Tavernari dalle stalle alle stelle, tiro e vittoria Agropoli: Roma al sesto KO

Tavernari dalle stalle alle stelle, tiro e vittoria Agropoli: Roma al sesto KO

Commenta per primo!

BCC AGROPOLI – ACEA VIRTUS ROMA 69-68 (23-20, 35-36, 54-52)

BCC Agropoli: Merella, Santolamazza 10, Pecora, Bovo, Bolpin 1, De Paoli, M. Trasolini 13, Carenza 5, Spizzichini 6, Di Prampero 9, Roderick 17, Tavernari 8. All. Paternoster

Acea Virtus Roma: Olasewere 16, Meini 5, Maresca 10, Leonzio ne, Callahan 12, Benetti 3, Voskuil 18, Casagrande, Bonfiglio 4, Zambon. All. Caja

Una bomba da tre del peggiore in campo, Tavernari regala sorpasso e vittoria ad Agropoli.I delfini hanno meritato di vincere, ma questa Virtus Roma non ha meritato la sconfitta. Il sostanziale pareggio teorico è stato il leit motiv di una partita che ha fatto vedere spazzi di pallacanestro ad altissimo livello. La presenza di Roderick per Agropoli è stato il fattore più incisivo, ancora una volta, mettendo sul parquet la sua straordinaria fantasia e forza fisica, ma dire che tutti hanno giocato bene sarebbe un’eresia. È mancato l’apporto di Tavernari, risolutivo ma assente e addirittura deleterio per tutta la partita, tanto da costringere il coach spesso a farlo sedere in panca. Roma comunque è in crescita, diremmo in convalescenza: l’arrivo in panchina di coach Caja ha comunque fatto bene, la squadra ha mostrato ampi segnali di progresso e crescita, ma il risultato non può che remare contro la nuova gestione. Agropoli invece prosegue nel suo record da sogno (5-1), mantiene la testa della classifica e soprattutto mette in cascina valori per la salvezza, il vero obiettivo della società. Vincere con Roma è fatto storico, e forse la città ancora non ha realizzato la portata del successo: per ora questa gara  va in archivio, ma solo quando si apriranno gli archivi fra tanto tempo, ci si renderà conto di cosa è successo. Anzi,  di cosa sta succedendo.

PRIMO QUARTO  23-20: Le bombe di Trasolini e l’apporto sistematico di Roderick sono la costante sulla quale Agropoli ha impostato il suo avvio di partita, con Tavernari escluso dal quintetto base iniziale.Al primo time out il parziale di 20-12 è la giusta dimensione dell’approccio positivo dei delfini, due minuti finali tutti per Roma che riduce il parziale.

SECONDO QUARTO 35-36: Parte bene Roma e fa capire subito di non voler essere la vittima predestinata,la presenza di Tavernari riduce le forze dei delfini e la Virtus ribalta il punteggio facendo leva sul punto debole di Agropoli, i rimbalzi, il tutto mentre rimane altissima la percentuale di errore sui tiri da tre dei locali. Roderick però, colpito nell’orgoglio al minuto 8 s’inventa una stoppata e transizione in coast to coast. Gli stranieri ospiti sono devastanti , Agropoli sotto pressione, Benetti sotto canestro è sempre pericoloso. Callahan l’uomo in più.

TERZO QUARTO 54-52: L’equilibrio è dominante, fino a quando  i romani cedono  sotto le plance e in attacco Trasolini con schiacciata e correzione ne fa 4 di punti invertendo la rotta.Tavernari e Carenza come con Rieti non danno il loro apporto e. nonostante il tecnico li alterni. non riescono ad essere per incisivi. Da due e da tre c’è però il riscatto di Carenza, regalando alla squadra l’allungo a +4 con 60” da giocare,  54-52 al 30′.

QUARTO QUARTO 69-68: Fiducia ancora a Tavernari, ma l’italo-brasiliano stecca ancora, Agropoli si regge sui soliti Trasolini e Roderick, capaci di tenere alta la tensione, mentre negli ospiti le forze cominciano a mancare. Carenza fallisce il tiro del più sette e favorisce la schiacciata di Casagrande, spettacolare il gesto del romano. La bomba di Voskuil timbra poi il sostanziale equilibrio, il finale è punto a punto.Fantastica la percentuale di Roma da tre, e nonostante Di Prampero risponda proprio dall’arco, a poco più di 2 minuti dalla fine i romani sono avanti di 2.Si arriva a fine gara con l’equilibrio netto fino alla bomba,ironia della sorte,del peggiore in campo,Tavernari che ad un secondo dalla fine regala ad Agropoli i tre punti e la vittoria di un solo punto.69-68.

Fotogallery a cura di Alfonso Izzo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy