Torino bagna il debutto casalingo con un successo, sconfitta Jesi

Torino bagna il debutto casalingo con un successo, sconfitta Jesi

Commenta per primo!

TORINO Grandi emozioni per la gara d’esordio casalinga della Manital in Legadue :il Ruffini offre un buon colpo d’occhio con almeno 3500 spettatori presenti sugli spalti e lunghe code in biglietteria. AVVIO INTENSO Pillastrini si affida a Gergati, Mancinelli, Evangelisti, Chessa e Amoroso, Coen gli oppone Maggioli, Borsato, Goldwire, Rocca, Jukic . Il Primo boato del Ruffini saluta l’ incursione di Gergati che apre i giochi, è immediata la reazione ospite con Mason Rocca, poi però è ancora Gergati a segnare in transizione. Brillante avvio di Amoroso che realizza dalla media, subito imitato da Maggioli sull’altro fronte. Non si sbaglia un colpo : Chessa e Rocca trovano due buone conclusioni, Gergati è il più ispirato e porta i gialloblù sul +6. Mancinelli e Goldwire muovono ancora il punteggio. I ritmi sono sostenuti, l’arcobaleno di Goldwire riporta i marchigiani a due possessi di distanza ,Jesi si ritrova a contatto con una bella realizzazione dopo rimbalzo offensivo di Maggioli. Il digiuno gialloblù è interrotto da una pregevole iniziativa di Sandri che finalizza un gioco da tre punti aprendo un minibreak che prosegue con la tripla di Amoroso.il canestro di Rocca chiude il quarto sul 20 – 14. MIGLIORE AZIONE DEL QUARTO la tripla di Amoroso sul finale di quarto AMOROSO SUPER E’ Maggioli ad aprire le marcature in semigancio, i marchigiani sono attenti agli accoppiamenti difensivi ed i primi possessi gialloblù si chiudono con un nulla di fatto. Poi sale in cattedra Evangelisti con tre conclusioni da favola per Torino : nella prima sfida Rocca e trova un gioco da tre punti, poi segna dalla media e dalla lunga distanza, Jesi passa a zona e nonostante due buone iniziative di Rocca si ritrova a -10 (28 -18).La Manital continua a condurre i giochi con Sandri, gli ospiti provano a ricucire con Jukic e Rocca dalla linea della carità. Rocca e Mancinelli non si risparmiano colpi in un duello fisico in cui c’è molto di azzurro, i liberi di Maggioli per i marchigiani sono pareggiati da quelli di Amoroso.In questa fase gli ospiti risalgono con Goldwire assoluto protagonista del break : suoi i due canestri nel traffico che riportano Jesi in scia (32-30).Ma Amoroso è incontenibile : trova la tripla e piazzato, Goldwire e Jukic provano a controbattere,ma il totem gialloblù non demorde finalizza un gioco da tre punti che fissa il punteggio all’intervallo lungo sul 40 – 35. MIGLIORE AZIONE IN CAMPO L’incursione finale di Amoroso, canestro e fallo subito che infiamma il Ruffini. INFALLIBILE GOLDWIRE E’ nuovamente un Maggioli ispirato ad colpire dalla media in avvio, la Manital replica con la conclusione pesante di Chessa. L’antisportivo sanzionato a Goldwire non sortisce gli effetti sperati : Gergati segna un solo libero, la prepotente schiacciata in campo aperto di Jukic ed il semigancio di Rocca riportano i marchigiani a due possessi (44 -40). Evangelisti mostra il suo marchio di fabbrica, la meccanica è perfetta e la Manital con la sua tripla torna a +6 (47 -41). Jukic e Goldwire e Rocca sono spine nel fianco della difesa gialloblù Jesi impatta al 6’ (47 -47).Ora Torino non sa più segnare e Pillastrini è costretto al time out. Rocca si procura il fallo che vale il primo sorpasso e si ripete subito dopo concretizzando un assist di Jukic (47 – 50). Le triple di Goldwire stordisce i gialloblù che continuano a sprecare in attacco. La Manital muove di nuovo il punteggio con Gergati e finalmente Mancinelli (6 punti in due),il solito Maggioli firma l’ultimo canestro ospite del quarto. (53 -58) AZIONE IN CAMPO Schiacciata di Jukic. TORINO VINCE DI SQUADRA L’ultimo quarto si apre ancora nel segno di Amoroso che giganteggia in area, il pareggio è opera di Sandri. La tensione si fa sentire, l’intensità resta alta me le conclusioni su ambo i fronti sono affrettate. I gialloblù comunque sembrano quelli più in palla : Mancinelli realizza in semigancio, la tripla di Viglianisi ben liberato dai compagni vale il +5 (63-58). Pms impeccabile anche in difesa, i marchigiani restano fermi mentre Evangelisti a cronometro fermo allunga ancora le distanze (65 -58 all’8’).Un gioco di prestigio di Amoroso elude la difesa ospite e pareggia il canestro precedente di Maggioli.L’ ultimo minuto si apre con i due lunghi ancora protagonisti su entrambi i fronti, Rocca tiene vive le speranze marchigiane. Il fallo sistematico manda Gergati in lunetta con 28” da giocare, l’esterno gialloblù realizza il primo.Il finale emozionante, un’ ingenuità di Chessa regala tre liberi a Santiangeli che non sbaglia, è Gergati a chiuderla realizzando a cronometro fermo i punti della sicurezza. GIOCATA DEL QUARTO L’ultimo canestro di Amoroso che chiude virtualmente i giochi. Manital Torino – Fileni BPA Jesi 74-67 (20-21, 20-21, 13-23, 21-9) Manital Torino: Stojkov, Mancinelli 7 (3/4, 0/2), Evangelisti 13 (2/3, 2/5), Chessa 5 (1/2, 1/4), Sandri 8 (2/4, 1/3), Amoroso 23 (7/11, 2/6), Viglianisi 3 (1/3 da tre), Gergati 15 (3/7, 1/2) N.E.: Baldasso. Allenatori: Pillastrini Fileni BPA Jesi: Maggioli 16 (7/9, 0/1), Borsato, Jukic 8 (4/8, 0/1), Mason Rocca 19 (8/10), Goldwire 20 (5/10, 2/10), Gaspardo, Santiangeli 4 (0/3, 0/3). Allenatori: Coen

Fotogallery a cura di Marco Magosso

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy