55 a 49). Entra in partita anche Sandri, e la Virtus fa sentire di nuovo il fiato sul collo a Siena, che commette errori che definire banali è un pacato eufemismo (58 a 55). Quando poi se ne va anche la lucidità, allora la frittata è definitivamente fatta: Raffa pareggia prima da tre, poi sorpassa, e siamo di nuovo punto e a capo, con Roma che fa capire cosa significhi il concetto di intensità (58 a 60). Harrell prova a prendersi barroccio e squadra sulle spalle, ma Chessa continua a martellare da fuori e riporta avanti i giallorossi (66 a 67). Per un paio di azioni Roma sbatte contro la rinnovata verve difensiva biancoverde, e Siena può recuperare punti e fiducia, mentre Brown commette un quanto mai prematuro quarto fallo. Prima della fine Siena passa a zona e Landi la infila da tre sulla sirena: 74 a 73 e tutto rimandato all’ultimo quarto, come da prassi.

QUARTO QUARTO

Pronti via e Maresca buca subito dall’arco; Vildera e Mascolo però portano in dote la carica dei giovani, e non ci stanno (80 a 76). Chessa ormai è una macchinetta, ci vuole qualche accelerata di Saccaggi per la Mens Sana, che arriva nel momento più importante (85 a 79). Entrambe le squadre provano ad aumentare i battiti, ma più si corre e meno lucidi si è. Quindi è rischioso per entrambi, e ancora ci sono 5’ da giocare. Harrell segna allo scadere dei 24” una tripla dal gran peso specifico, Roma risponde con un 2+1 di Raffa che sempre di più ha in mano la squadra. Non c’è un attimo di tregua, ogni pallone vale oro, soprattutto adesso che le due squadre sono in bonus (94 a 88). Vildera lotta e insacca un canestro che gronda importanza, e poco dopo KT consolida il vantaggio dalla lunetta (98 a 89). Siena è vicina al traguardo, ma Roma non vuole mollare. La palla persa di Raffa però segna di fatto la parola fine, con Siena che raggiunge quota 100 e può gestire, anche se con qualche patema, il finale e il relativo stillicidio dalla lunetta, nonostante il coach romano ci provi davvero fino in fondo. Finisce , con la Mens Sana che vince la sua ultima uscita dell’anno e rinnova nel modo giuste le nuova maglie sponsorizzate.

 

Mvp Basketinside.com: Harrell

Soundreef Siena – Unicusano Virtus Roma 106-103 (25-14; 50-42; 74-73)

Soundreef Siena: Masciarelli 3, Harrell 33, Mascolo 8, Neri ne, Vildera 15, Saccaggi 6, Flamini 6, Pichi, Myers 20, Tavernari 15.

Unicusano Virtus Roma: Brown 23, Raffa 27, Piccolo ne, Lentini ne, Maresca 10, Chessa 11, Sandri 11, Baldasso 12, Landi 5, Vedovato 4.

Fotogallery a cura di Gianluca Romani

Harrell

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy