“SuperClark”, Venezia si porta sul 2-0

“SuperClark”, Venezia si porta sul 2-0

Commenta per primo!

Quintetti base

Umana Reyer Venezia: Clark, Young, Allegretti, Slay, Di Giuliomaria.
Snaidero Udine: Mathis, Harrison, Williams, Dordei, Lee.

I primi minuti premiano la caparbietà e la sicurezza degli uomini di coach Mazzon. Allegretti timbra il 6-2 dopo 3 minuti. Clark commette fallo su Harrison e l’americano converte i tre liberi dalla lunetta. Fino al 18-16 (8′) regna l’equilibrio: Bryan, appena entrato in campo, subisce due falli e fa 4/4 dalla linea della carità. Nell’ultimo minuto la panchina di Venezia fa ancora la differenza: prima Maestrello con una tripla, poi Meini dalla media distanza allungano sul +9 (27-18).
Inizia il secondo quarto e Bryan deve abbandonare momentaneamente la contesa per un problema alla caviglia. Entra Lechthaler: per l’ex Montepaschi Siena, nuovo beniamino del pubblico del Taliercio, 6 punti in soli 5′ di utilizzo. Al 16′ Venezia 36-28 Udine. Si sblocca Clark dal perimetro (40-30). Williams, da 3 punti, riporta i suoi a -5 (42-37). Si mette in ritmo Mathis che realizza gli ultimi due canestri udinesi e ricure lo svantaggio: 44-41 all’intervallo.
Ad inizio ripresa è subito Clark ad infilare il +7 (48-41). Allegretti deve abbandonare la contesa per un colpo alla schiena. I giocatori dell’Umana subiscono in difesa la rivitalizzata coppia Lee-Dordei: i due lunghi, sfruttando alcune amnesie dei veneziani, a volte troppo impegnati a discutere con la terna arbitrale, realizzano 15 punti e portano Udine avanti 54-57. Torna Bryan sul parquet ed è tutta un’altra storia: immediato il contro-break d i 6-0 concluso proprio da una schiacciata in transizione dell’ex Brindisi. Rinaldi inchioda il -1 in chiusura di frazione (60-59).
Lo stesso Rinaldi deve uscire dopo un colpo involontario al naso. Il punteggio si sblocca al 34′ con un libero di Bryan (63-59). Udine rimane a contatto con Mathis (66-62, al 36′). Ancora Bryan capitalizza dalla lunetta (2/2) ma è la tripla frontale di Meini a chiudere il match (71-62). La Snaidero comincia a commettere falli di frustrazione e Venezia continua imperterrita a convertire i liberi (Young 4/4). Il Taliercio è in tripudio e scatta addirittura la “ola” per ringraziare i propri giocatori. Clark, con l’ennesimo recupero (7 a fine serata), e Slay arrotondano il punteggio. Finisce 83-70. Non traggano in inganno le dimensioni del distacco finale: la Snaidero, infatti, ha tenuto per 35′ salvo poi arrendersi in concomitanza con l’uscita per falli di Lee, ottima presenza nel pitturato. Per Venezia, in seguito alla seconda vittoria al Taliercio, la possibiltà di sfruttare ben tre match-ball per l’accesso alla semifinale: appuntamento per mercoledì 18 al PalaCarnera di Udine per il terzo atto della serie.

UMANA REYER VENEZIA 83-70 SNAIDERO UDINE (27-18, 44-41, 60-59)

Umana Reyer Venezia: Clark 21, Allegretti 6, Causin 2, Slay 10, Di Giuliomaria 4,  Meini 5, Vianello ne, Young 12, Lechthaler 6, Maestrello 3, Ceron, Bryan 14.  All. Mazzon

Snaidero Udine: Williams 15, Mathis 6, Harrison 5, Pascolo 2, Bossi ne,  Dordei 6, Lee 14, Truccolo 5, Rinaldi 10, Prandin 7. All. Garelli

Arbitri: Calbucci, Perretti, Mazzoni.

Note: 3200 spettatori. Uscito per falli: Lee (Snaidero Udine).

MVP BASKETINSIDE: Keydren Clark (Umana  Reyer Venezia)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy